Scienza e Medicina | È davvero una rivoluzione

Scienza e Medicina |  È davvero una rivoluzione

Sapete cosa mi passava per la testa quando ho lasciato gli uffici di Innovobot, la società di “innovazione e investimenti” di Montreal che gestisce 11 sedi?H Piano di un edificio sull'altopiano del Mont Royal?


IL campagna Canzone per chitarra rivoluzione Dai Beatles.

Ho trascorso circa 90 minuti a discutere di intelligenza artificiale con cinque dipendenti di questa piccola azienda.

Scopri le invenzioni nate lì (tra cui un piccolo robot sottomarino che può muoversi grazie all'intelligenza artificiale).

Durante le nostre discussioni, la parola “rivoluzione” è apparsa più di una volta.

Tra le altre cose, ho chiesto al COO di Innovobot, Fadi Al-Batal, di valutare i cambiamenti in atto nel campo dell'intelligenza artificiale.

“È una rivoluzione”, ha detto. Sentivo che pesava le sue parole.

“Le prime ricerche sul riconoscimento delle immagini sono iniziate all’Università di Montreal e all’Università di Toronto intorno al 2012. Ora parliamo di automobili che funzionano da sole, aeroplani che volano e atterrano da soli, macchine in grado di scrivere articoli di giornale, macchine che possono eseguire progettazione meccanica, elettrica ed elettronica, macchine che possono prescrivere farmaci e… Può produrre immagini…

Ha aggiunto: “Possiamo fare tutto questo dopo un decennio”. Questa è la definizione di rivoluzione! »

Mi sono rivolto ai responsabili di Innovobot perché cercavo di capire cosa ci aspetta dall'intelligenza artificiale nel 2024. Sapendo che in diversi media, nelle ultime settimane, alcuni hanno espresso dubbi sul reale valore degli sviluppi del 2023.

In effetti c'era un ronzio Media, ma “È cambiato qualcosa?” “Ha chiesto, ad esempio, un giornalista famoso Financial Times.

Quando ho parlato di questo articolo con Sylvain Karl, partner di Innovobot che detiene il titolo di Head of Technologies for Good, ha risposto raccontandomi della natura esponenziale del progresso nell'intelligenza artificiale.

READ  Hubble scopre che i fratelli galattici litigano

Per comprendere i dubbi espressi da alcuni, mi ha proposto una metafora degna del racconto di La Fontaine.

Mi ha chiesto di immaginare uno stagno con rane e ninfee – che hanno anche una particolarità molto riproduttiva.

“Prima ce n'era uno, poi due, poi quattro. Un giorno, [la mare] Mezzo pieno. Quindi il giorno dopo sarà completamente pieno. Ha spiegato: “Penso che sia questa accelerazione e questo fattore di accelerazione che è difficile da percepire per il pubblico”.

Foto di Martin Tremblay, Archivio stampa

Sylvain Karl, partner di Innovobot

Sta diventando sempre più veloce. Tutto ciò che abbiamo ottenuto in termini di progresso è stato combinato con nuovi sviluppi. Quest’anno probabilmente assisteremo all’arrivo di nuovi approcci nel campo dell’intelligenza artificiale.

Sylvain Karl, partner di Innovobot

Guillaume Dumas, professore di psichiatria computazionale all'Università di Montreal, è d'accordo.

“Il problema è che abbiamo un settore in cui così tante persone giocano la carta dell’entusiasmo che crea inevitabilmente aspettative gonfiate riguardo al tempo necessario per passare dall’idea all’implementazione”.

Tuttavia, sostiene che l’intelligenza artificiale sta già cambiando le regole del gioco nel suo campo preferito: la salute.

Secondo lui, il 2023 è l’anno che rappresenta la “continuità” in questo settore. Ad esempio, l’intelligenza artificiale è stata utilizzata per analizzare le immagini mediche, soprattutto nel campo della radiologia e della dermatologia.

Nel complesso, ciò continuerà nel 2024, afferma.

Continueremo inoltre a utilizzare l’intelligenza artificiale per “identificare nuovi componenti chimici dei medicinali”.

Ma ciò che esploderà davvero nel 2024 riguarda l’applicazione di chatbot come ChatGPT nell’assistenza medica. Si passa dal triage all'ammissione al trattamento psichiatrico.

Guillaume Dumas, professore di psichiatria computazionale all'Università di Montreal

“L'uso di robot conversazionali per problemi di salute mentale è molto complesso”, realizza Guillaume Dumas, che è anche direttore del Laboratorio di psichiatria di precisione e fisiologia sociale presso il Centro di ricerca Saint-Justin dell'Università di Saint-Justin.

Ma gli utenti di ChatGPT stanno già iniziando a usarlo per raggiungere questo obiettivo nel 2023, quindi non c'è bisogno di nascondere la testa sotto la sabbia!

“Ci sono tante barriere etiche, ma sarà necessario formare i medici, e forse anche i cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *