Pardon Moon della Corea del Sud ha umiliato Park in mezzo a una serrata corsa presidenziale

SEOUL (Reuters) – Il ministero della Giustizia della Corea del Sud ha dichiarato venerdì che il presidente Moon Jae-in ha concesso la grazia all’ex presidente Park Geun-hye, che era in prigione dopo essere stato condannato per corruzione, nel bel mezzo di una serrata corsa presidenziale.

Park, 69 anni, è diventato il primo leader democraticamente eletto in Corea del Sud ad essere estromesso dall’incarico quando la Corte costituzionale ha confermato un voto parlamentare nel 2017. Isolati per scandalo Ciò ha anche portato i capi di due conglomerati, tra cui Samsung, a cadere in prigione.

È stata licenziata dopo essere stata condannata per collusione con un’amica per ricevere decine di miliardi di won da importanti conglomerati per finanziare la famiglia della sua amica e le organizzazioni non profit.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

A gennaio, la Corte suprema della Corea del Sud ha confermato una condanna a 20 anni di carcere contro Park con l’accusa di corruzione che ha posto fine alla sua caduta, ponendo fine ai procedimenti legali.

L’avvocato di Park, Yoo Young-ha, ha detto che Park si è scusato per aver causato preoccupazione al pubblico e ha ringraziato Moon per aver preso una decisione difficile.

L’ufficio di Moon ha affermato che il perdono di Park mirava a “superare la sfortunata storia del passato, promuovere l’unità delle persone e unirsi per il futuro”.

“Spero che questo offra un’opportunità per trascendere le differenze di idee, pro e contro, e aprire una nuova era di integrazione e unità”, ha detto la portavoce.

Moon aveva precedentemente giurato di non perdonare i condannati per corruzione. Ma molti sostenitori e politici del principale partito di opposizione conservatore People’s Power Party hanno chiesto il perdono di Park prima delle elezioni presidenziali di marzo, citando il suo deterioramento della salute e l’aggravarsi del conflitto politico.

READ  Vaccine certificate web page off to a shaky start off – govt will resend all EVDS codes to help
Il deposto leader sudcoreano Park Geun-hye arriva in un tribunale a Seul, Corea del Sud, 25 agosto 2017. REUTERS/Kim Hong Ji/File foto

I legislatori dell’opposizione hanno affermato che Park ha lottato con problemi di salute mentre era in prigione, incluso un intervento chirurgico alla spalla.

La prigione del parco è diventata un hotspot politico che ha diviso il paese, con i governatori che tengono raduni settimanali nel centro di Seoul chiedendo il suo rilascio e criticando Moon fino a quando non è emersa la pandemia di COVID-19.

Un sondaggio Gallup Korea di novembre ha mostrato che il 48% degli intervistati si è opposto alla grazia di Park e Lee, ma i numeri sono scesi da circa il 60% all’inizio di quest’anno.

Kim Mi-jeong, 42 anni, residente nella città meridionale di Guanjiang, ha affermato che il perdono di Park è stato tempestivo. Jang Yun-soo, di Hwaseong, sulla costa occidentale della Corea del Sud vicino a Seoul, ha affermato che il suo rilascio è stato motivato politicamente.

Il portabandiera del Partito Democratico al governo di Moon, Lee Jae-myung, e il candidato al potere popolare, Yoon Seok-yeol, sono stati visti volubili nei recenti sondaggi di opinione.

Lee ha detto che capisce la “tortura” di Moon e rispetta la sua decisione sull’unità nazionale, ma che Park dovrebbe offrire scuse sincere per lo scandalo.

Yoon ha detto che il perdono di Park è stato gradito anche se in ritardo, ma non ha approfondito le domande dei giornalisti sul fatto che probabilmente riprenderà l’attività politica.

Il predecessore di Park, anche conservatore Lee Myung-bakChi è stato incarcerato con l’accusa di corruzione, non è stato graziato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

READ  अफ़ग़ानिस्तान: 'जब किसी ने कहा कि तालिबान ने पकड़ लिया तो आपको मार देंगे, तेज़ भागो'

Reportage di Josh Smith e Hyunhye Shin; Report aggiuntivi di Yeni Seo e Dojeon Kim; Montaggio di Matthew Lewis, Jerry Doyle e Michael Perry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *