Si può permettere alle donne di respirare nella politica nigeriana?

Si può permettere alle donne di respirare nella politica nigeriana?

Le donne hanno continuato a svolgere ruoli di primo piano nella storia e nella vita economica della Nigeria dal periodo precoloniale fino ad oggi. Hanno contribuito grandemente non solo alla continua crescita e formazione della famiglia e della società, ma anche alla nazione in generale.

Durante la lotta per l’indipendenza dal governo britannico, molte donne hanno lasciato un segno negli annali di successo della libertà della Nigeria. Non solo i loro contributi hanno determinato il modo in cui i nigeriani hanno resistito ai colonialisti, ma hanno anche guidato molti movimenti politici, sociali ed economici attivi che sono culminati nell’indipendenza nigeriana.

Tuttavia, le circostanze si sono svolte diversamente quando sono stati riconosciuti i contributi di nazionalisti come Anthony Inahuru, Nnamdi Azikiwe e Remy Fanny Kayode. Nomi femminili come Funmilayo Ransome-Kuti, Hajia Gambo Sawaba e Margaret Ekpo, tra gli altri, sono stati facilmente relegati nel backstage.

Oggi, mentre la maggior parte dei sistemi politici sviluppati nel mondo dà importanza alle donne nei loro affari politici, le donne nigeriane hanno assistito a un declino della partecipazione al governo, anche sotto un governo democratico, un sistema di governo che dovrebbe colmare il divario.

Alla Decima Assemblea Nazionale che si è aperta il 13 giugno, il numero di donne sia al Senato che alla Camera dei Rappresentanti rifletteva il loro livello di partecipazione in politica in diminuzione.

Al Senato, su 109 membri solo tre sono donne, in calo rispetto ai sette della IX Assemblea. Alla Camera dei Rappresentanti, che conta 360 deputati, hanno prestato giuramento 16 donne, un leggero aumento rispetto alle 13 donne che sono arrivate alla precedente Camera dei Rappresentanti.

Le donne parlamentari provengono da Anambra, Bayelsa, Benue, Borno, Delta, Imo, Ogun, Plateau, Lagos, Yobe e Oyo.

Nell’ultima nomina ministeriale del presidente Bola Tinubu, nella lista figuravano solo sette donne. Sono Hanato Musawa, Beta Edo, Doris Anish Ozuka, Nikiru Onyogyucha, Stella Okotete, Ojo Kennedy Ohane e Iman Ibrahim. Questo per alcune parti interessate è inferiore alla quota di azioni positive per le donne in politica.

Il calo del numero di donne nelle cariche politiche sia elette che nominate è rimasto una preoccupazione crescente, attribuita da molti analisti alla mancanza di volontà politica tra gli uomini di dare alle donne il posto che le spetta, come espresso in numerose dichiarazioni nazionali e mondiali.

Tuttavia, sono stati compiuti alcuni sforzi per migliorare la partecipazione delle donne alla politica. In Nigeria, l’attuale politica nazionale di genere (NGP) raccomanda un’azione positiva del 35% e ha cercato una rappresentanza più inclusiva delle donne sia nelle cariche politiche elettive che nella nomina al servizio pubblico.

Gli analisti hanno affermato che la sottorappresentazione delle donne nella partecipazione politica era radicata nella pratica patriarcale radicata nella nostra società. Tuttavia, la reintroduzione del governo democratico nel 1999 ha visto ancora una volta un aumento della partecipazione politica delle donne.

READ  طريف الأطول وجازان الأقصر.. تعرَّف على عدد ساعات الصوم في المدن ا

La media nazionale della partecipazione politica delle donne in Nigeria è rimasta del 6,7% nelle posizioni elettive e di nomina, ben al di sotto della media globale del 22,5%, della media regionale dell’Africa del 23,4% e della media subregionale dell’Africa occidentale del 15%. Anche con 15 anni di governo democratico continuo (1999-2015), la Nigeria non ha ancora prodotto un governatore donna in nessuno dei 36 stati della federazione.

Altri sforzi per affrontare la scarsa rappresentanza delle donne nelle posizioni elettive e nominate in Nigeria includono l’istituzione dell’Office of Women’s Political Empowerment, i Nigerian Women’s Trust Funds, il Women’s Lobby Group, la Fondazione per la politica di genere della Commissione elettorale nazionale indipendente, il National Multistakeholder Dialogo e l’avvio di diversi interventi per rendere operativa l’azione affermativa, si è tenuta la Nigerian Women Strategy Conference.

In particolare, anche le ONG hanno svolto un ruolo importante nell’affrontare la mancanza di partecipazione delle donne alla politica. Tutti i partiti politici hanno ora posizioni di leadership femminili che svolgono un ruolo chiave nella mobilitazione delle donne durante le elezioni e nella promozione dell’importanza delle donne dopo le elezioni.

Allo stesso modo, forum e seminari sono ora un luogo comune per sensibilizzare sia le donne che il governo/i partiti a fare di un’adeguata rappresentanza delle donne una priorità nella governance.

La Goodluck Jonathan Foundation (GJF) è una di queste ONG che sostiene una maggiore partecipazione delle donne alla politica. In qualità di organizzazione senza scopo di lucro, GJF è stata coinvolta in molte attività di advocacy per il miglioramento della democrazia, del buon governo e di elezioni credibili in Nigeria, Africa occidentale ea livello continentale. Uno dei suoi organismi attivi è il Forum degli anziani dell’Africa occidentale.

Nel corso degli anni dal suo inizio, GJF ha implementato con successo progetti in Nigeria e in vari paesi africani volti a costruire responsabilità democratiche, rafforzare la governance e costruire la leadership, oltre a garantire un trasferimento di potere trasparente e pacifico.

Nell’ambito degli sforzi per promuovere la democrazia nel continente africano, e in particolare nell’Africa occidentale, il GJF ha istituito una piattaforma locale e credibile chiamata Forum degli anziani dell’Africa occidentale.

Il Forum, che è stato ufficialmente inaugurato il 4 marzo 2021, è composto da ex leader e statisti per fornire ruoli di mediazione e spin-off nell’affrontare le controversie elettorali e democratiche nella regione, comprese le attuali turbolenze causate dalla pandemia di COVID-19.

In un seminario intitolato “La democrazia e la voce delle donne”, l’Unione Generale di Janaf ha messo in discussione i numerosi ostacoli che impediscono la partecipazione delle donne alla politica. Il direttore esecutivo del GJF, Anne Iono, ha ipotizzato che le donne ricoprano meno del 10% delle posizioni di leadership in tutto il mondo.

Iono ha affermato che è diventato necessario interrogare i pregiudizi di genere per trovare una soluzione a questa sfida.

READ  Il governo di Saint Kitts e Nevis celebra l'indipendenza digitale – Spiceislander.com

Dobbiamo lottare per una società giusta in cui le donne abbiano accesso alla giustizia e possano partecipare al processo democratico allo stesso modo delle loro controparti maschili.

Secondo le Nazioni Unite, a questo ritmo, l’uguaglianza di genere non sarà raggiunta fino al 2150, ovvero altri 130 anni, a meno che non vengano intraprese azioni drastiche da parte di tutte le parti interessate.

Circa il 21% delle cariche ministeriali a livello globale sono ricoperte da donne. Solo tre paesi hanno il 50% o più di rappresentanza femminile in parlamento e 22 paesi sono guidati da donne. Colmare questa lacuna è fondamentale per le nostre attività come fondazione.

“L’appello all’uguaglianza di genere e alla partecipazione delle donne non dovrebbe essere visto come un’agenda contro gli uomini, ma come un appello all’inclusione e alla responsabilità collettiva per una società pacifica e prospera”, ha affermato.

Anche in officina, signore. Mulikat Akande-Adeola, ex membro della Camera dei Rappresentanti, ha affermato che le istituzioni internazionali continuano a inveire sulla questione del mainstreaming di genere e della partecipazione delle donne alla politica.

Akande-Adeola è un avvocato e politico. Nel 2007 è stata eletta alla Camera dei Rappresentanti sulla piattaforma del Partito Democratico Popolare in rappresentanza del collegio elettorale di Ogbomoso Nord, Sud e Oriri. È stata rieletta nel 2011.

“Ci sono altri aspetti della società in cui le istituzioni internazionali hanno già fatto la differenza, quindi perché non dare la priorità a questo problema?” lei chiese.

Akande-Adeola ha aggiunto che non si può ottenere molto senza la partecipazione e il sostegno degli uomini.

“Dobbiamo essere pronti a portare con noi le donne, e loro devono anche essere disposte a partecipare al processo che porterà alla partecipazione delle donne e all’inclusione di genere.

Se lasciamo più del 50% della popolazione mondiale fuori dalla partecipazione politica, non possiamo ottenere nulla.

“Inoltre, le donne dovrebbero avere il desiderio di essere responsabili del cambiamento e rifiutare di no come risposta”, ha detto.

Akande-Adeola ha aggiunto che più donne sono coinvolte, più è probabile che vengano coinvolte nel processo.

“Dobbiamo passare dall’essere semplici elettori a contendenti per posizioni di leadership”, ha aggiunto.

Per il dottor Onyinye Onwuka, la democrazia è un sistema che consente la piena partecipazione delle persone alla politica e al processo decisionale nella società in ogni momento, indipendentemente dal genere.

Onuka è il capo del Dipartimento degli affari politici e della cooperazione internazionale, Direzione degli affari politici, Dipartimento degli affari politici, pace e sicurezza, Commissione della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, ad Abuja.

Ha detto: “La democrazia è il governo del popolo, dal popolo e per il popolo. Chi sono le persone? Sono uomini e donne”.

“Pertanto, è importante per noi avere condizioni di parità per l’altra metà delle ‘persone’ in modo che possano partecipare”, ha affermato.

Akande-Adeola ha aggiunto che sia gli uomini che le donne erano colpevoli di stereotipi di genere che tenevano le donne ai margini della partecipazione politica.

READ  Una bambina, di 7 anni, è stata arrestata dalla polizia, alleata di Job Sikhala

“Diciamo ogni genere di cose, inclusa l’affermazione che la politica è sporca e che le donne nobili non dovrebbero essere coinvolte in essa.

“Dividiamo anche i ruoli culturalmente tra uomini e donne, e diciamo che le donne appartengono alla cucina, mentre gli uomini appartengono alla sala riunioni. Questa è la mentalità con cui siamo cresciuti per lo più”, ha consigliato.

Tuttavia, Akande-Adeola ha affermato che il tutoraggio è stato importante per sviluppare l’argomento, consigliando alle donne che avevano rotto il “soffitto di vetro” di attrarre gli altri.

Un altro partecipante al workshop, Biodun Baiyewu, direttore esecutivo di Global Rights, ha affermato che per aumentare la partecipazione delle donne in posizioni politiche e di nomina, è necessario affrontare la mentalità di lunga data e gli stereotipi sul genere.

“Dobbiamo riesaminare la nostra storia come popolo. Abbiamo sistemi che dicono alle donne, generazione dopo generazione, di essere ambiziose, ma non più ambiziose dei loro fratelli o mariti maschi.

“Ci sono molti casi in cui, in una commissione, si può scegliere un uomo come presidente e poi si dice ‘scegliamo una donna come segretaria’”.

“È la stessa mentalità simbolica che abbiamo nella governance. Non sei ancora una democrazia quando metà del tuo popolo non può ricoprire un gran numero di posizioni di leadership.

“Dobbiamo renderci conto che siamo tutti i primi esseri umani prima di essere una razza particolare. Pertanto, meritiamo tutti posizioni di comando”.

Jude Ellow, fondatrice della Natasha Ellow Foundation, ha chiesto uno sforzo concertato per far rispettare molte delle misure adottate per aumentare la partecipazione politica delle donne.

Ello ha detto che mentre sono stati fatti alcuni progressi per quanto riguarda la consapevolezza e la coscienza, è tempo di applicarli in tutte le aree.

“Dobbiamo prendere in considerazione l’imposizione di azioni positive contro quei fattori che vincolano le donne.

“L’accesso alla terra, l’accesso all’eredità e l’accesso al credito sono alcune delle possibilità di empowerment che danno potere economico alle donne.

“Quando togli qualcosa di così fondamentale come le donne che ottengono l’eredità, rendi impossibile a milioni di donne di parlare da sole”, ha detto.

Gli analisti politici ritengono che la rappresentanza delle donne nella politica nigeriana sia in calo dal 2011, mentre le elezioni del 2023 hanno confermato le aspettative di scarsi risultati per le donne.

Hanno sostenuto che dovrebbe essere compiuto uno sforzo concertato per realizzare l’azione positiva intrapresa alla conferenza di Pechino al fine di consentire a più donne di partecipare.

Per raggiungere questo obiettivo, tutte le parti interessate: governi, ONG, società civili e gruppi religiosi, devono alzarsi per lavorare con le donne per raggiungere l’altra metà dell’accordo nello sviluppo nazionale e internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *