Perché cani e gatti sono meno sensibili all’omicron

L’antenato della variante Omicron potrebbe essere apparso nei topi e poi diffuso agli esseri umani

L’antenato della variante Omicron potrebbe essere apparso nei topi e poi diffuso agli esseri umani

Oltre ai disordini diffusi a Shanghai dopo il blocco prolungato di milioni di persone, negli ultimi giorni si sono diffusi diversi video di animali domestici di persone infette da SARS-CoV-2 per mano di persone con tute ignifughe. Questa non è la prima volta che la Cina uccide animali domestici che accompagnano persone con virus confermato e persino animali domestici di persone che sono state in contatto solo con persone risultate positive al virus. A settembre e novembre dello scorso anno, ci sono state segnalazioni di persone in tute ignifughe che sono entrate nelle case delle persone e hanno ucciso i loro animali domestici senza il consenso o la conoscenza dei proprietari in quarantena. Mentre la Cina continua ad aggrapparsi alla strategia Zero COVID, i governi locali non corrono rischi poiché si percepisce il timore che cani e gatti infetti possano diffondere il virus.

ma il Risultati di piccoli studi Prodotto in Spagna e inviato a un server di prestampa medRxiv, che non è stato ancora esaminato, ha rilevato che cani e gatti non vengono facilmente infettati dalla variante Omicron. Questo nonostante ci siano contatti significativi tra i proprietari di animali domestici e il campionamento nel “momento migliore per il rilevamento della malattia”. Anche quando sono infetti, la carica virale è più bassa e la secrezione di RNA virale dura solo per un breve periodo. Anche cani e gatti che sono risultati positivi all’Omicron non hanno mostrato alcun sintomo. Gli autori osservano che ci sono minime possibilità di diffusione da cani e gatti all’uomo.

Lo studio è stato condotto su 50 cani, 28 gatti e un coniglio quando i proprietari di animali domestici sono stati messi in quarantena tra il 15 dicembre 2021 e il 23 marzo 2022. Questo periodo ha coinciso con la più alta prevalenza della variante Omicron in Spagna. Dei 78 cani e gatti testati per il virus, solo sette gatti e un cane sono risultati positivi alla variante Omicron, che rappresentano il 10,13% del numero totale di animali domestici testati.

Inoltre, i ricercatori non sono stati in grado di isolare una variante del virus Omicron da nessuno degli animali che sono risultati positivi, cosa che i ricercatori ritengono sia una forte indicazione di una ridotta carica virale. Sorprendentemente, gli anticorpi neutralizzanti non sono stati rilevati in nessuno degli animali che sono risultati positivi al virus.

La ridotta sensibilità di cani e gatti alla variante Omicron contrasta nettamente con la suscettibilità alle varianti Alpha e Delta e l’assenza di sintomi negli animali che sono risultati positivi per la variante Omicron in contrasto con le altre due varianti.

Uno dei motivi per cui cani e gatti potrebbero essere meno sensibili alla variante Omicron potrebbe essere la ridotta capacità di legare il virus alle cellule. secondo Lo studio è stato pubblicato Nel Giornale di genetica e genomicaLa variante Omicron potrebbe essere apparsa nei topi e poi diffondersi negli esseri umani. Gli autori dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino citano tre possibili scenari in cui potrebbe emergere la variante Omicron.

La prima ipotesi è l’evoluzione e la diffusione in una piccola popolazione che non è stata immunizzata o testata e il genoma sequenziato. La seconda ipotesi è che l’individuo immunocompromesso fornisca un ambiente ideale affinché il virus rimanga nell’ospite e subisca numerose mutazioni. Il terzo è la probabile origine nei topi prima di passare all’uomo.

Guida

I ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze citano alcuni motivi per dimostrare la possibilità dei topi. Il primo è che la sequenza proteica spinata è soggetta a una selezione positiva più forte rispetto ad altre varianti che sono state mostrate nell’uomo. In secondo luogo, lo spettro molecolare delle mutazioni acquisite dall’antenato omicron è abbastanza diverso dallo spettro delle varianti che sono apparse negli esseri umani. Allo stesso tempo, lo spettro molecolare dei mutanti visti nell’omcron ha una grande somiglianza con gli spettri associati all’evoluzione del virus nell’ambiente cellulare del topo. In terzo luogo, le mutazioni osservate nella proteina spike di Omicron “si sono sovrapposte in modo significativo alle mutazioni SARS-CoV-2 note per promuovere l’adattamento agli ospiti murini”. In particolare, le mutazioni che aumentano l’affinità del legame del virus al recettore cellulare mostrano una forte interferenza.

Secondo i ricercatori, sulla base dell’analisi genetica, l’antenato di Omicron è passato dall’uomo ai topi “probabilmente a metà del 2020” e ha raccolto un gran numero di mutazioni mentre circolava all’interno della popolazione di ratti per più di un anno prima di tornare all’uomo in fine 2021.

“Collettivamente, i nostri risultati indicano che gli antenati degli omicron sono passati dall’uomo ai topi, hanno accumulato mutazioni infettando rapidamente quell’ospite e poi sono tornati agli esseri umani, indicando il percorso evolutivo interspecie dell’epidemia di omicron”, hanno scritto. Allo stesso tempo, affermano che la possibilità che una variante di Omicron appaia in un individuo immunocompromesso è “l’ipotesi più comune riguardo all’ascendenza prossimale di Omicron”.

casi precedenti

Ci sono prove che il virus SARS-CoV-2 sia effettivamente passato da un’altra specie all’uomo durante la pandemia. Alla fine del 2020, il virus è passato dagli esseri umani ai visoni in Danimarca e si è diffuso tra i visoni allevati per la pelliccia. Sono stati segnalati focolai o casi di SARS-CoV-2 in visoni d’allevamento in molti paesi, in particolare in Europa. Successivamente, nei Paesi Bassi, un virus mutato è stato trasmesso da un visone all’uomo.

Di recente, i criceti importati da Hong Kong dai Paesi Bassi hanno probabilmente portato la specie delta nel paese, il che ha portato a un focolaio in un negozio di animali che ha diffuso il virus a dozzine di persone. Uno studio è stato pubblicato in bisturi Ho trovato otto criceti siriani su 16 nel negozio di animali e sette criceti su 12 nel magazzino sono risultati positivi alla variante delta. Tutti i 15 criceti risultati positivi al virus contenevano una variante delta che non era stata precedentemente scoperta a Hong Kong e potrebbe provenire dalla stessa fonte.

Secondo lo studio, i criceti sono stati infettati da una variante delta intorno al 21 novembre 2021 e si sono verificati due eventi separati di trasmissione della variante delta dai criceti all’uomo, uno dei quali porta alla diffusione della famiglia. Ciò ha portato all’abbattimento di oltre 2.000 criceti a Hong Kong l’anno scorso. Al 3 febbraio 2022, c’erano 82 pazienti nel gruppo relativo al criceto.

Si scopre che i criceti sono facilmente infettati dal virus. Ma l’infezione nei criceti è stata finora limitata ai laboratori in cui i criceti sono stati deliberatamente infettati. Ma l’esperienza di Hong Kong indica che i criceti possono essere infettati dagli esseri umani in un ambiente naturale e poi diffondersi da un criceto all’altro prima di tornare agli esseri umani.

READ  Hundreds of 'evil-eyed' fish 'deadlier than cyanide' found on beach by Brit expat - World News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.