Google non manterrà i dispositivi Pixel inviati per la riparazione con altre parti

Google non manterrà i dispositivi Pixel inviati per la riparazione con altre parti

La politica di riparazione di Google per i dispositivi Pixel è stata brevemente criticata quando è stato notato che la società non avrebbe restituito il dispositivo al proprietario se avesse utilizzato “parti non autorizzate”. Ora, l’azienda lo deduce dalla sua politica.

Questa settimana Louis Rossman, YouTuber, proprietario di un'officina e attivista per il diritto alla riparazione Evidenziare Nelle norme di riparazione di Google per i dispositivi Pixel. Almeno dall'anno scorso, una pagina di supporto che spiega la politica di riparazione di Google ha affermato chiaramente che se un dispositivo viene inviato per la riparazione e sul dispositivo vengono trovate parti aftermarket “non autorizzate”, il dispositivo non verrà restituito al proprietario.

Questa politica è venuta alla luce dopo che Samsung è stata criticata per il modo in cui ha gestito le riparazioni. iFixit ha recentemente concluso la sua partnership con Samsung sui dispositivi Galaxy e un altro rapporto ha rivelato un contratto che imponeva, tra le altre cose, alle officine di riparazione di distruggere in modo efficace i dispositivi che utilizzavano parti aftermarket anziché restituirli al cliente.

La politica di Google parla solo delle riparazioni effettuate dall'azienda per i dispositivi Pixel, ma qualcosa di simile afferma che un dispositivo che utilizza parti aftermarket “non ti verrà restituito”.

IL Politica Si legge in parte:

Parti non autorizzate: non invierai un dispositivo che contiene parti non approvate da Google; in caso contrario, il dispositivo non ti verrà restituito.

Questa politica è in vigore dal 19 luglio 2023, quando Google

In una dichiarazione a Corpo del robotTuttavia, Google ha confermato che cambierà la sua posizione in questo ambito. D'ora in poi, Google non tratterrà il dispositivo se contiene parti non OEM, ma restituirà il dispositivo al cliente se non può completare la riparazione “se ci sono problemi di sicurezza”. Sembra che i termini e le condizioni della società verranno aggiornati per “chiarire” questo aspetto.

Se un cliente invia il proprio dispositivo Pixel a Google per la riparazione, non lo terremo indipendentemente dal fatto che contenga parti non OEM. In alcune situazioni, non saremo in grado di completare la riparazione se sussistono problemi di sicurezza. In questo caso, lo rispediremo al cliente o lavoreremo con lui per determinare i passaggi successivi. I clienti sono inoltre liberi di cercare le opzioni di riparazione che funzionano meglio per loro. Stiamo aggiornando i nostri termini e condizioni per renderlo chiaro.

Tuttavia, la modifica dei termini e delle condizioni non è stata ancora apportata.

READ  Come eliminare un server Discord

Google ha recentemente parlato nel podcast Made by Google di come intende produrre i futuri dispositivi Pixel pensando alla riparazione, con l'”obiettivo finale” di non aver bisogno di strumenti speciali per riparare il dispositivo. Negli ultimi anni l'azienda ha anche compiuto sforzi per migliorare la riparabilità dei Pixel, collaborando con iFixit nel 2022 per le riparazioni fai-da-te dei Pixel (che, come dimostra il video di Rossman, sono costose) e impegnandosi a garantire almeno 7 anni di disponibilità di parti di ricambio per il Pixel. . Pixel 8 e Pixel 8 Pro offrono la prima opzione di riparazione fai-da-te per un dispositivo pieghevole Pixel Fold, aggiungendo la “modalità di riparazione” ai dispositivi Pixel alla fine dello scorso anno per proteggere i dati dell'utente durante il processo di riparazione.

Ulteriori informazioni su Google Pixel:

Segui Ben: Twitter/X, DiscussioniE Instagram

FTC: Utilizziamo collegamenti di affiliazione automatici per guadagnare entrate. Di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *