Macron vince la rielezione, evita il terremoto politico

I sostenitori del presidente francese Emmanuel Macron hanno reagito dopo che i risultati sono stati annunciati nel secondo turno di votazioni. [Reuters]

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sconfitto domenica la rivale di estrema destra Marine Le Pen con un comodo margine, assicurandosi un secondo mandato ed evitando quello che avrebbe potuto essere un terremoto politico.

Ci sono state grida di gioia quando i risultati sono apparsi su uno schermo gigante nel parco Champ de Mars, ai piedi della Torre Eiffel, dove i sostenitori di Macron hanno sventolato le bandiere della Francia e dell’Unione Europea. Le persone si abbracciavano, ballavano e cantavano “Macron!”.

I leader europei hanno anche accolto con favore la notizia che il filo-UE Macron piuttosto che l’ultranazionalista Le Pen aveva vinto nell’UE.

I sondaggi d’opinione prevedevano che Macron ricevesse il 58,5% dei voti. Queste stime sono generalmente accurate ma possono variare quando escono i risultati ufficiali.

“Mi sento molto a mio agio”, ha detto a Reuters Alessandro Ballini, 42 anni, alla manifestazione di Macron. “Sembrava molto vicino e il populismo era alle nostre porte”. Ma ha sottolineato che il presidente deve affrontare un compito difficile dato il numero di voti di estrema destra.

Le Pen, che a un certo punto era dietro Macron di pochi punti nei sondaggi, ha subito ammesso la sconfitta ma ha promesso di continuare a combattere con l’avvicinarsi delle elezioni parlamentari di giugno.

Uno schermo televisivo che mostra i risultati preliminari del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi del 2022 è stato pubblicato a Parigi, Francia, il 24 aprile 2022. [Reuters]

“Non abbandonerò mai i francesi”, ha detto ai suoi sostenitori, cantando: “Marin! Marine!”

Macron può aspettarsi poca o nessuna grazia dopo che molti, soprattutto dalla sinistra, hanno votato solo a suo favore, a malincuore per impedire la vittoria dell’estrema destra. Le proteste che hanno rovinato parte del suo primo mandato potrebbero riaccendersi molto rapidamente, mentre cerca di portare avanti le riforme a favore del business.

READ  上班族擁1億存款!「30年自律生活」曝 網敬佩:不簡單 | 新奇 | NOWnews今日新聞

“Non rovineremo la vittoria … ma il rally nazionale (Le Pen) ha ottenuto il risultato più alto di sempre”, ha detto a BFM TV il ministro della Salute Olivier Veran.

“Ci sarà continuità nella politica del governo perché il presidente è stato rieletto. Ma abbiamo anche ascoltato il messaggio del popolo francese”, ha aggiunto, promettendo un cambiamento.

La natura del secondo mandato di Macron sarà fortemente influenzata dai risultati delle elezioni parlamentari di giugno. Le Pen ha affermato di puntare a una forte unità in parlamento, mentre l’estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon ha affermato di voler diventare primo ministro, cosa che costringerebbe Macron a una “convivenza” imbarazzante e incline alla recessione.

Philippe Lagro, 63 anni, direttore artistico di un teatro parigino, ha detto all’inizio della giornata di aver votato per Macron dopo aver votato per Mélenchon al primo turno.

Ha detto che avrebbe votato di nuovo per Melenchon a giugno. “Il Primo Ministro Melenchon. Sarebbe divertente. Macron sarebbe sconvolto, ma questo è il punto.”

Gli alleati hanno immediatamente salutato la vittoria di Macron domenica come una tregua alla politica tradizionale che è stata scossa negli ultimi anni dalla Brexit, dalle elezioni del 2016 di Donald Trump e dall’ascesa di una nuova generazione di leader nazionalisti.

“Bravo Emmanuel”, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. “In questo periodo turbolento, abbiamo bisogno di un’Europa forte e di una Francia pienamente impegnata per un’Unione Europea più sovrana e strategica”.

“I mercati finanziari tireranno un sospiro di sollievo collettivo dopo la vittoria elettorale di Macron”, ha affermato Sima Shah, capo stratega di Principal Global Investors.

READ  Russian, Chinese Warships Hold Very first Joint Patrols In Pacific Ocean
Marine Le Pen. [Reuters]

‘scioccato’

Macron entrerà a far parte di un piccolo club: solo due presidenti francesi prima di lui sono riusciti a ottenere un secondo mandato. Ma il suo margine di vittoria appare più stretto rispetto a quando ha battuto Le Pen per la prima volta nel 2017, sottolineando il numero di francesi ancora non impressionati da lui e dal suo record nazionale.

Quella delusione si è riflessa nei numeri di affluenza alle urne, con i principali istituti elettorali francesi che hanno affermato che il tasso di astensione si sarebbe probabilmente stabilizzato intorno al 28%, il più alto dal 1969.

Sullo sfondo dell’invasione russa dell’Ucraina e delle conseguenti sanzioni occidentali che hanno esacerbato l’aumento dei prezzi del carburante, la campagna di Le Pen si è concentrata sull’aumento del costo della vita e sullo stile a volte duro di Macron come i suoi punti deboli.

Prometteva forti tagli alle tasse sul carburante, un’imposta sulle vendite pari allo zero per cento sugli elementi essenziali, dalla pasta ai pannolini, esenzioni dal reddito per i giovani lavoratori e una posizione “prima francese” su lavoro e welfare.

“Sono rimasto scioccato nel vedere che la maggior parte dei francesi voleva rieleggere un presidente che li aveva disprezzati per cinque anni”, ha detto alla manifestazione di Le Pen Adrien Caligiuri, un progetto di 27 anni.

Nel frattempo, Macron ha notato la passata ammirazione di Le Pen per il presidente russo Vladimir Putin, dimostrando che non ci si può fidare di lei sulla scena mondiale, mentre insiste sul fatto che ha ancora in programma di ritirare la Francia dall’Unione Europea, cosa che lui nega.

READ  Турция готова сотрудничать с талибами - Эрдоган

Nell’ultima parte della campagna, quando ha cercato il sostegno degli elettori di sinistra, Macron ha minimizzato una precedente promessa di far lavorare i francesi più a lungo, dicendo che era disposto a discutere i piani per aumentare l’età pensionabile da 62 a 65 anni.

Alla fine, come hanno mostrato i sondaggi dei telespettatori dopo il dibattito televisivo tra i due la scorsa settimana, le politiche di Le Pen – che includevano una proposta per vietare alle persone di indossare il velo islamico in pubblico – sono rimaste troppo estreme per molti francesi.

La decisione di Macron, un ex banchiere commerciale, di candidarsi alla presidenza nel 2017 e ha scoperto che il movimento del suo popolo da zero ha messo fine a una certezza di lunga data sulla politica francese, qualcosa che potrebbe tornare ad arrabbiarlo alle elezioni parlamentari di giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.