Pallavolo: “Essere capitano della Francia è motivo di orgoglio”, confida la gruissanese Héléna Cazaute

Pallavolo: “Essere capitano della Francia è motivo di orgoglio”, confida la gruissanese Héléna Cazaute

La gruissanaise e capitano della squadra francese di pallavolo femminile, Héléna Cazaute, hanno accolto L’Indépendant nella sua casa, a due passi dalla Torre Barberousse. Serve una grande boccata d’aria fresca per la campionessa la cui selezione è stata appena eliminata contro l’Italia nei quarti di finale degli Europei femminili.

Héléna Cazaute, 25 anni, è il simbolo di questa squadra di pallavolo francese che si sta rimettendo in piedi. Il capitano e attaccante-ricevitore formatosi al Volley-Club Gruissan (VCG) ha vinto per la prima volta la Challenger Cup. Prima di andare alle Olimpiadi di Parigi, ha perso nei quarti di finale degli Europei femminili contro la migliore selezione del mondo, l’Italia, che giocava in casa. Il palmarès della Gruissanaise continua a crescere: European League 2022, Challenger Cup 2023, Nazionale, Campione di Francia 2019 (Cannes) e 2021 (Mulhouse), Coppa di Francia 2018 (Cannes), 2021 (Mulhouse), Challenge Cup con il Chieri 76. Insomma, non per niente la Gruissanaise fa parte della selezione blu. A casa dei suoi genitori, Anik e Régis, a poche bracciate dallo stagno di Gruissan, ha ripensato alla sua ultima competizione e ai suoi obiettivi futuri. I piedi nell’acqua.

Helena e i quarti di finale

Héléna, hai perso nei quarti di finale contro l’Italia (3-0). I rimpianti sono ancora lì dopo una settimana?

Rimpianti, no, forse una piccola delusione. Penso che possiamo essere orgogliosi del viaggio che abbiamo fatto. Qualche anno fa, quando arrivammo agli Europei, pregavamo per qualificarci agli ottavi o per restare nei gironi quando lì vincemmo 3 partite su 4. Qualche anno fa era impensabile quindi c’è soddisfazione . Poi c’è stata la delusione nella partita contro l’Olanda (sconfitta per 3-1 nella partita del girone). Vediamo che siamo testa a testa ogni volta e in termini di soldi non possiamo concludere. Se fossimo arrivati ​​primi nel girone non avremmo vinto l’Italia ai quarti. Poi c’è stata la delusione nel secondo set contro l’Italia. Ancora una volta, riusciamo a guadagnare tempo. Non riusciamo a finire ed è un peccato, ma questo non toglie nulla alla bellezza del viaggio che abbiamo completato.

READ  Il divertente incontro tra uno sciatore e un gallo cedrone in una foresta italiana

È un’eliminazione su cui puoi basarti?

Penso. Prima, in queste partite, prendevamo 3-0 e 25-10 in ogni set. Lì abbiamo visto che eravamo capaci di competere contro quella squadra. All’inizio c’era molta apprensione e stress, ma nel secondo set abbiamo visto che potevamo fare grandi cose. Siamo contenti, vediamo che iniziamo a competere contro queste squadre. Prima prendevamo 3-0 senza imparare nulla. Adesso è diverso.

Tu che inizierai la tua seconda stagione in un club italiano, non dovresti essere rimasto sorpreso dall’atmosfera…

Per niente (ride). Questa palestra non è mai stata così piena. Di solito lì suonano Firenze e Scandicci, lì c’è gente ma qui c’era il “tutto esaurito” (tutto esaurito, ndr), 5.000 persone. Mi è venuta la pelle d’oca durante gli inni, era bellissimo.

Abbiamo la sensazione che la Federazione abbia finalmente messo a disposizione i mezzi affinché la sua squadra di pallavolo femminile possa esibirsi…

Chiaramente sì. Dall’arrivo dell’allenatore Emile Rousseaux (nel 2018), le cose sono cambiate molto, hanno implementato il loro progetto 2024 ed è vero che abbiamo investito molto di più. Prima avevamo 20 giorni di formazione in quattro mesi. Ora sono 20 giorni di ferie in quattro mesi. Nelle amichevoli mettono molto di più, risorse, chiaramente. È diventato ancora più professionale. Penso che siano felici di vedere i progressi. Le ragazze non sono più un mal di testa e noi crediamo in noi stessi, questo ci fa sentire bene.

Anche a livello mediatico, le tue partite venivano trasmesse in chiaro in televisione, i giornali nazionali si interessavano alla tua carriera…

Siamo rimasti piuttosto sorpresi, è vero. Il mondo ha fatto un’intervista con noi. Il gruppo aveva un inviato speciale (Arnaud Lecomte, ndr) che ci hanno seguito tutta la settimana in Estonia e Italia. Prima era piuttosto “Ah, sono ai quarti, stiamo arrivando!” Siamo felici di vedere l’evoluzione a questo livello.

Héléna Cazaute qui contro la Spagna durante gli Europei femminili.
EPA-TOMS KALNINS

Héléna e il capitano

Sei il capitano di questa squadra francese. Ciò rappresenta una grande responsabilità?

Sì, soprattutto la parte con i giornali, l’allenatore. Io faccio da staffetta con l’allenatore, l’allenatore… È un orgoglio essere il capitano della Francia.

È un ruolo naturale per te?

Sì, sono un leader, non mi obbligo a dare di più. È naturale ed è anche per questo, credo, che l’allenatore mi ha nominato. Mi trovo bene con tutti.

Da dove viene questa leadership?

Sono una delle ragazze che ha iniziato molto presto a giocare a pallavolo. Faccio il bagno da quando avevo 6-7 anni. Le ragazze hanno iniziato a giocare a pallavolo a 10-12 anni. Ho vissuto le Coppe di Francia giovani, le finali, le selezioni… Questa voglia di vincere sempre, di andare oltre, più forte che mi ha reso quello che sono, cioè questo leader in campo.

Elena e la dolce vita

Tu che hai vissuto il campionato francese e quello italiano, in che senso l’Italia è uno dei migliori campionati al mondo?

In Italia, in ogni club, in campionato, sono obbligatoriamente presenti tre italiani in campo. In Francia, è ancora una volta, si pagano multe per evitare di mettere in campo le donne francesi… Credo che questo cambiamento sia essenziale. In Italia poi la pallavolo è il primo sport femminile con un grande bacino di giocatrici.

Hai giocato nel Chieri poi dalla prossima stagione sarai al Milan. Perché questa scelta?

Voglio fare un passo avanti. Stavo bene nel mio club, ma sentivo che avevo bisogno di qualcosa di nuovo, di una sfida molto più grande. Le ragazze di Milano (che è arrivato 2° in questa stagione, ndr)Nella mia posizione ci sono grandi giocatori, che sono nella Nazionale, che sono abituati a grandi campionati, che sono fisicamente più grandi di me. So che sarà una grande sfida. Potremo girare prima delle varie scadenze internazionali. A Chieri non sono uscito dal campo neanche una volta, è stata davvero una stagione molto complicata fisicamente. Anche per questo ho fatto questa scelta. Ci sarà concorrenza ma è una benedizione sotto mentite spoglie.

Hai in mente i Giochi Olimpici…

Sono anni che ne parliamo, abbiamo un progetto basato su questi Giochi del 2024. Finalmente ci siamo, sì. Questo è il nostro anno. Prima eravamo sul divano a chiederci se saremmo stati lì, va bene.

Stanno arrivando al momento giusto?

Sì, anche se avessimo avuto il nostro progetto due anni prima, avremmo potuto fare qualcosa di ancora più bello. Non sappiamo come sarà, ovviamente, ma potremmo perderci questa piccola esperienza di uno o due anni in queste competizioni. Possiamo competere, ma questa piccola cosa, con una o due estati in più, avremmo potuto riempirla più velocemente. Come squadra ci incontreremo a maggio e ci sarà direttamente la VNL (Volley Nations League). Sta a noi svolgere il lavoro nelle nostre rispettive squadre.

Héléna e Gruissan

Cosa rappresenta Gruissan per te?

È qui che ho iniziato a giocare a pallavolo. Mi sono infortunato al ginocchio in questa stagione e mi sono ritirato a maggio. Ho trascorso tre settimane qui e non succedeva dai tempi del Covid. Ho potuto tornare a Sablou (il nome della palestra, in Gruissan) e allenarmi con mia madre. Anche il comune di Gruissan stipula ogni anno con me un abbonamento alla sala fitness, sono davvero molto felice di tornare qui, seguiamo il mio percorso, parliamo di me ed è sempre bello vedere che questo piccolo villaggio è sempre pensa a se stesso e viceversa.

Che ruolo gioca la famiglia?

Questo è molto supporto. Ha viaggiato più di 10 ore in minibus per venire a trovarmi in Estonia, in Italia. Anche i miei amici sono importanti e senza di loro non sarei qui.

Cosa possiamo augurarti?

A Milano sta facendo una bella stagione, in una squadra che cercherà titoli ovunque. Giocheremo la Champions League, una competizione che non giocavo dai tempi del Mulhouse. Guadagna medaglie, vinci lo scudetto, la Coppa Italia. Molte vittorie, a dire il vero! E con la Nazionale speriamo anche di continuare il nostro slancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *