Vendemmia prematura ultima prova per i viticoltori francesi

Le regioni vinicole francesi da sud-ovest a nord-est soffrono di ondate di caldo. Foto: Lionel Bonaventura/AFP/File
Fonte: Agence France-Presse

I produttori di vino di tutta la Francia hanno dovuto iniziare a raccogliere le uve molto prima del solito a causa delle alte temperature e temono che la qualità delle uve subisca lo stress climatico.

Condizioni eccezionalmente asciutte si sono diffuse dalle aspre colline dell’Hérault lungo il Mediterraneo, dove gli alberi sono già stati raccolti, alla regione solitamente verde dell’Alsazia nel nord-est.

Le ondate di caldo estremo di quest’estate hanno accelerato la maturazione delle uve, il che significa che la stagione della vendemmia dovrebbe iniziare da una a tre settimane o più prima – in Linguadoca-Rossiglione, alcuni coltivatori hanno iniziato fino alla fine di luglio.

“Siamo rimasti tutti un po’ sorpresi, hanno iniziato a maturare molto rapidamente negli ultimi giorni”, ha affermato François Capdelair, capo della cooperativa Dom Brial a Baixas, fuori Perpignan.

Ha detto che le cesoie sono uscite il 3 agosto per l’uva moscato tipica della regione, seguita da Chardonnay e Grenache Blanc.

Leggi anche

La siccità stringe la morsa sul Marocco

“Per più di 30 anni, non ho iniziato a raccogliere il 9 agosto”, ha affermato Jerome Desby, proprietario di un vigneto nella contea di Herault.

premere fuori

Come altri coltivatori, i vigneti francesi hanno lottato per anni con condizioni meteorologiche avverse sempre più comuni, tra cui gelate primaverili, grandinate devastanti e piogge insolitamente intense.

Ma la storica siccità di questa estate – luglio è il mese più secco dal 1961 – e le alte temperature colpiscono soprattutto i vigneti.

Solo il 10 per cento delle parcelle viticole francesi utilizza sistemi di irrigazione artificiale, che possono essere difficili o costosi.

E sebbene i vigneti siano più resistenti di molte altre colture e le loro radici scendono in profondità nel terreno nel corso degli anni di crescita, possono solo sopportare molto.

READ  Afganský viceprezident sa stal dočasným prezidentom krajiny - Svet - Správy

Quando l’acqua scarseggia, le viti subiscono uno “stress idrico” e si proteggono con la defogliazione e non fornendo sostanze nutritive all’uva, causandone l’arresto della crescita.

Leggi anche

Decine di migliaia di sentieri accidentati per il trekking per vedere il vulcano islandese

In Alsazia, “non è caduta una goccia di pioggia in due mesi”, ha affermato Gil Earhart, presidente dell’associazione dei coltivatori AVA.

“Avremo un raccolto molto piccolo” dopo che la raccolta inizierà intorno al 26 agosto, ha detto.

Quando le temperature superano i 38 gradi Celsius (100 Fahrenheit), “l’uva brucia, si secca e perde volume e qualità” perché la gradazione alcolica prodotta è “troppo alta per i consumatori”, ha affermato Pierre Champetier, presidente di Protected Geographic. Segnale (IGP) per la regione dell’Ardèche a sud di Lione.

Champeter ha iniziato la raccolta lunedì, quando “abbiamo iniziato circa 40 anni fa, il 20 settembre”, ha detto.

Ora è preoccupato per questo Il riscaldamento globale Renderà tali colture “naturali”.

Qualità a rischio

Alcuni viticoltori esitano ancora nella speranza di pioggia nelle prossime settimane, come i produttori di uve rosse dell’Herault, dove la stagione della vendemmia dovrebbe iniziare come di consueto all’inizio di settembre.

In Borgogna, che due anni fa ha visto il suo debutto alla vendemmia – il 16 agosto – dopo più di quattro secoli di follow-up, la raccolta nelle cantine di Saone-et-Loire inizierà intorno al 25 agosto.

Leggi anche

I timori di nuovi incendi boschivi mentre gli incendi imperversano in Francia

Ma più a sud, nella Valle del Rodano, “un’ondata di caldo ha accelerato la maturazione di oltre 20 giorni rispetto allo scorso anno”, secondo l’Associazione dei produttori Inter-Rhone.

READ  Le temperature scendono e arriva la pioggia - Pasadena adesso

Tuttavia, sperano che la qualità dell’uva regga, come stanno facendo i coltivatori di champagne nel nord-est, dove la vendemmia inizierà alla fine di agosto, anche se i raccolti dovrebbero diminuire del 9% anno su anno a causa di un’ondata di freddo primaverile e grandinate.

Bordeaux prevede di iniziare il 17 agosto con le uve spumante della regione, stimate dagli esperti ma solo l’uno per cento della produzione totale.

Il prossimo passo saranno “bianchi secchi, bianchi dolci e poi rossi”, ha detto Christophe Chateau del gruppo di produttori CIVB, anche se le date esatte saranno fornite solo la prossima settimana.

Ma ha avvertito che le previsioni di pioggia, anche dai temporali in tutta la Francia a partire da questo fine settimana, “non sarebbero stati sufficienti” per garantire un “bel temporale”.

Fonte: Agence France-Presse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.