Più di 100 piante nel sud del mondo possono produrre vaccini mRNA

© Sumitsaraswat 09

Medici Senza Frontiere (MSF) ha scoperto che più di 100 piante in Asia, Africa e America Latina sono in grado di produrre vaccini COVID mRNA, ma le aziende farmaceutiche non glielo permetteranno

Analisi in collaborazione con Achal Prabhala, Il coordinatore del progetto AccessIBSA ha identificato 120 piante in Asia, Africa e America Latina in grado di produrre in sicurezza vaccini mRNA.

Al roster di 120 persone è legalmente vietato creare una fornitura nazionale di vaccini, a causa delle leggi sulla proprietà intellettuale. In sostanza, i vaccini mRNA sono una prescrizione e una ripetizione di tale prescrizione, da parte di qualsiasi entità al di fuori di Pfizer, apre il potenziale per una massiccia causa.

I negoziati tra gli stati per sostenere la sospensione temporanea di questa legge e gli stati fermamente contrari ad essa continuano a bloccarsi all’inizio del 2022. Leggi alcune analisi dell’attuale legge sulla proprietà intellettuale.

Alcune aziende pro-IP sostengono che questi produttori non sono produttori di mRNA, portando a potenziali problemi di creazione. Tuttavia, BioNTech ha trasformato l’agente anticorpale contro il cancro in una fabbrica di vaccini mRNA, in meno di sei mesi, completa di approvazione normativa.

Ci sono abbastanza vaccini mRNA in produzione?

Sì, ma sarà distribuito in modo non uniforme.

Attualmente, è probabile che Pfizer e Moderna producano vaccini sufficienti per fornire una fornitura globale fino al 2022 e al 2023. Tuttavia, la maggior parte di queste dosi sarà somministrata ai paesi più ricchi, lasciando vuoto il vaccino nelle popolazioni più vulnerabili.

Paesi come il Regno Unito e la Germania hanno contratti esistenti con aziende farmaceutiche che consentono loro di preordinare dosi per i booster.

READ  கொரோனா பரவல் : சீன நாட்டில் ஹர்பின் நகரில் பகுதி ஊரடங்கு

Gruppo indipendente di assegnazione dei vaccini (IAVG) “Le donazioni promesse dai paesi ad alto reddito sono spesso in ritardo o imprevedibili”, ha affermato.

Anche se quest’anno c’è una fornitura sufficiente di vaccini, è improbabile che il programma internazionale di co-vaccino COVAX ne riceverà abbastanza. COVAX ha dovuto affrontare gravi limitazioni nell’ottenere una fornitura adeguata del vaccino negli ultimi mesi del 2021.

Se una fabbrica locale è autorizzata a produrre vaccini mRNA in almeno un paese africano, la capacità di produzione aumenterà a ulteriori 100 milioni di dosi entro dieci mesi.

I paesi vulnerabili hanno meno del 40% dei vaccini

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, 98 paesi non hanno vaccinato il 40% della loro popolazione, lasciando almeno 1,4 miliardi di persone che necessitano di vaccinazioni urgenti. Mentre si prevede che la fornitura di vaccini aumenterà più avanti nel 2022, le risorse per somministrare i vaccini rimarranno scarse. Per il futuro, alcuni paesi hanno donato l’accesso a Pfizer ma mancano di una catena di approvvigionamento del freddo, aghi adeguati o centri di vaccinazione per tutta la popolazione.

Il nuovo obiettivo dell’OMS è di vaccinare tre volte il 70% della popolazione mondiale entro la metà del 2022.

L’IAVG ha anche commentato: “Sebbene il mondo dovrebbe avere dosi sufficienti di un vaccino COVID-19 entro la metà del 2022 per immunizzare il 70% della popolazione mondiale con tre dosi, ci sono molte incertezze.

Questi includono la potenziale necessità di vaccini specifici per varianti, cambiamenti nelle politiche di vaccinazione, preferenza statale per alcuni prodotti rispetto ad altri, la complessità programmatica della somministrazione di più prodotti e la necessità di migliori informazioni sulla pianificazione e attuazione a livello statale.

READ  Two potential vaccines to bear closing analysis for clinical trial — DOH - UNTV News

Editor Consigliato Articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *