Trascina di nuovo nel giornale turismo

Trascina di nuovo nel giornale turismo

Nonostante il fatto che le prenotazioni aeree attive a settembre abbiano chiuso all’80% di quelle nel corrispondente mese del 2019, hanno finalmente raggiunto il 57,5% in meno a ottobre.

Il Cancellazione delle prenotazioni dei voli Per le vacanze in Grecia dopo l’ultimo ripetersi dell’epidemia, si ripristina l’elemento di incertezza Turismo greco. Secondo i dati raccolti ed elaborati da Istituto della Confederazione delle imprese turistiche greche (INSETE)Mentre le prenotazioni aeree attive a settembre si sono chiuse all’80% di quelle registrate nel corrispondente mese del 2019, periodo in cui l’epidemia non esisteva ancora, ad ottobre hanno finalmente raggiunto il 57,5% in meno.

Ancora più eloquente del capovolgimento climatico, però, è il fatto che, secondo i dati INSETE, la variazione del saldo delle prenotazioni aeree (prenotazioni meno cancellate effettuate nel mese di riferimento) durante ogni mese, dall’84,5% positivo nel turno di settembre a solidamente negativo ad ottobre e più precisamente al 147,9%. Ovvero, per ogni 100 nuove prenotazioni ne sono state cancellate 147. Si stima che questi numeri siano ulteriormente peggiorati nel corso del mese di novembre. Qualcosa da scoprire la prossima settimana, quando le relative tabelle verranno aggiornate.

Tuttavia, l’immagine è simile ad essa Italia e per Portogallo e per SpagnaPaesi che comunque si stanno riprendendo a un ritmo più lento della Grecia. Ovviamente sia le prenotazioni che le cancellazioni riguardano i viaggi dei prossimi mesi, ovvero quelli di ottobre e novembre compreso e tutti i mesi successivi.

Mentre settembre ha visto una completa inversione del clima, ottobre e novembre hanno mostrato di nuovo una stagnazione.

In conclusione, sebbene settembre abbia visto un completo capovolgimento climatico, indicando una graduale ripresa di tutti i viaggi nel 2019, ottobre e sicuramente anche novembre mostrano un nuovo calo rispetto al 2019 sempre.

READ  Regas - Ambizioni e visione ideale

Tuttavia, il mondo del turismo greco mantiene ancora il suo ottimismo per l’anno a venire, anche se dipende in misura diversa da ciascuna categoria (il turismo urbano durante l’inverno è chiaramente svantaggiato rispetto all’estate). Ma si rientra in condizioni di visibilità relativamente scarsa.

Presidente dell’Associazione delle imprese turistiche greche, Giannis RitsosDurante la sua partecipazione a un evento turistico questa settimana, ha stimato che i ricavi quest’anno si chiuderanno finalmente al livello di 10 miliardi, e ha descritto i 15 miliardi che il budget 2022 prevede come un “obiettivo del tutto realistico”, e infatti ” e non è escluso che supereremo” anche se l’epidemia si diffonderà entro marzo (marzo). “Sappiamo” che l’inverno sarà molto difficile, ha aggiunto, sappiamo che il 2022 sarà l’anno della pandemia, ma forse la Grecia avrà di nuovo un vantaggio. Perché negli ultimi due anni la Grecia è riuscita a essere considerata una destinazione di vacanza molto sicura. Quindi nel 2022, che sarà di nuovo lo standard della pandemia e uno dei criteri chiave per i viaggi e la sicurezza, penso di nuovo, anche se altri paesi dovranno competere, avremo il vantaggio e che ora qualsiasi competizione ha per relazionarci con i problemi che stiamo avendo fondamentalmente con la nostra qualità e la nostra strategia in futuro e apparirà dal 2023 in poi, non dal 2022”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *