Patrick Fenton Kirsch, antropologo del Pacifico, dalla cazzuola alla prosa

Patrick Fenton Kirsch, antropologo del Pacifico, dalla cazzuola alla prosa

Patrick Fenton Kirsch cammina accanto a un imponente mucchio di roccia vulcanica a Kailua, sull’isola di Oahu. Molti secoli fa era la base del Tempio Hiao Olupo. Nella pianura adiacente, gli agricoltori allevavano pesci negli stagni, coltivavano il taro – la pianta tubercolare che costituisce il nucleo della loro dieta – e coltivavano patate dolci, banane e canna da zucchero nell’orticoltura. “Quest’area non è stata scavata prima.”“, sottolinea il signor Kirsch. L’arcipelago hawaiano un tempo era abitato da centinaia di migliaia di persone, forse quasi un milione, e nasconde ancora molti segreti.

Tuttavia, se qualcuno ha contribuito a chiarire i misteri delle Hawaii negli ultimi decenni, è proprio l’archeologo, una figura di spicco dell’antropologia del Pacifico, un autore prolifico e membro della prestigiosa Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti. Il signor Kirsch, 73 anni, cammina ancora con un’andatura instabile mentre si adatta alla sua nuova protesi di ginocchio. “Ho passato molte ore a scavare in fondo alle buche; E questo è il risultato.”“, spiega questo originario di Honolulu. Il tatuaggio sulle caviglie attesta la sua residenza nelle isole della Polinesia.

I contributi scientifici del signor Kirsch sono numerosi. Il suo lavoro a lungo termine sull’insediamento nel Pacifico ha permesso di documentare i progressi dei grandi esploratori della civiltà Lapita (tra il 1500 e il 500 a.C.) e dei loro successori, i polinesiani, che sbarcarono nell’arcipelago hawaiano intorno all’anno 1000 d.C. E poi, aderendo ai principi scientifici “Nuova Archeologia” Sviluppato all’inizio degli anni ’60, decifrò le strutture agricole, politiche e religiose di queste isole; Società complesse, che raggiunsero il loro apice alle Hawaii al momento dell’arrivo di James Cook nel 1778. “Mi considero un antropologo storico”.Lui dice.

READ  L'apertura ufficiale della stagione degli uragani 2022.

Eccezionale capacità di accordatura

Lo scienziato – professore a lungo a Berkeley e dal 2019 all’Università delle Hawaii – è anche appassionato delle interazioni tra le società umane e il loro ambiente. Uno dei suoi progetti più recenti, nella valle di Halawa, sull’isola hawaiana di Molokai, prevede di capire se un raccolto di taro allagato altamente produttivo stia danneggiando il contenuto di nutrienti del suolo. Questa pratica agricola, ormai folcloristica, era del tutto sostenibile? Il team di ricercatori sta ancora sviluppando la risposta a questa domanda, che riflette le nostre attuali preoccupazioni ambientali.

Hai il 70% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *