Un nuovo modello potrebbe prevedere l’esistenza del ciclo del carbonio sugli esopianeti

Impressione artistica di un esopianeta simile alla Terra. Credito: NASA

La vita prospera a temperature stabili. Sulla Terra, questo è facilitato dal ciclo del carbonio. Gli scienziati di SRON, VU e RUG hanno sviluppato un modello che prevede se un ciclo del carbonio è presente sugli esopianeti, date le condizioni di massa, dimensione della base e quantità di anidride carbonica.2 è noto. pubblicato in Astronomia e astrofisica Il 3 maggio.


Nella loro ricerca della vita sui pianeti al di fuori del nostro sistema solare, gli astronomi non hanno il lusso di scattare foto per vedere cosa sta succedendo lì. Gli attuali telescopi non hanno neanche lontanamente desiderato Risoluzione spaziale Per questo; Gli esopianeti sono semplicemente troppo piccoli e troppo distanti. Tuttavia, l’atmosfera del pianeta stampa una grande quantità di informazioni nello spettro della luce stellare che viene proiettata attraverso di essa. La risoluzione spettrale dei nostri telescopi è in realtà più che sufficiente per rilevarlo. In questo modo, gli scienziati possono identificare le sostanze in esso contenute Atmosfera di un esopianeta. Alla ricerca della vita, CO2 Molto interessante per l’effetto calmante di Il ciclo del carbonio Sul riscaldamento e sul raffreddamento. Grazie a questo Corso, La Terra ha sempre mantenuto una temperatura abitabile mentre il sole è diventato il 20% più luminoso negli ultimi miliardi di anni.

Gli scienziati di SRON, VU e RUG hanno sviluppato un modello che correla la massa di un esopianeta e la dimensione del suo nucleo con la quantità di anidride carbonica2 Nell’atmosfera, a condizione che ci sia un ciclo del carbonio. Quindi, quando definiamo questi tre fattori di un esopianeta con un telescopio, il modello ci dice se ha un ciclo del carbonio. La massa del pianeta e le sue dimensioni di base sono un fattore dovuto alla loro forte influenza su Placche tettoniche, Che svolge un ruolo importante nel ciclo del carbonio.

Il ciclo del carbonio ha un effetto moderatore sui cambiamenti di temperatura perché il pianeta assorbe più anidride carbonica2 Quando diventa più caldo, riduce l’effetto serra. Quando diventa più freddo, accade il contrario. Il primo passo del ciclo è l’invecchiamento: le rocce reagiscono con l’anidride carbonica2 E l’acqua piovana per formare bicarbonato (HCO3). Questo si deposita sul fondo del mare come rocce sedimentarie (CaCO3), Mentre una piccola frazione del carbonio si dissolve come prodotto residuo nell’acqua di mare. Quindi, le placche tettoniche trasportano le rocce sedimentarie al mantello. Quindi, i vulcani rilasciano anidride carbonica2 A partire dal Rocce sedimentarie Torna all’atmosfera.

“Non sappiamo se ci siano altri pianeti che hanno una tettonica a placche e un ciclo del carbonio”, afferma Mark Austerlo, l’autore principale dell’articolo. “Nella nostra regione Sistema solareLa Terra è l’unico pianeta in cui abbiamo trovato il ciclo del carbonio. Ci auguriamo che il nostro modello contribuisca alla scoperta di un esopianeta con un ciclo del carbonio, e quindi possibilmente la vita “.


Nuove informazioni sul ciclo del carbonio terrestre


maggiori informazioni:
Oosterloo, D. Höning, IEE Kamp e FFS van der Tak, “Il ruolo dei pianeti interni nell’evoluzione a lungo termine dell’anidride carbonica atmosferica su esopianeti simili alla Terra”, Astronomia e astrofisica2021.

la citazione: Nuovo modello che può predire l’esistenza del ciclo del carbonio sugli esopianeti (2021, 3 maggio) Estratto il 3 maggio 2021 da https://phys.org/news/2021-04-carbon-presence-exoplanets.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento equo ai fini di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto viene fornito solo a scopo informativo.

READ  La Terra è davvero piatta? Risponde l'astrofisico Alan Riazuelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *