“Sotto l’Ancien Régime c’erano le feste di capodanno”

La Croix: Oltre 280 anni di fabbrica di Sèvres e 10 anni di “Pasto francese gustoso”, patrimonio dell’UNESCO, il Museo di Sèvres mostra la storia di questa tradizione. Apprendiamo l’origine del “Capodanno” …

Vivienne Miskey: “Medianoche”, o Capodanno, era il carnoso pasto di mezzanotte per celebrare il passaggio da una giornata leggera a una giornata piena di grassi. Non era riservato alla fine dell’anno, perché il calendario liturgico imponeva molti giorni magri. Alla corte di Luigi XIV, il “capodanno” era un intrattenimento molto popolare.

→ Il mio lavoro. Covid-19, alcuni consigli per le vacanze

Sin dal Medioevo, il “servizio francese” è apparso tra le élite. Come sembra

VM: Si tratta di un balletto delle serve che preparano i piatti: primi antipasti e “zuppe”, stufati o stufati cotti in “pentola”, poi “grigliate”, carni alla griglia, fino alla fine. Dalla frutta. “Pasti eccezionali fino a otto portate!

Vivienne Miskey:

Ogni ospite sceglie tra i piatti che ha a portata di mano, oppure con un coltello o una forchetta che ancora non è in bocca. E beve da una tazza data da un servo su un vassoio.

Le stoviglie, come un singolo piattino, non diventano necessarie se non molto tempo dopo?

VM: Il dipinto apparve nel Rinascimento, La Forchetta alla corte di Enrico III, ma non fu effettivamente adottato fino alla metà del XVIII secolo.e secolo. Le foreste di vetro non prospererebbero sui tavoli festivi fino al 1800.e secolo!

→ decisivo. Dolci dolci invernali

Mentre il concetto di servizio al tavolo è emerso durante il Rinascimento, si trattava di pezzi cerimoniali che non erano sempre utilitaristici. Per quanto riguarda il lussuoso piatto rivestito d’oro, contiene l’asciugamano bagnato con cui il re si lava le mani. Questa cosa, a forma di ciotola, darà la nostra parola “piatti”.

READ  Camerun-Info.Net :: Camerun - Calcio / Carnet Noir: Roger Milla commemora l'italiano Paolo Rossi, campione del mondo 1982, scomparso all'età di 64 anni

Quali sapori erano popolari nel Medioevo?

VM: La Francia pratica una cucina europea molto piccante. Beviamo vino bianco o vino Cleret, lo serviamo freddo. Durante il Rinascimento lo zucchero ha conquistato tutto, anche la carne e le verdure. Non è stato fino al diciassettesimoe Il secolo in cui la gastronomia francese si afferma con un gusto burroso pronunciato, e la spezia declina a favore del bouquet Garni.

Vivienne Miskey:

Jean-Baptiste La Quentini, presso King’s Potager, sviluppa la coltivazione di frutta e verdura. Tè, caffè e cioccolato erano popolari nel XVIII secoloe secolo. Si sviluppò la letteratura gastronomica e le nuove ricette sviluppate a corte furono subito riprese a corte dai primi ristoranti parigini.

Il tavolo di Luigi XIV impressiona tutta l’Europa?

VM: Rappresenta un certo climax delle stoviglie. I servizi sono sofisticati, con elementi decorativi per offrire una saliera, una caraffa e spezie. Ogni giorno a Versailles, il re cena da solo al Grand Couvert, un momento di amplificazione della potenza.

Vivienne Miskey:

diciottoe Il secolo è pieno di colossali correnti create dalle fabbriche di terracotta di Strasburgo o Loneville, sotto forma di lattuga, tacchino, testa di maiale, testimoni dell’importanza della caccia nel divertimento della nobiltà. Man mano che l’etichetta si fa più chiara, appaiono cene “fine dining” più intime.

Il tuo catalogo parla di uno “spreco simbolico in una società che non ha eliminato la carenza di cibo” …

VM: Il lusso di questi pasti raggiunge il grado di padrone di casa. Molti piatti sono lasciati appena al tatto, ma in realtà nulla è perduto. Quindi danno da mangiare a tutto il personale locale. A Versailles, durante il regno di Luigi XV, furono vendute le ultime spoglie.

READ  Diventa uno dei tester del tiramisù ai Mondiali di Pasticceria Italiana

Il “servizio francese” è scomparso durante la rivoluzione?

VM: Continuò fino al regno di Napoleone III per i pasti ufficiali, ma fu gradualmente sostituito dal “servizio russo”, in cui tutti gli ospiti mangiano gli stessi piatti e vengono portati uno dopo l’altro. Con l’industrializzazione, i servizi da tavola e il lavoro orafo divennero alla portata di una popolazione più ampia. La sala da pranzo conquista gli interni borghesi. I ristoranti parigini sono famosi in tutta Europa. E gli orologi stanno cambiando.

→ Leggi. “Gusteremo l’Italia”, una festa ricca di documenti

Mangia il pranzo (colazione) al risveglio al diciassettesimo secoloe Secolo, a 12 o 1 pm nel diciannovesimo secoloe secolo. La cena, che viene consumata alle 2 o alle 15:00, sostituisce la cena che Luigi XIV aveva … alle 22:00.

Mostra come la Francia abbia sviluppato anche una diplomazia contagiosa a tutti gli effetti …

VM: Luigi XV e Luigi XVI fornirono servizi in porcellana Sevres alle corti di Spagna e Italia e Maria Teresa d’Austria, per rafforzare la loro reputazione manifatturiera. Catherine II ordinerà una porzione di sfondo blu cielo di 706 pezzi!

Mostriamo anche un file “Soprattutto il gioco della sciarpa”, Un gioiello dell’Art Nouveau, fu esposto nel 1901 allo zar Nicola II. Oggi, le creazioni contemporanee di Sèvres vengono presentate come regali diplomatici, come Vaso di testa Inserito da Matale Crust. La tavola dell’Eliseo rimane il centro d’influenza di queste arti e della nostra gastronomia.

——-

Apertura ritardata

Galleria confinata. La mostra si svolgerà dal 18 novembre 2020 al 6 giugno 2021
Aprirà a gennaio se gli ordini del governo lo consentiranno.

Catalogo festivo. Scritto da un gruppo di storici della cultura mitologica, così come Vivian Miskie, Anais Boucher, curatrici della mostra, il catalogo contiene una collezione
Una miniera di informazioni sulla storia del pasto francese, illustrata attraverso quasi 200 opere. Ed. Gorkoff Gradineo, 255 p. 39 euro.

READ  E una piattaforma separata per il "pazzo" Stato italiano, Giorgio Rosa, bombardato dal governo italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *