Sardegna: 71 migranti arrivati ​​nel sud dell’isola in due giorni

Questo fine settimana, 71 migranti sono arrivati ​​sulle coste sarde a bordo di piccole imbarcazioni. Molto meno numerosi che a Lampedusa, eppure l’arrivo di immigrati è sempre più regolare nell’isola italiana.

Le buone condizioni meteorologiche degli ultimi giorni sono state favorevoli alla traversata dal Mediterraneo alle isole italiane. Se lo scorso fine settimana 875 persone sono arrivate a Lampedusa in 24 ore, la Sardegna ha accolto migranti anche sulle sue coste. In due giorni, 71 persone sono sbarcate sulle coste del sud dell’isola in piccole imbarcazioni.

Sempre più piccole imbarcazioni approdano sulle coste della Sardegna, anche se il numero di arrivi è molto inferiore rispetto a Lampedusa o in Sicilia. Credito: Google Maps

La prima barca di 54 persone è arrivata nella notte tra venerdì 30 luglio e sabato 31 luglio. I passeggeri sono stati portati al porto di Cagliari e prelevati dalla polizia. Un secondo aereo, insieme a dieci uomini e una donna incinta, è atterrato sulla spiaggia di Domus di Maria nel sud della Sardegna. Sono stati portati al centro di accoglienza di Monastir, dove sono stati messi in quarantena.

>> da (ri)leggere: Due migranti morti e otto dispersi al largo della Sardegna

Altri sei migranti, cinque uomini e una donna, sono stati trovati da uomini armati a Teulada, a sud-ovest dell’isola, e portati nello stesso centro.

Altri arrivi

Sebbene il numero degli arrivi in ​​Sardegna sia molto inferiore a quello degli arrivi sulle altre isole italiane, negli ultimi anni sono comunque in aumento. In risposta, nel gennaio 2020 le autorità hanno aperto un centro di detenzione a Macomer, nel centro dell’isola, con una capacità di 100 posti.

L’edificio ospita i migranti che non hanno diritto all’asilo prima del loro ritorno nel paese di origine. La maggior parte dei migranti che arrivano sull’isola parte dall’Algeria, che ha una costa distante 200 km. “Circa il 90% degli arrivi algerini in Italia proviene dalla Sardegna”, ha dichiarato a Muhajir News nel febbraio 2020 Flavio Di Giacomo, dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni in Italia.

READ  La vittoria degli Azzurri è una manna per l'economia italiana

>> da (ri)leggere: Altri voli in partenza dall’Algeria per la Sardegna

Secondo il rapporto “Sardegna e migrazioni”, pubblicato a luglio dalle Acli Sardegna (Associazione Cristiana Lavoratori Italiani), nel 2020 si sono stabiliti in Sardegna 52.329 stranieri, il 6,9% in più rispetto allo scorso anno. Di questi, 26.264 sono cittadini extracomunitari in condizione giuridica. Hanno un’età media di 37 anni e rappresentano attualmente il 3,2% della popolazione dell’isola.

Il quotidiano spiega che “contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte degli stranieri in Sardegna sono europei, soprattutto rumeni. Sono più di 14.000, e sono concentrati nella provincia di Sassari”, spiega il giornale. Federazione Sarda. Nella città metropolitana di Cagliari vivono principalmente africani, senegalesi, marocchini, asiatici, per lo più cinesi, e poi filippini, bengalesi e pakistani.

declino demografico

Sul totale degli stranieri in lista, nel 2020 hanno lavorato nell’isola oltre 31mila persone, con un incremento del 6% rispetto al 2019. Circa l’85% è impiegato nel settore dei servizi, di cui il 30,7% nel servizio domestico e Il 22,3% è in commercio.

“Le percentuali analizzate si riferiscono alla quota di lavoratori con regolare contratto di lavoro, ma gran parte della ricchezza prodotta è riconducibile alla cosiddetta ‘economia non osservabile’, che comprende il lavoro irregolare, in particolare in agricoltura, edilizia e artigianato “, afferma il rapporto.

In questa regione demograficamente in declino – la Sardegna ha perso il 3,32% della sua popolazione tra il 2016 e il 2020, pari a circa 55.000 abitanti – “la migrazione è una risorsa per l’isola, perché ha un impatto positivo sull’economia della regione”, afferma Marco Secci, responsabile di la direzione del lavoro della regione, ma deve prendere decisioni più accurate e attuarle per facilitare l’occupazione degli stranieri e migliorare le loro competenze al servizio della nostra economia”.

READ  I tempi di inattività sono stati ampiamente supportati, ma molti artisti sono ancora sul ciglio della strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *