Paros: Nuovo naufragio con decine di migranti – 16 morti, 63 salvati

Almeno 16 morti e 63 salvati è il suo conto finora Nuovo naufragio Che si è verificato nel tardo pomeriggio di venerdì vicino Paro Quando è stato riferito che una barca a vela che trasportava 80 persone si è capovolta per ragioni sconosciute. Una volta aggiornato il chiosco, l’allarme è suonato Guardia Costiera Una nave della marina, quattro navi della Guardia Costiera, un elicottero della Marina Militare, un aereo C-130 e 9 pontoni si sono precipitati nella zona. Per localizzare e raccogliere il relitto dalla Guardia Costiera, sia un C-130 dell’Air Force che un Super Puma hanno sparato razzi sul luogo del relitto.

Lettore Glomex (40599w16ki4e70hs, v-cgnswr3wcmi1-se)

Al punto, come annunciato dal Dipartimento della navigazione, è arrivata un’unità di missione sottomarina della Guardia costiera, che indagherà sulla nave capovolta poiché ci sono state segnalazioni di essere intrappolato.

Guarda le foto esclusive fornite da primario Dall’area di ricerca con barca a vela capovolta.

associato a -2

Allo stesso tempo, c’è già un peschereccio nella zona, il Blue Star Delos. Secondo Cyclades24, il tempo nella zona è bello.

Secondo le prime informazioni, il veliero affondato al largo di Paro era partito dalle coste turche verso l’Italia.

Guarda le foto di Cyclades24 con le ambulanze EKAB nel porto di Paros.

Paro Nwagyu
269407579_1004884420063181_7301276018159139176_n

EKAB è pronto

Per ordine del ministro della Salute, Thanos Plevris, EKAB, l’equipaggio e i veicoli di Paros sono stati messi in standby.

Il dipartimento di EKAB Paros assiste con le ambulanze e il rigoroso rispetto di tutti i protocolli sanitari.

Secondo le informazioni di protothema.gr e ygeiamou.gr, poco prima della mezzanotte, le persone soccorse sono arrivate al porto di Paros per essere smistate in una certa zona del porto. A tutti i sopravvissuti è stato anche fatto un test rapido, mentre come detto, tre sopravvissuti hanno l’ipotermia e due hanno la febbre. Coloro che non hanno un problema di salute saranno ospitati in un’area designata dal Comune di Paros.

Guarda il video di cyclades24.gr

Naufragio: il naufrago è stato portato a Paros - il bilancio delle vittime è salito a 6

KEPY EKAB ha anche messo in allerta il settore dell’aviazione nel caso in cui i naufragi debbano essere trasportati negli ospedali centrali.

È stato riferito che poche ore fa in un altro naufragio 11 persone hanno perso la vita Rifugiati e migranti – dopo che una barca a vela è affondata sull’isola rocciosa di Prasonisi, a nord di Antikythera.

Plakiotaki arrabbiato con i circoli di contrabbando in Turchia

Il ministro per la navigazione e la politica delle isole, Giannis Plakiotakis, ha dichiarato in una dichiarazione:

Negli ultimi giorni si è intensificata l’attività criminale dei trafficanti, indifferenti alla vita umana, che hanno portato decine di persone in difficoltà, senza giubbotti di salvataggio, su imbarcazioni che non rispettano nemmeno le norme di sicurezza di base.

3ea619c0-7de5-438f-b1bf-f0db652ff74a

La Guardia Costiera, con l’aiuto dell’Aeronautica, della Marina e del personale, ha salvato più di 160 dei nostri simili negli ultimi tre giorni.

Esprimo il mio profondo dolore per la perdita di coloro che hanno perso la vita, le vittime di assassini spietati lasciati a lavorare senza controllo in Turchia.

La Grecia continuerà a salvare vite in pericolo da altre persone nell’Egeo e nel Mediterraneo orientale. Nel 2021 in tutto sono state effettuate più di 1.450 operazioni di ricerca e soccorso e sono state salvate più di 29.000 persone.

La condanna dei trafficanti di esseri umani, così come di coloro che consentono o facilitano il loro lavoro, è imperativa e chiara, e in questa direzione ci aspettiamo un’ulteriore mobilitazione da parte della comunità internazionale.

Segui lei protothema.gr su Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Ricevi le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo in tempo reale su Protothema.gr

READ  Messaggi "positivi" dai talebani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *