Sheikh Hasina vince un quinto mandato in Bangladesh tra le polemiche sull'affluenza alle urne Notizie sulle elezioni

Sheikh Hasina vince un quinto mandato in Bangladesh tra le polemiche sull'affluenza alle urne  Notizie sulle elezioni

Dacca, Bangladesh Sheikh Hasina si è assicurata il suo quinto mandato come Primo Ministro del Bangladesh in un'elezione il cui esito è stato deciso nel momento in cui è stato annunciato il calendario all'inizio di novembre, quando la principale opposizione ha boicottato le elezioni.

La sorpresa è stata chi è arrivato secondo.

Invece di qualsiasi partito politico, i candidati indipendenti hanno ottenuto un totale di 63 seggi, il secondo più alto dopo la Awami League di Hasina, che ha ottenuto 222 seggi, creando un problema nel trovare un'opposizione parlamentare.

Secondo la commissione elettorale, l’attuale opposizione, il partito Jatiya, è riuscita a ottenere solo 11 dei 300 seggi parlamentari.

Quasi tutti i contendenti indipendenti vincitori erano persone che erano state respinte dalla Lega ma a cui era stato chiesto dalla leadership del partito di presentarsi come “candidati fittizi” per dare alle elezioni un aspetto competitivo al mondo.

“Questo è un risultato strano per un’elezione strana”, ha detto ad Al Jazeera Shahidul Alam, un famoso attivista e fotografo per i diritti umani del Bangladesh. “I falsi candidati in false elezioni porteranno ora a un falso parlamento”.

Le “elezioni unilaterali” di domenica, evitate dal Partito nazionalista del Bangladesh (BNP) – il principale rivale politico della Lega Awam – che voleva che le elezioni si svolgessero sotto un'entità neutrale piuttosto che sotto l'amministrazione di Hasina, erano semplicemente una “mera formalità” per riportare Hasina in energia. Ancora una volta, dicono gli analisti.

Hanno aggiunto che l'unico entusiasmo è stato il tasso di affluenza alle urne, dopo che i governi occidentali hanno esercitato pressioni sul governo di Hasina affinché garantisse elezioni libere, giuste e partecipative.

Dopo la chiusura delle urne alle 16:00 (10:00 GMT di domenica), la Commissione elettorale ha dichiarato che il tasso di affluenza alle urne aveva raggiunto il 40%.

READ  United states porušují mezinárodní právo, kritizuje Tálibán přelety dronů. Požaduje jejich zastavení | iROZHLAS

Ma molti dubitavano che questo tasso fosse elevato.

“Non so per quanto riguarda il resto del Paese, ma penso di non vedere una Dhaka così vuota da anni”, ha detto ad Al Jazeera Abdullah Yusuf, un ingegnere nella zona di Dhanmondi nella capitale.

“Sembrano i primi giorni del coronavirus. Sono passato davanti a due seggi elettorali nel bel mezzo della giornata e non ho visto molte persone oltre agli attivisti della Awami League che indossavano il distintivo. L'affermazione della Commissione Europea del 40% è assolutamente ridicola.

'sciocco'

Nel frattempo, alcuni analisti hanno sottolineato la confusione nell'annuncio della Commissione europea.

Sakawat Hussain, ex commissario elettorale, ha dichiarato: “È difficile credere che l’affluenza alle urne sia stata del 40%, soprattutto perché lo stesso commissario capo elettorale prima ha dichiarato il 28% durante la sua conferenza stampa e poi improvvisamente l’ha cambiato al 40%. .

Il tasso di partecipazione, apparso sul cruscotto della sede della Commissione europea poche ore dopo la conferenza stampa, è stato del 28%, e una foto è stata ampiamente diffusa sui social media nel paese e ha ricevuto critiche. Al Jazeera ha controllato e verificato questo numero.

La Commissione europea aveva annunciato in precedenza, un'ora prima della chiusura delle urne, che il tasso di partecipazione aveva raggiunto circa il 27%. Al Jazeera ha visitato almeno 10 seggi elettorali in tutta la capitale, Dacca, nell'ultima ora e non ha visto alcun elettore.

Sharmeen Murshed, capo dell’organizzazione popolare di monitoraggio elettorale Protea, ha detto ad Al Jazeera che il salto da 27 a 40 nel giro di circa un’ora è stato “ridicolo” e “ha gravemente offuscato la reputazione della Commissione europea”.

READ  Abuela denunció que su hija la tenía secuestrada cuando la llevó a vacunar

“Era un modo sicuro per perdere ulteriormente la fiducia e la credibilità delle persone, cosa che non avremmo mai avuto bisogno di fare”, ha detto. Ha aggiunto: “Questa non è stata un’elezione, ma piuttosto un esercizio per esprimere voti di un partito per un partito”.

Gli attivisti dell'Alleanza dell'opposizione del Bangladesh marciano portando uno striscione con le parole scritte sopra "Hartal" Significa sciopero
L'opposizione del Bangladesh aveva indetto uno sciopero durante il fine settimana elettorale [Mahmud Hossain Opu/AP]

Nel frattempo, i leader del BNP hanno descritto la cifra del 28% come troppo alta, affermando che la maggior parte dei seggi elettorali in tutto il paese erano vuoti tutto il giorno. Il partito di opposizione aveva precedentemente annunciato uno “sciopero globale” di 48 ore a partire da sabato mattina, che si ritiene abbia portato anche a un calo dell'affluenza alle urne.

Abdul Moin Khan, uno dei leader del Partito nazionalista del Bangladesh, ha dichiarato: “Nella maggior parte delle immagini e dei filmati che circolano sui media e sulle piattaforme dei social media, troverete immagini di cani in piedi, sdraiati e che si godono il sole con la polizia e gli agenti. alcuni attivisti della Awami League”. Briefing post-elettorale per i giornalisti: “Ma non ci sono elettori”.

Khan ha detto che la gente ha risposto al loro appello a boicottare le urne e mostrare il “cartellino rosso” per le elezioni.

“Anche i sostenitori dell'Awami League non si sono preoccupati di andare agli stand per votare perché sapevano che i loro candidati avrebbero vinto comunque”, ha aggiunto.Interactive_Bangladesh_elezioni_in sintesi

Preoccupazioni sulla legittimità

Tuttavia, i leader della Lega Awalmiya hanno affermato che il piano del BNP di contrastare le elezioni attraverso “attacchi mortali” e “attacchi incendiari” non ha dato i suoi frutti quando le persone sono andate a votare.

Obaidul Qadir ha detto ai media dopo aver ricevuto un chiaro vantaggio nei risultati del sondaggio: “Questa è una vittoria per la nostra democrazia. La gente sta dando al terrorismo del BNP una risposta adeguata attraverso il voto”.

READ  Primarie del New Hampshire: Nikki Haley sta combattendo, ma adesso questo è il partito di Trump

Qadir ha anche affermato che la maggior parte delle persone ha votato per i propri candidati preferiti senza alcuna intimidazione o interferenza nel voto. “Questa è stata una delle elezioni più pacifiche del Paese”, ha aggiunto.

Sebbene le recenti elezioni nazionali siano state segnate da dozzine di morti e gravi violenze, le elezioni di domenica hanno visto solo un morto e pochissimi scontri, rendendole una delle elezioni più pacifiche nella storia del Paese dell'Asia meridionale.

“Il popolo del vostro Paese dovrebbe essere orgoglioso di tenere elezioni così pacifiche”, ha detto in una conferenza stampa successiva Hisham Kahil, amministratore delegato della Commissione elettorale centrale palestinese e uno dei numerosi osservatori elettorali stranieri.

I funzionari elettorali aspettano gli elettori in un seggio elettorale a Dacca.  Ci sono quattro donne sedute sulle panche lungo la navata.  Uno si siede su una cassettiera
I funzionari elettorali della Armanitola Government High School di Dhaka aspettano gli elettori [Mohammad Ponir Hossain/Reuters]

Tuttavia, Kahil ha eluso le domande sull’affluenza alle urne e ha affermato che stava valutando solo gli aspetti tecnici del processo di voto: se agli elettori era consentito l’accesso e se il voto era stato condotto sistematicamente.

Non posso commentare lo scenario politico qui. “Ecco perché devo restare almeno un mese”, ha aggiunto.

L'osservatore russo Andrei Shutov ha affermato che il processo di voto è stato sistematico e pacifico. Ha aggiunto: “Queste elezioni sono legittime”.

AKM ha detto: Wahiduzzaman, segretario dell'informazione e della tecnologia del BNP, ha affermato che non vi sono dubbi sul fatto che le elezioni siano state pacifiche perché “non c'erano elettori”.

“Ma questo è chiaramente illegale”, ha aggiunto.

Ha aggiunto che la vittoria della Awami League è stata “illegale e illegittima” perché le persone “non l'hanno legittimata votando”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *