Perché non viviamo 200 anni? Forse è a causa dei dinosauri!

Perché non viviamo 200 anni?  Forse è a causa dei dinosauri!
I dinosauri sono responsabili del fatto che gli esseri umani non vivano fino a 200 anni?
Leon Purer Leon Purer Meteorite della Germania 5 minuti

Il microbiologo João Pedro de Magalhaes, dell'Università di Birmingham, sospetta la necessità di una rapida riproduzione dei primi mammiferi durante l'era dei dinosauri. Ha avuto un impatto genetico sulla nostra aspettativa di vita. Questo approccio solleva domande interessanti sull’evoluzione e sui conseguenti cambiamenti genetici.

La necessità evolutiva di una riproduzione rapida

Durante i 160 milioni di anni in cui i dinosauri governarono la Terra, I mammiferi che vivevano ai livelli più bassi della catena alimentare dovevano riprodursi rapidamente per sopravvivere.

Magalhães suggerisce che questo periodo di pressione evolutiva abbia avuto un impatto sull’evoluzione genetica I geni necessari per una vita più lunga si sono gradualmente deteriorati. Questo processo potrebbe rappresentare un passo cruciale nella storia dei mammiferi chiamati “Collo di bottiglia per la longevità”.

Effetti sugli enzimi: uno sguardo al passato

Lo studio mostra che i nostri primi antenati nell'albero genealogico dei mammiferi Alcuni enzimi andarono perduti nell’era dei dinosauri. Questi enzimi erano responsabili della riparazione dei danni causati dalle radiazioni ultraviolette. La ricerca suggerisce che anche i marsupiali e i monotremi, membri dell’altro grande gruppo di mammiferi, potrebbero aver perso questi enzimi di riparazione.

L’ipotesi è che ciò sia associato ad un’aspettativa di vita più breve, Perché i mammiferi avrebbero potuto diventare più notturni per essere più sicuri. L’attuale necessità di filtri solari potrebbe essere una recente compensazione per la perdita di questi meccanismi naturali di riparazione.

READ  James al Panathinaikos: "La preoccupazione è logica - troverà chimica"

Altri segni di sviluppo: denti, attività notturna e rigenerazione

Un'altra caratteristica interessante è il numero limitato di denti che i mammiferi hanno rispetto ad alcuni rettili, come i coccodrilli, che possono rinnovare i denti per tutta la vita. Questa caratteristica potrebbe essere dovuta a differenze genetiche che si sono evolute nel corso di milioni di anni.

Magalhaes conferma Ci sono esempi sorprendenti di riforma e rinnovamento nel mondo animale. Tuttavia, queste informazioni genetiche sarebbero completamente inutili per i primi mammiferi, la cui principale preoccupazione era non farsi mangiare da un T.rex.

Le eccezioni confermano la regola: l’aspettativa di vita media delle balene e degli esseri umani

Nonostante queste caratteristiche evolutive, ci sono delle eccezioni. alcuni mammiferi, Comprese le balene e gli esseri umani, hanno il potenziale per vivere fino a raggiungere una durata di vita a tre cifre.

Ciò solleva la questione di come si possa raggiungere un’aspettativa di vita così lunga Nonostante i limiti genetici dei nostri antenati. Magalhães invita a proseguire la ricerca in questo settore negli studi futuri.

L’importanza della ricerca sanitaria e le visioni future

Una migliore comprensione dei fattori genetici che influenzano l’invecchiamento è fondamentale Per controllare le malattie legate all’età, come la demenza e l’ictus.

Esplorando il “collo di bottiglia della longevità” Può fornire preziose informazioni su come i cambiamenti genetici durante lo sviluppo influenzano l’aspettativa di vita. Ciò, a sua volta, potrebbe fornire un importante impulso alla ricerca futura e agli approcci terapeutici.

READ  Le misurazioni a ultrasuoni di atomi vibranti nelle nanostrutture annunciano una nuova classe di tecnologia

Nel complesso, l'ipotesi di Magalhães mostra che l'età dei dinosauri ha influenzato non solo l'evoluzione delle specie, ma anche quella Ma potrebbe anche aver influenzato le basi genetiche dell’aspettativa di vita dei mammiferi. Ciò apre un affascinante campo di ricerca che può ampliare la nostra comprensione dei processi di invecchiamento e dei possibili approcci per vivere più a lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *