Taubira critica la nuova legge francese sull'immigrazione

Taubira critica la nuova legge francese sull'immigrazione

Christiane Taubira contesta la nuova legge francese sull'immigrazione

L'ex ministro francese della Giustizia Christiane Taubira ha espresso con forza, attraverso un post su Facebook, il suo rifiuto della nuova legge sull'immigrazione adottata dal Parlamento francese. Taubira, nota per la sua posizione schietta su varie questioni sociali, ha analizzato la legge, criticando molti dei suoi articoli che, a suo avviso, sono in conflitto con i principi di ospitalità, diritto fondiario, solidarietà, vita familiare, istruzione e assistenza sanitaria. Diritto pubblico ed etica.

Taubira critica la legge per il suo spirito restrittivo

La ripetuta inclusione nella legge di disposizioni sulla revoca della cittadinanza non è sfuggita al controllo di Taubira. Accusa gli autori della legge di incitare alla paura, sottolineando che queste misure erano il risultato di paranoia e xenofobia. La sua critica si estende ai modelli storici in cui tali idee sono state diffuse attraverso programmi elettorali, piattaforme televisive e social media, e successivamente sancite dalla legge.

Speranza in una revisione da parte del Consiglio costituzionale francese

Nonostante l'approvazione della legge, Taubira è ottimista sul fatto che il Consiglio costituzionale francese la rivedrà in modo significativo prima di approvarla. Si aspetta che il Consiglio possa attenuare le misure più dure della legge e metterne in discussione l'applicabilità. La sua fiducia nel potenziale intervento del Consiglio offre un barlume di speranza in quella che viene vista come una mossa legale restrittiva.

La resistenza è organizzata contro la legge

Taubira sottolinea anche la resistenza già organizzata contro la legge. Accoglie con favore questi sforzi ed è solidale con coloro che rifiutano le narrazioni alimentate dal panico di “grande conquista” o “sostituzione”. Celebra il contributo degli immigrati alla società francese, compresi coloro che hanno lavorato in prima linea durante la pandemia e hanno contribuito a vari settori come la ricerca, l’arte e la politica. Ribadisce la propria fiducia in una Francia socialmente e culturalmente dinamica che abbraccia la diversità e l’inclusione.

READ  Le parlement arabe dénonce le chantage de Human Legal rights Watch contre certains pays

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *