Paris Saint-Germain campione dei record, la rinascita pugliese al Roland Garros, Roglic che ribalta il Giro… cosa ricordare del weekend sportivo

Paris Saint-Germain campione dei record, la rinascita pugliese al Roland Garros, Roglic che ribalta il Giro… cosa ricordare del weekend sportivo

Con il Roland Garros che ha preso il via domenica, il Giro d’Italia ha regalato una finale sbalorditiva mentre la Ligue 1 ha visto la fine della suspense per il titolo.

Paris Saint-Germain incoronato, Roland Garros partito, Monaco pista bagnata e Roglic in orbita. Ecco, in sintesi, cosa non perdere durante l’Intenso Sport Weekend, sabato 27 e domenica 28 maggio.

Ligue 1: il Paris Saint-Germain ha giocato per l’11esima volta, attesa per la retrocessione

Fino alla fine, la seconda parte della stagione del PSG sarà agganciata, questa volta senza gravità. Anche costretti al pareggio a Strasburgo (1-1), i giocatori di Christophe Galtier hanno assicurato al club parigino l’undicesimo titolo di campione di Francia, un record nella storia del calcio francese. Il Paris Saint-Germain finirà davanti al Racing Club de Lens, impressionante secondo classificato e solido vincitore dell’Ajaccio sabato davanti ai tifosi di casa. Il Marsiglia, che ha dominato ancora una volta in casa (1-2 contro il Brest) dovrà affrontare un turno preliminare di Champions League, quando si qualificherà direttamente alla fase a gironi.

In fondo alla classifica, Auxerre e Nantes manterranno il comando nell’ultima giornata. L’AJA ha aggiunto un punto al suo vantaggio sul Nantes vincendo il pareggio a Tolosa (1-1), quando la squadra della Loire Atlantique ha mancato il grande colpo a Lille (2-1) dopo aver aperto le marcature. Il Nantes dovrà ora battere l’Angers nella speranza che l’Auxerre non batta il Lens nell’ultima giornata.

Giro: Roglic salta Thomas 24 ore su 24 e consegna il suo primo Tour in Italia

Lo sloveno Primoz Roglic della Jumbo-Visma è entrato nella classifica generale del Giro d’Italia durante la ventesima e penultima tappa. Roglic ha vinto la cronometro di Monte Losari sabato battendo Geraint Thomas in classifica generale per soli 14 secondi. Abbastanza distacco per vincere il suo quarto Grand Tour e primo nello stivale dopo aver vinto tre volte la Vuelta. Grande sollievo per il ciclismo in Francia, con il quinto posto di Thibaut Pinot (Groupama-FDJ), detentore anche della classifica dei migliori scalatori.

READ  Terza tappa per il belga Merlier, Pogacar è ancora insaziabile

Roland-Garros: vale per Pouille, non per Cornet

I primi palloni del tabellone principale si sono scambiati domenica al Roland Garros, in una giornata in cui le sorti dei francesi sono state alterne. Il biglietto è stato convalidato ed è andato al secondo turno per Corentin Moutet, Ugo Humbert, Iulia Jangin e Lucas Pouille. È invece già finita per Alizé Cornet, Adrien Mannarino, Arthur Cazaaux, Jessica Ponchet e Constant L’Estien.

La giornata è stata teatro di polemiche anche per l’ucraina Marta Kostyuk, bollata dal pubblico per non aver stretto la mano alla rivale bielorussa, Arina Sabalenka, dopo il match. La 20enne ha giustificato il suo gesto in conferenza stampa, lamentando lo scarso impegno degli atleti russi e bielorussi e delle autorità del tennis. “Non so di cosa abbiano paura gli altri giocatori. Quando torno in Ucraina, potrei morire in qualsiasi momento in un attacco di droni o missili. Di cosa hanno paura?”Il giocatore ucraino ha aggiunto.

Formula 1: Max Verstappen vince sotto la pioggia a Monaco

Come a Monaco, l’autore del primo posto ha vinto il Gran Premio. Domenica Max Verstappen (Red Bull) ha ottenuto il suo quarto successo stagionale battendo lo spagnolo Fernando Alonso (Aston Martin) e il francese Esteban Ocon (Alpine) che hanno conquistato il terzo podio della sua carriera in Formula 1 quando è piovuto durante la seconda parte del la gara. Grazie a questo successo, ha esteso il suo vantaggio nel Campionato Mondiale Piloti, avendo ora un vantaggio di 39 punti sul compagno di squadra messicano della Red Bull Sergio Pérez.

Poco meno di due anni dopo il suo ultimo podio, Esteban Ocon è salito ancora una volta in area di rigore nella Queen’s Class. Questa è la prima piattaforma della stagione per le Alpi. Il team francese è stato strategicamente intelligente nello scegliere le gomme giuste quando pioveva. Il suo compagno di squadra Pierre Gasly è arrivato settimo.

READ  Il sudore freddo della Squadra Azzurra, barometro della società italiana

14° posto: Lione-UBB e Stade Francis Racing in qualifica, Perpignan a tempo perso

I dubbi finali sono stati sollevati sui sei finalisti, durante la 26esima e ultima giornata della stagione regolare Top 14. Vincitore netto a Bayonne (53-19), il Lione si è qualificato ufficialmente alla diga, da cui ha ricevuto il Purdue Biggles. L’altra locandina degli spareggi proporrà, il prossimo fine settimana, un derby in Ile-de-France tra Stade Français e Racing 92, due squadre già qualificate.

I vincitori di queste due etichette vedranno Toulouse e La Rochelle, ora due volte campioni d’Europa, in semifinale a San Sebastian, il 9 e 10 giugno. In fondo alla classifica, Pau ha confermato la sua salute battendo il Montpellier (35-10), costringendo il Perpignan a giocare un rischioso spareggio, sabato prossimo a Grenoble (sabato è stato sconfitto nella finale Pro D2 dall’Oyonnax, salito all’élite). Usap cercherà di evitare di unirsi a Brave, che è già stato relegato al livello inferiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *