Il partito al governo ha estromesso il leader del Partito conservatore francese per aver sostenuto Marine Le Pen

Il partito al governo ha estromesso il leader del Partito conservatore francese per aver sostenuto Marine Le Pen

Apri Editor's Digest gratuitamente

Il leader del movimento conservatore francese è stato espulso dal partito dopo aver fatto arrabbiare i suoi colleghi chiedendo un accordo elettorale con il partito di estrema destra di Marine Le Pen.

Eric Ciotti è stato privato della sua appartenenza al partito repubblicano di centrodestra mercoledì dal comitato esecutivo del partito. All'inizio della giornata, la lotta per il potere per il controllo del Partito Liberale ha preso una piega farsesca quando Cioti ha chiuso la sede del partito in quello che i suoi avversari hanno definito un tentativo di ostacolare la sua rimozione.

Ciotti ha detto di aver chiuso l'edificio a Parigi per motivi di sicurezza dopo aver ricevuto “minacce e caos” martedì.

Il dirigente esecutivo del partito avrebbe dovuto tenere una riunione d'emergenza lì mercoledì pomeriggio. Molti dei suoi membri più anziani chiedevano la rimozione di Ciotti dopo che aveva chiesto un'alleanza elettorale con il Rassemblement National, il partito guidato da Le Pen e Jordan Bardella, in vista delle elezioni anticipate del 30 giugno. Si sono invece riuniti in un edificio vicino e hanno votato all'unanimità. Per escluderlo dal partito.

Ciotti ha risposto con aria di sfida al voto del comitato esecutivo licenziandolo. Ha detto nel programma X: “Sono e rimarrò la presidenza”.

I politici di LR hanno aggirato Ciotti perché aveva reso il partito uno zimbello. “Se dovessimo rimuoverlo fisicamente, non esiteremo a farlo”, ha detto Geoffrey Didier, vice segretario generale del partito.

“Ci sono francesi che lavorano come cani e sperano ogni giorno di credere nella democrazia vedendo questa scena folle”, ha detto ai giornalisti fuori dal locale Aurelien Brady, membro del parlamento del Partito della Sinistra.

READ  El Chapo Guzmán fue ‘soplón’ de la DEA y traicionó a ‘El Güero’ Palma | Cartel de Sinaloa | Narcotráfico | MUNDO

Vincent Jeanbrun, che si è dimesso mercoledì mattina dalla carica di portavoce del partito, ha detto che Ciotti sta usando “metodi dittatoriali”.

Cioti ha fatto arrabbiare i pezzi grossi del partito LR quando ha chiesto unilateralmente un accordo con il BN, con molti che chiedevano la sua immediata rimozione dalla carica di leader. Alcuni lo hanno descritto come un “traditore” e un “collaboratore”.

I disordini nel partito di centrodestra, che incarna la tradizione gollista della politica francese, sono scoppiati dopo il brusco scioglimento del parlamento da parte del presidente Emmanuel Macron domenica, ma il partito di sinistra è diviso da anni sull'opportunità di lavorare più a stretto contatto con il partito di Le Pen. .

LR stava voltando le spalle a un'eredità [ex-presidents] “De Gaulle, Chirac e Sarkozy”, ha detto Macron mercoledì.

Ciotti ha detto di aver ricevuto migliaia di lettere di sostegno dai membri del partito, ma non è chiaro quanti dei 57 parlamentari liberali sarebbero disposti a seguire le sue orme.

Un sondaggio di questa settimana indica che il partito Fronte Nazionale di Le Pen potrebbe ottenere tra 235 e 265 seggi, diventando il partito più grande nell'Assemblea Nazionale. Un accordo con i rappresentanti del Partito della Sinistra potrebbe portare l’estrema destra sull’orlo della maggioranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *