“Nessuna quantità di intimidazione può funzionare qui”, ha detto il presidente ruandese Kagame ai diplomatici stranieri.

Il presidente ruandese Paul Kagame. (Ben Curtis, Associated Press)

  • Il presidente Paul Kagame afferma che gli stranieri fraintendono la storia e i diritti umani del suo paese.
  • Le richieste degli attori di Hollywood sono state rifiutate per l’uscita di Paul Rossabagina, che ha ispirato il film Hotel Rwanda.
  • Kagame accusa gli stranieri di sforzi per trasformare le vittime in carnefici.

Il presidente ruandese Paul Kagame ha avvertito che essere una celebrità non può mettere qualcuno al di sopra delle leggi del paese.

Stava parlando a una cena che ha ospitato per diplomatici stranieri accreditati in Ruanda martedì sera.

Ha detto questo apparentemente in connessione con il caso di Paul Rospagina, che ha ispirato il film di Hollywood Hotel in Ruanda. È stato adattato dalla sua storia di vita quando, come manager dell’Hôtel des Mille Collines a Kigali, ha protetto 1.268 rifugiati hutu e tutsi dalla milizia Interahamwe durante il genocidio ruandese nel 1994.

Il 67enne, oggi figura dissidente, è stato condannato lo scorso anno a 25 anni di carcere con l’accusa di terrorismo. Anche dopo il ricorso, il verdetto è stato confermato. All’inizio di questo mese, il gruppo per i diritti umani di Robert F. Kennedy ha convocato un comitato per sollecitare il rilascio di Rospagina.

Sul pannello c’erano l’attore di Hollywood Don Cheadle – che interpretava Russabagina nel film – e Anis Kanimba, la figlia di Russabagina.

In risposta all’attenzione proveniente da Hollywood, nel suo discorso a cena, Kagami ha detto:

Egli ha detto:

Non solo hanno sbagliato, ha aggiunto Kagami, ma “ci stavano guardando dall’alto in basso”.

Ha aggiunto che la fama e la popolarità della “persona” erano opera di stranieri.

“Sono quelli che hanno creato lo ‘status di celebrità’ di questa persona perché volevano creare la propria versione del Ruanda”, ha detto.

Leggi | “Non commerciamo persone”, dice Kagame dell’accordo del Ruanda con il Regno Unito sui rifugiati.

Pertanto, “i loro sforzi erano volti a trasformare le vittime in autori di reati”, ha affermato.

Ma Kagame ha detto che dire la verità ha giocato un ruolo importante nell’affrontare i loro problemi, in particolare il genocidio dell’aprile 1994.

“Questo è il mese di aprile in cui abbiamo tutti i tipi di problemi, quando cerchiamo di ricordare la tragica storia. Non puoi superare questa data se non confermi la verità e i fatti e li interpreti nel modo giusto”, ha detto.

Durante il suo discorso, Kagame ha affermato che stava guidando un paese di persone volitive in cerca di soluzioni, piuttosto che incolpare, e che “nessuna quantità di intimidazione può funzionare qui”.


Il News24 Africa Desk è supportato dalla Hanns Seidel Foundation. Le storie prodotte attraverso l’Africa Bureau e le opinioni e le dichiarazioni che possono essere contenute nel presente documento non riflettono le opinioni e le dichiarazioni della Fondazione Hans Seidel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.