Secondo un nuovo studio di Sophos che riassume i dati dell’anno scorso, i virus dell’estorsione hanno causato i danni maggiori nel settore dell’istruzione lo scorso anno, con il maggior numero di attacchi e i costi di ripristino più elevati.

La società di sicurezza informatica Sophos ha pubblicato la sua ultima analisi sui virus dell’estorsione – The Stato del ransomware Sophos nell’istruzione 2021 Presenta la portata e l’impatto di tali attacchi nel settore dell’istruzione. Lo studio si concentra su quest’area perché gli esperti dell’azienda hanno scoperto che – parallelamente al commercio – questo settore ha subito i maggiori attacchi di virus estorsivo nel 2020: il 44% delle istituzioni educative ha subito un attacco ransomware almeno una volta.

Percentuale di organizzazioni colpite da attacchi di virus di estorsione all’interno di determinati settori (2020)

©

L’analisi indica che per le istituzioni educative, l’impatto finanziario degli attacchi di virus dell’estorsione è stato paralizzante, con l’importo totale per il trattamento e il successivo recupero pari a $ 2,73 milioni (HUF 832 milioni). Ciò include, ma non è limitato a, tempi di attività persi, costo dell’utilizzo delle risorse umane, tariffe per le apparecchiature, costi di rete, molte opportunità mancate e riscatto pagato. Questo importo è il più alto tra tutti i settori esaminati ed è del 48% superiore alla media globale.

L’importo medio del riscatto è stato di $ 112.435 (circa 34 milioni di HUF).

Questo è appena al di sotto della media globale di $ 170,404. Ma in media solo i due terzi circa (68%) dei loro dati sono stati recuperati dai pagatori, mentre il restante terzo è rimasto inaccessibile; Inoltre, solo un decimo (11%) ha recuperato tutti i propri dati crittografati.

READ  È interessante notare che 533 milioni di dati degli utenti sono stati trapelati da Facebook, che sarebbe la peggiore fuga di dati nella storia - Gigasin

Il 52% delle istituzioni educative che sono state attaccate da un virus ricattatorio ha affermato che gli aggressori sono stati in grado di crittografare i propri dati. Un terzo (35%) delle vittime della crittografia dei dati ha soddisfatto le richieste degli aggressori e ha pagato il riscatto. Solo le organizzazioni operanti nei settori dell’energia, del petrolio/gas e dei servizi pubblici (43%) e gli enti locali (42%) avevano maggiori probabilità di essere retribuite.

Cattive condizioni, tempi di consegna rapidi

Tra le istituzioni che non sono state attaccate lo scorso anno, la maggioranza (61%) si aspetta che in futuro diventi un bersaglio. La loro risposta è stata principalmente giustificata dal fatto che gli attacchi digitali di oggi sono così complessi (46%) e pervasivi (42%) che è quasi impossibile fermarli.

“Il settore dell’istruzione è sempre stato un obiettivo attraente per gli aggressori digitali”, ha affermato Chester Wisniewski, ricercatore senior di Sophos. “I budget per l’IT e la sicurezza digitale possono essere ristretti, i team IT sovraccarichi spesso proteggono l’infrastruttura legacy con strumenti e risorse limitati, e questi fattori accompagnano attività rischiose dell’utente finale come il download di software piratato”.

Secondo l’esperto, tutto ciò aumenterebbe l’esposizione al rischio in un dato anno, ma a causa della pandemia del 2020, le istituzioni educative hanno dovuto passare in breve tempo agli ambienti di apprendimento virtuali e hanno avuto poco tempo per pensare alla sicurezza o fornire formazione di base sulla sicurezza informatica per tutti i nuovi utenti remoti. Il ricercatore ha sottolineato che “questo ha aumentato significativamente la vulnerabilità del settore e gli aggressori hanno rapidamente approfittato di questa opportunità. Di conseguenza, le vittime hanno subito un enorme colpo finanziario dovendo ricostruire da zero la loro infrastruttura IT”.

READ  Ha lasciato cadere il suo iPhone da un aereo ed è riuscito a ripristinarlo intatto sulla spiaggia: il telefono ha registrato tutto e il video è diventato virale

L’FBI affronterà anche la crescente vulnerabilità delle istituzioni educative questa primavera Emetti un avvertimento.

Se vuoi sapere cose simili in altri momenti, così Pagina Facebook di HVG Tech.



Il numero di comitati editoriali indipendenti dal potere è in costante calo e quelli che esistono ancora stanno cercando di rimanere a galla sotto crescenti venti contrari. In HVG perseveriamo e non cediamo mai alle pressioni, portando ogni giorno notizie locali e internazionali.

Ecco perché chiediamo a voi, nostri lettori, di sostenerci, sostenerci, aderire e rinnovare la nostra adesione!

Promettiamo di continuare a fare del nostro meglio per te in tutte le circostanze!