4 ricette di Cyril Lignac da gustare

Se hai bisogno di un buon motivo per mangiare un piatto di pasta o una pizza questa domenica, non cercare oltre. Questa è l’occasione per celebrare la Giornata Internazionale della Cucina Italiana, celebrata il 17 gennaio, festa cattolica dedicata a Sant’Antonio Abate, patrono degli animali, dei macellai e dei salumi.

Il cibo italiano è parte integrante della nostra vita quotidiana, qualunque siano i nostri livelli dietro i fornelli. Per regalarti, viaggia senza muoverti dal tuo divano e dimentica per un attimo il coronavirus, le maschere, mentre assapori un piatto o un dolce italiano, scopri queste 4 ricette da Cyril Lignac.

Pizza tradizionale e ragù alla bolognese, impara anche a preparare una scaloppina alla milanese oa fare un panettone per una colazione dolce e golosa. Siete gli chef, quindi buon divertimento e felice Giornata Internazionale del Cibo Italiano!

1. Una soffice pizza fatta in casa

Il segreto per fare la pizza è farlo il giorno prima. Mescolare il lievito fresco, il sale, l’acqua e la farina, formiamo l’impasto e lo lasciamo per una notte in frigorifero. Tiriamo fuori l’impasto un quarto d’ora prima di stenderlo. Puoi anche chiedere al panettiere 200 g di pasta di pane lo stesso giorno per stenderla e comporre la tua pizza. Disporre su una teglia rotonda, che metteremo sulla piastra calda.

A Cyril Lignac piace la sua pizza con cubetti di formaggio italiano come la fontina, ma puoi sopra anche il reblochon, un po ‘di ricotta o salsa di pomodoro. Si cuoce in forno caldo a 250 ° C con una teglia capovolta già calda nel forno.

Quando si vuole fare una pizza con le verdure, consiglia di cuocerle in anticipo per metterle a fine cottura, condire con un po ‘di vinaigrette al limone. Quindi aggiungere il parmigiano grattugiato.

READ  Lockdown in Inghilterra da giovedì, annuncio Boris Johnson - Corriere.it

2. Una croccante cotoletta alla milanese

Condiamo prima la carne, sale e pepe, prima di passarla nella farina (che può essere farina di riso o qualsiasi altra farina in caso di intolleranza al glutine). Successivamente viene immerso nelle uova sbattute in una frittata e nel pangrattato. È possibile semplicemente acquistare il pangrattato già pronto o utilizzare pane morbido che asciugeremo bene in anticipo per avere un lato leggermente più dolce e al quale possiamo anche aggiungere un po ‘di parmigiano in polvere per dargli più profumo.

Il segreto di a buona schnitzel alla milanese
poi succede. La carne va tolta prima della cottura in modo che sia a temperatura ambiente, scaldare un filo d’olio con una noce di burro semi-salato ed eventualmente un po ‘di aglio o timo. La cotoletta deve cuocere da entrambi i lati e sii croccante.

Per accompagnarlo, niente come un piccolo insalata caprese, pomodori, mozzarella, olio d’oliva o a piatto di penne al pomodoro. E chi preferisce un’alleanza tra Italia e Francia può rivolgersi alle patate Noirmoutier che faranno il trucco.

3. Un ragù alla bolognese ricco di sapori

Lo chef ti racconta i suoi segreti per un ragù alla bolognese di successo (immagine illustrativa).
Credito: Angèle J. / Pexels

Il primo segreto per fare un buon ragù alla bolognese fatto in casa è quello di prendere una buona casseruola. Cyril Lignac
sceglie una casseruola di ghisa in cui mette l’olio d’oliva. Taglia le cipolle e le rosola all’interno. Poi aggiunge carote e funghi di Parigi tritato. Poi condisci con un po ‘di timo, ma puoi anche mettere un rametto di alloro. Lasciamo caramellare prima di aggiungere la carne macinata.

Per quanto riguarda la carne, ci sono due soluzioni: o acquistiamo direttamente la carne macinata, oppure vogliamo che sia un po ‘più tenera e possiamo mescolare due carni: vitello e manzo. Ciò consente una miscela molto più liscia. Più grasso è, più morbida è la preparazione. Quindi si aggiungono aglio e basilico.

READ  Milan, annuncio ufficiale su Stefano Pioli: cosa succede ora

Sicuro quindi lasciate cuocere la preparazione per dieci minuti in modo che il succo della carne fuoriesca per ridurlo ed evapori. Quindi aggiungere il vino rosso e la salsa di pomodoro e lasciare cuocere a fuoco lento. Lo chef Lignac piace lì aggiungere la pancetta di Colonnata, è una pancetta italiana lasciata riposare per sei mesi che è molto gustosa.

4. Un panettone per una buona colazione

Prendiamo una ciotola robotica con il gancio, la mettiamo 250 g di farina, un pacchetto di lievito
baker – chiederemo al panettiere del lievito biologico. Lo mescoliamo con un po ‘d’acqua per rilassarlo. Versiamo dentro la farina con lo zucchero, 120 grammi di burro tagliato a cubetti, 4 uova e un pizzico di sale. Impastiamo, ci fa un impasto. Impastare per 10 minuti deve essere elastico e sganciato dal gancio. Quindi, lo mettiamo in un luogo caldo. Come la brioche, crescerà.

Panettoni (illustrazione).
Panettoni (illustrazione).
Credito: Astrid Stawiarz / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / Getty Images tramite AFP

Una volta che è cresciuta bene. Viene “degassato” con la mano. E lì aggiungiamo arancia candita, cedro, uvetta, gocce di cioccolato. Quindi, modelliamo la palla, la imburriamo, la tacchiamo per far suonare la piccola decorazione. Lo lasciamo gonfiare per una buona ora e poi lo inforniamo. Quindi ci sono due cotture. Deve essere davvero ben sviluppato. Incubiamo durante 10 minuti a 180 gradi per fare la crosta e poi cadere a 150 gradi per 40 minuti.

Quindi aggiungere un po ‘di burro, un po’ di miele e conservarlo in un piccolo canovaccio. Possiamo metterci sopra dello zucchero e piccoli pezzi di zucchero e lo mangiamo. È morbido. Puoi coprirlo con marmellata – piuttosto albicocca – o spolverare anche con un po ‘di cacao. Puoi anche mettere frutta secca, quindi nocciole, pistacchi, noci. Poi metti quello che vuoi e tu personalizzare il vostro modo. Per conservarlo, lo mettiamo in un piccolo canovaccio e fuori, non nel frigorifero, soprattutto non nel frigorifero.

READ  Una giornata ricca di gol in Italia

Bonus: uova strapazzate con mascarpone

Normalmente uova strapazzate, interrompere la cottura con la panna liquida. Puoi fermarli con la panna montata ea quel punto, aggiungere un cucchiaino di mascarpone, li rende molto cremosi. Può essere utilizzato anche negli amaretti. Prendiamo la marmellata, una crema spalmabile o pralinata, che mescoliamo al mascarpone per fare questa pasta che va all’interno degli amaretti.

La redazione ti consiglia


Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *