UBA: Cambiare la storia dell’Africa con un ricco patrimonio culturale

Ancora una volta, la Banca Unita per l’Africa ha definitivamente preso l’iniziativa di raccogliere valori africani inalienabili, ricche culture e patrimonio prezioso per celebrare la 4a Giornata Africana. Questo per cambiare la narrativa e incoraggiare gli africani in patria e all’estero a essere patriottici e ad abbracciare il loro intrinseco africanismo. Rebecca Ejifuma Rapporti

È stata una miscela di cultura, moda, colori, intrattenimento intrigante e discorsi penetranti nel concetto di arredamento di ispirazione africana per celebrare la 4a Giornata dell’Africa presso l’UBA House Marina nello stato di Lagos.
Una troupe di ballerini e attori ha rappresentato alcuni paesi dell’Africa: Nigeria, Ghana, Senegal, Zimbabwe, Namibia, Sud Africa, tra gli altri. La musica vivace e vivace che forniscono, canta il pubblico dall’ingresso dell’edificio ai suoi ingressi fino all’Anfiteatro Tony Elumelu. La loro esibizione pubblica ha diffuso buone vibrazioni e ha guadagnato loro $ 6 milioni di applausi.

Oggi l’Africa è diventata indiscutibilmente il secondo continente più grande del mondo. È ancora l’unico continente tra i sette paesi che è stato chiaramente ereditato con la cultura più diversificata e distinta che è apprezzata in tutto il mondo.
Dalle sue opere d’arte estetiche, costumi etnici, danze espressive, una pletora di lingue straordinarie, piatti squisiti, attrazioni turistiche e fauna selvatica, tra gli altri, l’Africa è vista come una potenza globale che deve ancora essere esplorata.

Pertanto, al fine di mostrare con orgoglio il suo patrimonio culturale, la United Bank for Africa (UBA) Plc ha ospitato i colloqui della 4a Giornata africana a Lagos per celebrare la Giornata dell’Africa di quest’anno. Parte del suo obiettivo era che personalità eminenti sviluppassero soluzioni durature alle sfide persistenti del continente. UBA Africa Conversations è stata fondata nel maggio 2019 come iniziativa in primo piano in una serie di celebrazioni della Giornata dell’Africa.
I colloqui hanno fornito una piattaforma per il pubblico africano e globale per connettersi con i leader del pensiero globale sia nel settore privato che in quello pubblico, nel loro viaggio africano. Tutto questo nel tentativo di cambiare la narrativa in Africa da desolata a riuscita.

READ  Diplomatie – L’UE prône le maintien du dialogue avec la Russie

Con il titolo “L’importanza di riflettere la nostra cultura africana nelle storie di successo globali”, oggi ha sottolineato il massiccio cambiamento nell’influenza culturale dell’Africa – dall’afrobeat ai film africani; grandi marchi di moda africani e autori africani; Tempo libero e cultura. Secondo UBA, l’Africa sta avendo un impatto positivo a livello globale.

Secondo il vicedirettore generale di UBA, Oliver Alawuba, “UBA Africa è costruita fuori dall’Africa”, ha riconosciuto, aggiungendo che UBA ha investito molto in Africa. Siamo in 20 paesi africani e quattro paesi al di fuori dell’Africa. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di guidare gli investimenti in Africa, attraverso colloqui come questo”.

Per Alawuba, UBA aspira a svilupparsi e crescere nel mondo. L’unità è fondamentale e molto importante in Africa. La nostra attenzione è sempre stata su come cambiare la narrativa. “L’unità è fondamentale e molto importante per il futuro dell’Africa e dobbiamo rimanere uniti per realizzare le nostre aspirazioni.

L’Alto Commissario della Namibia in Nigeria, l’Ambasciatore Humphrey Desmond Gaispe, interagendo con il Direttore Sanitario, ha parlato di come la globalizzazione sia stata benefica per l’Africa. Certo, ci sono ancora alcune scappatoie. C’è ancora molto che non si sa sull’Africa. E penso che la cultura e le arti possano aiutarci a farlo bene”.

Ha aggiunto che l’ingresso di UBA come banca africana negli Stati Uniti ne è una testimonianza. Questo è ciò che Jesep immaginava che entro il 2063 l’Africa sarebbe diventata un continente unito e prospero, con la capacità di alimentare il proprio sviluppo.

Nei casi di esportazione e importazione, l’ambasciatore e relatore ai colloqui ha insistito sul fatto che l’Africa dovrebbe esportare di più e aggiungere valore al proprio prodotto. Nelle sue parole, “il libero scambio instillerà un ambiente in cui gli africani scambieranno di più e godranno di opportunità intra-commerciali.

READ  Giappone e Filippine tengono i primi colloqui di sicurezza "2+2" nel Mar Cinese Meridionale

“Dobbiamo padroneggiare l’Agenda africana 2063 in modo da essere tutti in un posto migliore per massimizzare le diverse posizioni e rimanere uniti”.

Ha anche sottolineato la necessità che i governi di ogni paese prestino molta attenzione in modo che l’impegno per l’Agenda africana sia lodevole. Aggiungendo che ha incoraggiato che come africani “dovremmo essere orgogliosi di chi siamo, da dove veniamo e dei giorni a venire”.

Per illuminare e coinvolgere ulteriormente i partecipanti, l’UBA ha riunito un panel ricco e diversificato tra cui il leggendario musicista e cantautore africano Youssou Madjiguin N’Dour; L’ex Commissario per il Turismo, Stato di Lagos, Steve Iurindi; Lydia Forson, attrice cinematografica africana vincitrice del premio Oscar ghanese; un giovane stilista di talento, Kenneth Eazy; E Jesep.

Nella sua presentazione, Ayurendi ha sottolineato quanto segue: “Come africani, abbiamo raggiunto un punto in cui nessuno denigra più la cultura africana. In effetti, c’è ancora un divario, ma stiamo lavorando per colmarlo”. Tuttavia, ha notato che la modifica dei media e dei contenuti digitali aiuta a migliorare le narrazioni africane.

D’altra parte, Forson ha elogiato il contributo di UBA nel cambiare la storia africana. Era entusiasta di come la cultura africana sia ora ampiamente accettata in tutto il mondo. L’attrice ha dichiarato: “È fantastico vedere una banca come UBA promuovere deliberatamente l’Africa. Ora il mondo può vedere più di noi, perché stiamo iniziando a raccontare le nostre storie.

Da parte sua, Eze ha affermato che il continente ha molto potenziale che gli africani devono ancora sfruttare. “L’Africa è la nostra casa e la nostra cultura e dobbiamo fare di tutto per preservare la nostra cultura”, ha detto al pubblico durante la sessione moderata dalla giornalista e conduttrice televisiva Laila Salami Johnson.

Parlando della necessità di cooperazione per migliorare le fortune del continente durante il suo discorso programmatico, Ndor ha insistito sul fatto che i giovani in Africa hanno molte domande e “dobbiamo ascoltarli e vedere come insieme possiamo essere una soluzione per l’Africa. Abbiamo per capire che c’è molto da fare. Insieme ce la possiamo fare”.

READ  Atomgespräche mit Iran um eine Woche vertagt

Da sabato 25 maggio 1963, l’Africa Day viene celebrata in tutto il continente e in tutto il mondo. La giornata è stata inaugurata dall’Organizzazione per l’Unità Africana (OUA) per celebrare l’unità, la diversità e la bellezza dell’Africa e del suo popolo.

Pertanto, come una delle principali istituzioni di servizi finanziari dell’Africa, con un’impronta africana che copre 20 paesi africani e globali negli Stati Uniti, nel Regno Unito, negli Emirati Arabi Uniti e in Francia, UBA afferma di essere pienamente impegnata a unire l’Africa. Continua inoltre a condurre una narrazione incentrata sullo sviluppo, la crescita e l’unità in Africa.

In effetti, UBA Plc è orgogliosa di essere un istituto finanziario panafricano leader, che fornisce servizi bancari a oltre 25 milioni di clienti, attraverso 1.000 uffici commerciali e punti di contatto con i clienti in 20 paesi africani.
Con una presenza a New York, Londra e Parigi e una licenza operativa a Dubai, UBA connette persone e aziende in tutta l’Africa attraverso la vendita al dettaglio; banca commerciale e aziendale; Pagamenti e bonifici transfrontalieri innovativi; Finanza commerciale e servizi bancari aggiuntivi. UBA è la Banca Mondiale d’Africa.

citazioni È bello vedere una banca come UBA promuovere deliberatamente l’Africa. Ora, il mondo può vedere più di noi, perché stiamo iniziando a raccontare le nostre storie… Il continente ha un grande potenziale che gli africani devono ancora sfruttare. L’Africa è la nostra casa e la nostra cultura e dobbiamo fare di tutto per preservare la nostra cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.