La prima Fiera di Canton post-COVID avrà una partecipazione offline attiva globale

La prima Fiera di Canton post-COVID avrà una partecipazione offline attiva globale

I funzionari hanno annunciato il 4 aprile che la 33a China Import and Export Fair, in programma dal 15 aprile al 5 maggio, accoglierà gli acquirenti provenienti da oltre 220 paesi e regioni con la riapertura di tutte le mostre offline nella capitale Guangzhou, nella provincia del Guangdong (sud Cina).

La foto panoramica scattata il 14 novembre 2021 mostra lo scenario lungo le rive del Fiume delle Perle a Guangzhou, capitale della provincia meridionale cinese del Guangdong. (Foto/Xinhua)

Secondo il Vice Ministro del Commercio Wang Shuwen, l’evento, noto come la Fiera di Canton, sarà di grande importanza per la ripresa e la crescita dell’economia cinese e globale, in quanto offre alle aziende di tutto il mondo l’opportunità di creare un ambiente sicuro e ambiente affidabile. e catene di approvvigionamento efficienti con partner cinesi.

Coprendo un’area di 1,5 milioni di metri quadrati, le sedi espositive offline ospiteranno piattaforme di importazione ed esportazione. Circa 34.000 aziende nazionali occuperanno la divisione export, di cui 5.700 possiedono marchi o tecnologie leader. Wang ha affermato che la divisione import includerà 508 società straniere provenienti da 40 economie, tra cui Stati Uniti, Canada, Italia, Germania e Spagna.

Nuova attrazione

Secondo il Vice Ministro del Commercio, questa Fiera di Canton ha più spazio, temi e molti nuovi prodotti da presentare ai partecipanti nazionali e stranieri. In particolare, le aree espositive sono più grandi del 25% rispetto alla precedente edizione e coprono settori senza precedenti, come la produzione intelligente, i veicoli di nuova energia intelligenti e connessi, i prodotti per la maternità e l’infanzia e la silver economy che soddisfa le esigenze degli anziani.

Infine, durante le fiere online verranno lanciati anche più di 3 milioni di nuovi prodotti. Di questi, 500.000 sono prodotti a basse emissioni di carbonio e 130.000 sono prodotti con l’ausilio di tecnologie intelligenti.

READ  Perché dirigere i viaggi britannici è un duro colpo per la Grecia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *