Sarah Palin guida la corsa dell’Alaska per la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti

I senatori repubblicani dell’Alaska Lisa Murkowski e Kelly Chebaka, il suo sfidante repubblicano sostenuto dall’ex presidente Donald Trump, sono avanzati dalle primarie martedì. La repubblicana Sarah Palin, alla ricerca di un ritorno alla carica elettiva dopo più di un decennio, era tra i candidati in corsa per le elezioni generali di novembre nella corsa per l’unico seggio dell’Alaska alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Murkowski era fiduciosa che sarebbe andata avanti, dicendo ai giornalisti all’inizio della giornata: “Ciò che conta è vincere a novembre”. Chebaka ha definito i risultati “il primo passo per rompere la presa della monarchia Murkowski sull’Alaska”.

A. Murkowski è al Senato dal 1981; Prima di Lisa Murkowski, senatrice dalla fine del 2002, suo padre era Frank Murkowski.

Murkowski è stato uno dei sette senatori repubblicani che hanno votato per condannare Trump nel suo secondo processo di impeachment dopo le rivolte del Campidoglio il 6 gennaio 2021.

Nell’ambito di un processo elettorale approvato dagli elettori, utilizzato per la prima volta nelle elezioni in Alaska di quest’anno, le primarie del partito sono state cancellate e il voto di selezione classificato utilizzato nelle elezioni generali. I primi quattro vincitori della corsa alle primarie, indipendentemente dall’affiliazione al partito, passeranno alle elezioni generali.

La senatrice dello stato dell’Alaska Lisa Murkowski, al centro, posa all’inaugurazione del suo ufficio per la campagna per la rielezione a Juneau l’11 agosto. (Becky Bohrer/Associated Press)

Era troppo presto per chiamare gli altri due posti nella corsa al Senato.

Alle primarie della Camera, la democratica Mary Biltola e Palin e il repubblicano Nick Bejic hanno guidato le elezioni di novembre. Era troppo presto per chiamare il quarto posto. Il vincitore sarà eletto nella corsa di novembre per due anni.

Anche Bletula, Begic e Palin stavano contestando un’elezione speciale per servire ciò che restava del defunto vice. Il mandato di Don Young, che scade all’inizio del prossimo anno. Young è morto a marzo. L’elezione speciale è stata la prima opportunità per gli elettori di votare classificati in una corsa in tutto lo stato. Il vincitore delle elezioni speciali potrebbe non essere noto almeno fino al 31 agosto.

Le elezioni speciali erano su un lato del ballottaggio; L’altra parte conteneva le corse primarie per il Senato, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, il governatore, il vice governatore e i seggi legislativi.

Palin istituisce un nuovo sistema di voto

Palin, in una dichiarazione martedì sera, ha definito questo caso “il primo banco di prova del folle, complesso e indesiderato sistema di voto a scelta classificata”.

Begic, un uomo d’affari di una famiglia di eminenti democratici, si oppose con veemenza a Palin durante la campagna, cercando di ritrarla come una cercatrice di fama e una capitolatrice; Palin ha rassegnato le dimissioni durante il suo mandato da governatore nel 2009.

Un narratore in una delle pubblicità di Palin si riferisce a Begitch come a un “nick negativo” e dice che Palin vuole servire al Congresso per “portare la torcia di Don Young”.

Biltola, un’ex legislatore che ha recentemente fatto parte di un comitato il cui obiettivo è ricostruire le risorse di salmone sul fiume Coscoquim, si è presentata come una “normale Alaska” e creatrice di consenso.

Nella corsa per il governatore dell’Alaska, il governatore repubblicano Mike Dunleavy guidava, così come l’ex governatore Bill Walker, l’Indipendente e il democratico Les Garra. Era troppo presto per chiamare il quarto posto.

Questo è solo l’inizio della gara. Nei prossimi giorni esamineremo tutti i numeri man mano che arriveranno per vedere dove abbiamo bisogno di supporto e non vediamo l’ora di raggiungere tutta l’Alaska e guadagnare i loro voti da ora fino a Novembre”, hanno dichiarato Dunleavy e la sua collega Nancy Dahlstrom in una nota.

Walker lavora con Heidi Drigas e Jara lavora con Jessica Cook.

READ  Sparatoria a Tel Aviv: due persone sono rimaste uccise e molte ferite in una sparatoria a Tel Aviv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.