Parigi: genitori di studenti denunciano “la svendita del servizio di pubblica istruzione”

Hanno interrotto la manifestazione a causa della pioggia, ma le loro richieste sono intatte.

Questo sabato a mezzogiorno, Place d’Italie (13 ° arrondissement), di fronte al centro commerciale Italie 2, si sono riuniti i genitori della FCPE de Paris (Federazione dei consigli dei genitori degli studenti della pubblica istruzione). Hanno schierato i loro striscioni e i loro cartelli “per denunciare la svendita del servizio pubblico dell’istruzione”.

Casula bianca stampigliata FCPE, maschere sul naso e ombrello, erano una trentina.

L’elenco delle loro richieste è lungo: classi sovraffollate, contestazione delle valutazioni degli alunni dalla scuola dell’infanzia all’istruzione superiore e la riforma della scuola dell’infanzia in corso, riduzione delle risorse assegnate, disuguaglianza tra le scuole superiori “rottura del diploma di maturità scientifica, smantellamento del servizio pubblico, mancanza di assistenti educativi, mancanza di accompagnatori per bambini con disabilità, mancato riconoscimento della professione di insegnante …

Una piattaforma per segnalare gli insegnanti assenti

Rodrigo Arenas, co-presidente della Federazione dei consigli dei genitori (FCPE) insiste che “nel contesto della pandemia, con più insegnanti assenti perché malati, dobbiamo prenderci più cura dei bambini”. Anche se “Parigi non è più impattata sul tema delle assenze degli insegnanti rispetto agli altri dipartimenti”.

Eppure, la manifestazione di questo sabato a mezzogiorno, del FCPE Paris, place d’Italie (XIIIe) – dove Jérôme Coumet, il sindaco (DVG) della XIIIe è venuto a scambiare Campagna nazionale FCPE.

Bollettino L’essenziale di 75

Un giro delle notizie a Parigi e in IDF

La Federazione sta anche lanciando un sito web, già online, “ouyapascours.fr”. Si intende denunciare gli insegnanti assenti, in modo da sfidare il rettorato e il ministero sulla situazione.

READ  Coronavirus: folla nel centro di Torino. Torna lo shopping a Milano - Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *