Samsung introduce tecnologie avanzate di precisione dei pixel nei nuovi sensori di immagine portatili – Samsung Italia Newsroom

ISOCELL HP1 offre la prima risoluzione del settore da 200 MP basata su pixel da 0,64 µm e la nuova tecnologia di aggregazione dei pixel, ChameleonCell

ISOCELL GN5 è un sensore ultrasottile da 1.0µm da 50MP con autofocus elevato

Samsung Electronics, leader globale nella tecnologia avanzata dei semiconduttori, ha presentato oggi ISOCELL HP1, il primo sensore di immagine da 200 megapixel (MP) del settore con pixel da 0,64 µm, e ISOCELL GN5, il primo sensore di immagine ad adottare la messa a fuoco omnidirezionale Tecnologia Dual Pixel Pro con due fotodiodi in un pixel da 1.0 µm.

“Samsung è stata pioniera delle tecnologie pixel ad altissima risoluzione che portano i sensori di immagine ad alta risoluzione a un livello superiore”, ha affermato Duckhyun Chang, Executive Vice President of Sensor Business di Samsung Electronics. “Con ISOCELL HP1 che abbatte le barriere e ISOCELL GN5 che porta l’autofocus ultraveloce, Samsung continuerà a guidare la tendenza verso la prossima generazione di tecnologie di imaging mobile”.

ISOCELL HP1: cattura il mondo con video da 200 MP e Crystal Sharp 8K

ISOCELL HP1 è il primo sensore di immagine portatile del settore a supportare una risoluzione di 200 MP. Basato sui pixel da 0,64 μm più avanzati di Samsung, ISOCELL HP1 offre una risoluzione così superiore in un piccolo pacchetto che si adatta perfettamente ai dispositivi mobili di oggi. Con ISOCELL HP1, le immagini contengono un’incredibile quantità di dettagli che aiutano a rimanere nitide anche se ritagliate o ridimensionate.

Per la fotografia assoluta in condizioni di scarsa illuminazione, ISOCELL HP1 presenta la nuovissima ChameleonCell, una tecnologia di equalizzazione dei pixel che utilizza un layout a due pixel, quattro per quattro o pixel intero a seconda dell’ambiente. In un ambiente con scarsa illuminazione, l’HP1 si converte in un sensore di immagine da 12,5 MP con grandi pixel di 2,56 μm unendo 16 pixel adiacenti. Il pixel da 2,56 μm di nuova formazione è in grado di assorbire più luce e sensibilità, ottenendo immagini più luminose e chiare nelle porte o di sera. In ambienti esterni luminosi, il sensore da 200 milioni di pixel può acquisire fotografie ad altissima risoluzione su dispositivi mobili.

READ  La Tesla Model S Plaid cerca vendetta nelle corse di resistenza sulla Porsche Taycan

ISOCELL HP1 può acquisire video 8K a 30 fotogrammi al secondo (fps) con una perdita minima del campo visivo. L’HP1 integra quattro pixel adiacenti per ridurre la risoluzione a 50 megapixel o 8192 x 6144 per acquisire video 8K (7680 x 4320) senza dover ritagliare o ridimensionare l’intera risoluzione dell’immagine.

ISOCELL GN5: installalo istantaneamente e acquisisci immagini cristalline e ad alta risoluzione con AF omnidirezionale.

ISOCELL GN5 è il primo sensore di immagine da 1,0 μm del settore a integrare Dual Pixel Pro, una tecnologia di messa a fuoco automatica omnidirezionale, che può migliorare notevolmente le capacità di messa a fuoco automatica. Questa tecnologia posiziona due fotodiodi, i più piccoli del settore, all’interno di ogni 1,0 micrometro di pixel del sensore orizzontalmente o verticalmente per riconoscere i cambiamenti del modello in tutte le direzioni. Con un milione di fotodiodi omnidirezionali a rilevamento di fase che coprono tutte le aree del sensore, l’AF di ISOCELL GN5 è istantaneo, consentendo immagini più nitide in ambienti luminosi o scarsamente illuminati.

Il sensore di immagine utilizza anche la tecnologia pixel proprietaria di Samsung, che applica il Front Deep Trench Isolation (FDTI) a un primo prodotto Dual Pixel del settore. Nonostante le dimensioni del fotodiodo microscopico, FDTI consente a ciascun fotodiodo di assorbire e trattenere più informazioni sulla luce, migliorando la piena capacità dei fotodiodi (FWC) e riducendo l’interferenza intra-pixel.

Sono attualmente disponibili campioni di Samsung ISOCELL HP1 e GN5.

*Samsung ha annunciato per la prima volta la sua tecnologia ISOCELL nel 2013, che riduce l’interferenza cromatica tra i pixel posizionando una barriera fisica, consentendo ai pixel più piccoli di ottenere una maggiore precisione del colore. Basandosi su questa tecnologia, Samsung ha introdotto il suo primo sensore di immagine da 1,0 μm pixel nel 2015 e un sensore da 0,9 pixel nel 2017. Samsung continua a migliorare i metodi di isolamento dei pixel utilizzando le tecnologie ISOCELL Plus e ISOCELL 2.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *