Il giocatore positivo al Covid Fabian Galletti mancherà Francia e Italia al Sei Nazioni

Gonzalo Fuentes tramite Reuters

L’allenatore della Francia, Fabien Gallett, il 20 novembre 2021 durante la vittoria sulla Nuova Zelanda (40-25) allo Stade de France.

Rugby – Gli anni sono passati e per Fabian Galletti sembrano uguali. L’anno scorso, il 15esimo della Francia ha visto l'”episodio Covid” ampiamente commentato durante il Campionato Sei Nazioni, in cui almeno 16 giocatori e staff sono stati contagiati, la partita contro la Scozia è stata rinviata e un’indagine interna. Federazione (FFR) per determinare se l’allenatore blues è responsabile dopo aver lasciato la “bolla sanitaria” per evitare qualsiasi contaminazione.

Ripetitore Ripetitore. Venerdì 4 e 2 febbraio due giorni prima della prima partita dei francesi contro gli italiani, Fabian Galthe ha annunciato che sarebbe entrato in isolamento dopo la diagnosi di Covid-19. Ha aggiunto che il direttore generale della squadra francese, Rafael Ibanez, e tutto lo staff “prenderanno le loro funzioni sul campo”, spiegando di avere “sintomi lievi”.

“Sto bene, mercoledì ho avuto dei sintomi minori. Mercoledì sono andato in isolamento, abbiamo fatto il test al mattino, ero negativo. A fine giornata avevo sintomi e sono andato dal medico: sono stato controllato di nuovo. Ero in isolamento e ieri (giovedì, ndr) abbiamo avuto conferma con un test PCR. “Abbiamo seguito il protocollo dei messaggi”, ha detto Galtier all’AFP.

READ  La fine del 2020 sarà amara per i Giochi Europei in completo isolamento

“Mercoledì abbiamo annunciato la squadra ai giocatori. Ieri è stata una giornata di riposo. Oggi siamo tornati a Parigi… Ma tutto è pronto per la partita di domenica: dato che sono in isolamento, partecipo a tutti gli incontri tramite video o audio Guardo le foto dell’allenamento, subentra l’equipaggio Guidando sotto Rafael Ibanez.Domenica sarò a distanza con il telefono e alcuni brevi scambi, prima e dopo, metà del tempo…”, ha aggiunto.

Dupont Netamak insieme contro gli italiani

I Blues inizieranno la loro campagna con tredici dei quindici vincitori dell’All Blacks (40-25) a novembre, tra cui una canna 100% Tolosa di Antoine Dupont e Romain Ntamak, anch’essi positivi durante la preparazione.

Cameron Walkie di UBB inizia la seconda fila, di fronte alla Nuova Zelanda, mentre Dylan Cretain si schiera al fianco di Anthony Gillonch e Gregory Aldrett.

Il 15° parte dalla Francia, favorita nella competizione, il Sei Nazioni 2022 contro l’Italia, che ancora insegue il suo primo successo nella competizione dal 2015. I Blues non vincono il torneo dal 2010.

I loro avversari scozzesi, irlandesi, italiani, gallesi e inglesi li hanno descritti come i favoriti del torneo, evocando “giocatori di livello mondiale”, come Antoine Dupont o Romain Netamack, “risultati massicci”, come un’epica vittoria sugli alleati neri, o un programma adeguato, con tre ricezioni inclusa la possibile “finale” contro l’Inghilterra nell’ultima giornata.

Vedi anche su L’HuffPost: Questo atleta belga ha quasi lasciato le Olimpiadi a causa del Covid-19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.