Rischi per le prospettive di sviluppo dell’economia dell’eurozona

L’economia dell’Eurozona si è fortemente contratta nel 2020 a causa dell’inizio della pandemia, ma ha visto una forte ripresa nel 2021. La crescita è stata in media del 5,5% a/a (a/a) durante i primi tre trimestri del 2021, principalmente a causa dello stimolo fiscale , riaprendo l’economia e lanciando i vaccini. Sebbene le prospettive economiche rimangano positive, i rischi di crescita sono orientati al ribasso nel breve e medio termine.

Questa analisi si concentra sui tre rischi che gravano sulle prospettive di crescita economica dell’Eurozona nei prossimi trimestri: riemergere di casi di Covid-19, aumento dell’inflazione e vincoli di offerta a livello globale.

Figura 1: Nuovi casi di COVID-19 nella zona euro
(7 giorni di media mobile per milione di abitanti)

A prima vista, l’improvviso aumento di nuovi casi ha costretto molti governi a rafforzare le proprie norme in materia di coronavirus. Il numero di nuovi casi di Covid-19 nella zona euro ha già raggiunto quasi tre volte il suo precedente picco, nel novembre 2020 (grafico 1). Ciò è dovuto principalmente al fatto che la nuova variante Omicron, che presenta un numero particolarmente elevato di mutazioni, riduce l’efficacia del vaccino contro le infezioni lievi. Di conseguenza

Diversi paesi della zona euro hanno reimposto varie forme di restrizioni di viaggio e di contenimento. Ad esempio, i Paesi Bassi hanno introdotto blocchi interni più severi, Germania e Francia hanno vietato i viaggiatori dal Regno Unito e l’Italia richiede test pre-partenza per tutti i turisti dell’UE. Restrizioni più severe ridurranno significativamente l’attività economica nel settore dei servizi (bar, ristoranti, ecc.) durante le festività natalizie, che di solito è un periodo di intensa attività.

READ  Economia - La Camera di Commercio Italiana completerà il fascino della zona - Petites Affiches des Alpes-Maritimes

In secondo luogo, l’aumento dell’inflazione, principalmente causato dall’aumento dei prezzi dell’energia, mette a rischio le prospettive di crescita economica. I prezzi al consumo (IPC) sono aumentati rapidamente nel 2021, raggiungendo il 4,9% anno su anno a novembre, il livello più alto dall’introduzione dell’euro nel 1999 (grafico 2). Un aumento dell’indice dei prezzi al consumo riduce il potere d’acquisto dei salari e di altri redditi delle persone, il che limita la spesa dei consumatori. Se l’inflazione continua, la Banca centrale europea (BCE) sarà sottoposta a crescenti pressioni per inasprire la politica monetaria prima di quanto attualmente previsto. L’inasprimento della politica monetaria, attraverso un volume ridotto di acquisti di attività o un possibile aumento dei tassi di interesse, rallenterebbe la crescita economica riducendo la disponibilità di credito ai consumatori e alle imprese a fini di investimento.

Grafico 2: Inflazione dell’Eurozona (IAPC, %, su base annua)

In definitiva, i vincoli di offerta su scala globale stanno frenando l’attività del settore manifatturiero dell’Eurozona. Ad esempio, le barriere nella catena di approvvigionamento contribuiscono all’aumento dei costi di produzione e superano i tempi di consegna. Ciò ha contribuito al calo del Manufacturing Purchasing Managers’ Index (PMI), che è passato da un picco di 63,4 a giugno a 58 a dicembre 2021. Se le strozzature della catena di approvvigionamento continueranno più del previsto, limiteranno l’attività economica nell’Eurozona e quindi comportano il rischio di un peggioramento delle prospettive.

Nel complesso, la recrudescenza di nuovi casi di Covid-19, l’elevata inflazione persistente e i persistenti vincoli di offerta globale pongono rischi per le prospettive economiche. I paesi con livelli di immunizzazione più bassi, mercati del lavoro più rigidi e settori manifatturieri più grandi sono i più esposti a questi rischi.

READ  "In Italia aumenta la diffusione del delta coronavirus"

Questi rischi, insieme al rallentamento delle economie cinese e statunitense, fanno sì che le prospettive di crescita economica nell’eurozona siano più deboli di quanto previsto dal Fondo monetario internazionale nel World Economic Outlook di ottobre (5,0% nel 2021 e 4,3% nel 2022). .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *