Square Enix vuole creare una piattaforma blockchain per la creazione e il profitto

Square Enix ha espresso interesse a utilizzare la blockchain per facilitare i contenuti generati dagli utenti e pagare i creatori con criptovaluta per le loro creazioni in-game.

Dragon Quest e il produttore di Final Fantasy Square Enix hanno da tempo accelerato le tecnologie emergenti. Il presidente dell’azienda Yosuke Matsuda ha la tendenza a promettere troppo nelle tendenze del settore come la realtà virtuale, i giochi per smartphone e lo streaming live, ma negli ultimi tempi ha abbracciato tecnologie emergenti come blockchain, play-to-win e NFT.

Sebbene ambiziose, le recenti affermazioni di Matsuda potrebbero aiutare a spianare la strada a una nuova era di contenuti generati dagli utenti attraverso la blockchain. In una recente intervista a Yahoo GiapponeMatsuda ha spiegato la sua visione ambigua di utilizzare la blockchain come un modo per distribuire contenuti generati dagli utenti ai giocatori e premiare i creatori con pagamenti in criptovaluta. In pratica, Square Enix vuole fondamentalmente imitare Roblox, che paga miliardi ogni anno ai creatori di contenuti. È anche concettualmente simile alla piattaforma Creation Club modificata di Bethesda.

Articoli e rapporti recenti descrivono le ambizioni commerciali di Square Enix come un gioco vincente, ma sembra essere un termine improprio. Potrebbe essere una descrizione migliore Crea per guadagnare.

Leggi anche: Promemoria: Square Enix massimizza sempre le nuove tecnologie e vuole fare tutto

“In futuro, vorrei accettare la sfida di fornire contenuti di gioco indipendenti. Finora, molti giochi hanno fornito contenuti come prodotti finali e i giocatori hanno giocato a tali contenuti”, disse Matsuda.

“Tuttavia, c’è un certo numero di giocatori nel mondo che vorrebbe contribuire a rendere il gioco più emozionante, creando nuove ambientazioni e modalità di gioco. Lo faresti?

READ  Le nuove GPU GeForce RTX 3090 hanno ridotto l'area di sovraccarico OC?

“In futuro, vorrei sfruttare il potere di queste persone per creare giochi che verranno sviluppati. Utilizzando tecnologie come blockchain piuttosto che affidarsi alla buona volontà, se vengono forniti incentivi a coloro che hanno contribuito allo sviluppo, c’è una possibilità che i contenuti con un divertimento innovativo saranno generati dalle idee degli utenti”.

Gli sviluppatori Square Enix lo sono Interessato alla token economy, NFT e blockchain.

Matsuda afferma inoltre che i futuri giochi Square Enix possono essere costruiti con token e criptovalute speciali, il che è preoccupante per i giocatori a causa della natura speculativa di valore, proprietà e rivendita. Il browser dell’azienda e il segmento basato su Internet sono particolarmente adatti a questo piano, che è molto più flessibile rispetto ai suoi titoli più grandi e personalizzati come Dragon Quest XII e Final Fantasy VII Remake.

Tuttavia, la blockchain offre un’opportunità unica di possedere e semplificare i pagamenti in modo specifico per i creatori di contenuti grazie a un’infrastruttura di dati basata su un registro digitale, che dovrebbe consentire una registrazione concisa e automatica.

Tuttavia, con i progressi nelle economie dei token, agli utenti verranno forniti incentivi espliciti, il che non solo porta a una maggiore coerenza nelle loro motivazioni, ma crea anche un aspetto positivo tangibile dei loro sforzi creativi. Penso che questo porterà più persone a dedicarsi a tali sforzi e ad aumentare le opportunità per i giochi di crescere in modi entusiasmanti.

Dal divertimento al guadagnare fino al contributo, una varietà di motivazioni ispirerà le persone a impegnarsi con i giochi e a connettersi tra loro. Sono i token basati su blockchain che lo consentiranno.

Progettando economie di token praticabili nei nostri giochi, consentiremo una crescita del gioco autosufficiente. È proprio questo tipo di ecosistema che è al centro di ciò che chiamo “gioco decentralizzato” e spero che questa diventi una delle principali tendenze di gioco in futuro. Se ci riferiamo alla relazione unidirezionale in cui giocatori e fornitori di giochi sono legati ai giochi finiti come “giochi centralizzati” per confrontarli con giochi decentralizzati, l’incorporazione di giochi decentralizzati nel nostro portafoglio e giochi centralizzati sarà un argomento strategico importante per noi a partire dal 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.