Un nuovo colpo per Boris Johnson con le dimissioni del ministro della giustizia a causa delle violazioni del partito di Downing Street

La battaglia di Boris Johnson per rimanere al potere è stata danneggiata dalle dimissioni del suo procuratore generale, che ha avvertito che la portata e la natura delle violazioni delle regole del coronavirus a Downing Street sono contrarie allo stato di diritto.

Il collega conservatore David Wolfson ha detto che “non aveva scelta” se non di dimettersi per “ripetute violazioni delle regole e violazioni della legge penale, a Downing Street”.

Le ricadute sono continuate dopo che la polizia ha multato il primo ministro e cancelliere britannico Rishi Sunak per la festa del decimo compleanno di Johnson durante le restrizioni Covid nel giugno 2020 con più richieste di dimissioni.

I parlamentari conservatori Nigel Mills e Craig Whitaker hanno affermato che la posizione del primo ministro era insostenibile dopo che si è scoperto che aveva infranto le regole che aveva stabilito.

La posizione di Johnson è stata per ora sicura, tuttavia, con i politici che sono rimasti lontani dal Parlamento durante le vacanze di Pasqua e molti critici conservatori che chiedono di concentrarsi immediatamente sull’invasione dell’Ucraina.

David Wolfson, procuratore generale dal 2020, ha dichiarato nella sua lettera di dimissioni a Johnson di essere giunto “all’inevitabile conclusione che ci sono ripetute violazioni delle regole e del diritto penale a Downing Street”.

Ha concluso che non aveva altra scelta che dimettersi in considerazione dei miei “doveri ministeriali e professionali di sostenere e rafforzare lo stato di diritto”.

La decisione ha aumentato la pressione su Dominic Raab, la cui ombra laburista Steve Reid ha osservato che il procuratore generale è “costituzionalmente incaricato di sostenere la legge, ma invece condona una violazione della legge” sostenendo Johnson.

Ha descritto Raab Wolfson come un “avvocato di livello mondiale” la cui “saggezza e intelligenza mancheranno gravemente al governo”.

READ  הר געש התפרץ בספרד ומתפשט לעבר כפרים באזור

Johnson ha scritto alla sua controparte dicendo che era “dispiaciuto di ricevere” le dimissioni, elogiando i suoi “anni di esperienza legale”.

In precedenza, Mills è diventato il primo parlamentare conservatore a chiedere pubblicamente che Johnson lasciasse cadere la spada da quando le multe sono cadute.

Il parlamentare di Amber Valley, nel Derbyshire, ha dichiarato alla PA News Agency che la posizione di Johnson era insostenibile, dicendo: “Sì, penso che il primo ministro in carica prenderebbe una multa e la prenderebbe e la pagherebbe per aver infranto le leggi che ha fatto.. . È solo una posizione impossibile”.

“Abbiamo tutto il diritto di aspettarci standard più elevati per le persone che fanno queste leggi… quindi l’idea che possa sopravvivere dopo aver violato una di esse e prima che le abbia infrante, penso sia impossibile”.

Whitaker, un parlamentare del collegio elettorale del West Yorkshire di Calder Valley, ha invitato Johnson e Sunak a dimettersi in risposta alle domande degli elettori.

“Per essere molto chiari, la mia opinione personale è che lui e il cancelliere dovrebbero dimettersi perché non puoi fare leggi e poi infrangerle come hanno fatto loro”, ha detto in un video di Facebook.

Ma Whitaker ha detto che non avrebbe inviato una lettera al comitato del Partito conservatore del 1922, dicendo che si aspettava che il primo ministro vincesse un voto che avrebbe distratto l’Ucraina e la sua crisi del costo della vita.

Sia Johnson che Snack hanno indicato che potrebbero prendere in considerazione la possibilità di dimettersi a causa degli avvisi di penalità fissa emessi da Scotland Yard.

READ  Kate Middleton ha soprannominato "dupliKate" Meghan Markle dai fan

Il ministro gallese Simon Hart ha indicato che il primo ministro non si dimetterà anche se è stato multato più volte nell’indagine sull’operazione Hellman della polizia metropolitana.

Johnson non ha escluso la possibilità che venga multato di nuovo per altri eventi e si dice che sei dei 12 indagati abbiano partecipato.

“Non vedo necessariamente la differenza tra (una multa) o due, ad esempio, il principio è lo stesso”, ha detto Hart a Radio Times.

“Personalmente non credo che per le persone nella vita pubblica – o qualsiasi altro percorso nella vita, del resto – dovrebbe essere necessariamente accompagnato da qualche altra sanzione, che è la rimozione del lavoro o qualcosa del genere”.

Johnson e Sonak – e la moglie di Johnson Carey, anche lei multata per aver festeggiato nella stanza del gabinetto – si sono entrambi scusati martedì e hanno confermato che le multe erano state pagate.

I manifestanti hanno organizzato una manifestazione di fronte a Downing Street chiedendo a Boris Johnson di rassegnare le dimissioni per le multe per aver chiuso il cancello del partito.

Fonte: Alamy Foto Stock

Il segretario ai trasporti Grant Shapps questa mattina ha difeso il primo ministro, insistendo sul fatto che ha commesso un errore e non ha violato intenzionalmente la legge.

Sulla questione se Johnson abbia fuorviato i parlamentari con le sue precedenti difese contro le accuse di violazione delle regole, Shapps ha detto a Good Morning Britain di ITV: “Non credo che abbia infranto le leggi di proposito quando è venuto in Parlamento.

“Ora sappiamo che la polizia metropolitana ha detto che non avrebbe dovuto entrare nella stanza del gabinetto quando il personale ha organizzato una sorpresa. Non credo che sia venuto in Parlamento pensando che avesse infranto le regole”.

READ  Il Presidente dell'African Development Bank Group inizia una visita di tre giorni negli Emirati Arabi Uniti

Anche i parlamentari del Partito conservatore e altri ministri hanno mostrato il loro sostegno al primo ministro, citando il suo sostegno all’Ucraina in risposta all’invasione di Vladimir Putin.

Il ministro dell’Interno Priti Patel è stata una delle figure che è rimasta in silenzio sullo scandalo, ma una fonte del Ministero dell’Interno ha affermato che Johnson aveva il suo “pieno sostegno”.

È stato detto che è stato difficile per i ministri del ministero dell’Interno commentare le indagini di polizia in corso.

# Aprire la stampa

Nessuna notizia è una cattiva notizia
supporto rivista

è tuo contributi Ci aiuterai a continuare a fornire le storie che contano per te

Sostienici ora

Nel frattempo, il Partito Laburista, i Liberal Democratici e il Partito Nazionale Scozzese hanno continuato a sostenere gli appelli per richiamare la Camera dei Comuni dalle due settimane di pausa pasquale per consentire al primo ministro di “presentare personalmente le sue dimissioni” ai parlamentari.

La consulente ombra Rachel Reeves ha detto che Johnson e Sunak non sembravano capire quanto fossero “estremamente aggressive” le loro violazioni del blocco.

Più di 50 multe sono state deferite all’Acro Criminal Records Office dall’inizio delle indagini del Met.

Parlando alle emittenti televisive nella sua città natale di Dama, Johnson ha affermato che la questione “non gli è passata per la mente” in un momento in cui la festa per cui è stato multato potrebbe aver infranto le regole del Covid.

Sunak ha offerto “scuse franche”, dicendo di aver capito che “per le personalità che rivestono cariche pubbliche, le regole devono essere rigorosamente applicate al fine di mantenere la fiducia del pubblico”.

Un portavoce di Carrie Johnson ha dichiarato: “Anche se credeva di agire in conformità con le regole dell’epoca, la signora Johnson accetta i risultati della polizia metropolitana e si scusa senza riserve”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.