La visita del ministro degli Esteri cinese in Africa orientale mostra l’importanza della regione

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi firma una dichiarazione congiunta con il suo omologo eritreo Osman Saleh ad Asmara, in Eritrea, 5 gennaio 2022. / Ministero degli Affari Esteri

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi firma una dichiarazione congiunta con il suo omologo eritreo Osman Saleh ad Asmara, in Eritrea, 5 gennaio 2022. / Ministero degli Affari Esteri

Nota dell’editore: Fikrijesus Amahazion è istruttore e analista di ricerca presso il Centro eritreo di studi strategici ad Asmara. Le sue aree di interesse includono diritti umani, economia politica e sviluppo internazionale, con un focus particolare sull’Africa. L’articolo riflette le opinioni dell’autore e non necessariamente quelle della CGTN.

All’inizio di gennaio 1991, Qian Qichen, all’epoca ministro degli esteri cinese, fece una visita ufficiale in Etiopia, Uganda, Kenya e Tanzania. Ogni anno da allora, l’Africa è diventata la prima destinazione all’estero per un ministro degli Esteri cinese in un nuovo anno. Mantenendo questa tradizione, Wang Yi, l’attuale consigliere di Stato e ministro degli Esteri cinese, è attualmente in viaggio per tre nazioni nell’Africa orientale. Il suo viaggio dal 4 al 7 gennaio in Eritrea, Kenya e Comore arriva a poco più di un mese dalla conclusione dell’ottava Conferenza ministeriale del Forum sulla cooperazione Cina-Africa (FOCAC) a Dakar, in Senegal.

Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha annunciato che il ministro degli Esteri intende promuovere l’attuazione degli esiti della Conferenza ministeriale del Forum sulla cooperazione Cina-Africa, standardizzare nuove misure per la cooperazione pratica Cina-Africa, sostenere i paesi africani nella sconfiggere il COVID-19 e promuovere la ripresa economica.

La prima visita estera dell’anno di Wang – che arriva poco dopo il vertice del Forum sulla cooperazione Cina-Africa dello scorso novembre – sottolinea la grande importanza che la Cina attribuisce ai suoi partenariati con i paesi africani e aiuta anche a evidenziare i forti legami che si sono sviluppati tra Pechino e il continente nel corso degli anni. . . Sebbene le relazioni sino-africane abbiano una lunga storia che può essere fatta risalire a secoli, la Cina e molti paesi africani sono cresciuti in modo significativo negli ultimi decenni. La cooperazione Cina-Africa si estende a una varietà di questioni e a un’ampia gamma di campi, mentre dal punto di vista economico la Cina è emersa come il partner più importante dell’Africa. È il più grande partner commerciale bilaterale del continente, il più grande prestatore bilaterale e tra le principali fonti di assistenza e investimenti diretti esteri.

READ  La Germania donerà più di 100 milioni di dosi di vaccino nel 2021

Nella prima tappa del suo viaggio, Wang è arrivato ad Asmara, la capitale eritrea, la sera del 4 gennaio, dove è stato ricevuto dal ministro degli Esteri eritreo Osman Saleh, e da una delegazione di alti funzionari all’aeroporto. Durante la sua visita di due giorni, Wang ha incontrato la sua controparte e il presidente Isaias Afwerki.

Nei colloqui che coprono una serie di questioni nazionali, regionali e globali di interesse comune, Afwerki ha parlato molto dei progressi e dei contributi della Cina a un ordine mondiale basato sul rispetto del diritto internazionale, mentre il ministro degli esteri cinese ha espresso gratitudine per l’adesione dell’Eritrea all’unico principio della Cina. Il rifiuto cinese delle sanzioni unilaterali. In particolare, è stato annunciato che la Cina avrebbe fornito 100 milioni di yuan (15,7 milioni di dollari) per sostenere l’Eritrea e che ci sarebbe stata una maggiore cooperazione nello sviluppo di capacità umane, infrastrutture, attività minerarie e portuali ad Assab e Massaua sul Mar Rosso. Prima di lasciare l’Eritrea, Wang ha firmato una dichiarazione congiunta con il ministro degli esteri eritreo.

Il ministro degli Esteri keniota Wang Yi lo riceve all’aeroporto internazionale Moi di Mombasa, in Kenya, Rachel Omamu, 5 gennaio 2022. / CGTN

Il ministro degli Esteri keniota Wang Yi lo riceve all’aeroporto internazionale Moi di Mombasa, in Kenya, Rachel Omamu, 5 gennaio 2022. / CGTN

Questi sviluppi riflettono il rafforzamento delle relazioni bilaterali tra Cina ed Eritrea. Alla fine di novembre 2021, l’Eritrea è diventata l’ultimo paese africano a firmare un memorandum d’intesa per aderire alla Belt and Road Initiative (BRI), un progetto di sviluppo e infrastruttura transcontinentale annunciato dal presidente cinese Xi Jinping nel 2013.

READ  Nel video.. la nascita di un vitello con tre occhi e quattro narici, e la gente in fila per il suo "culto" in India!

Per la Cina, l’Eritrea è un partner affidabile, con un enorme potenziale non sfruttato, porti importanti e un’eccellente posizione vicino alle rotte di transito vitali per il commercio globale. Lo stretto di Bab el-Mandeb costituisce un collegamento vitale nella rotta marittima tra il Mediterraneo e l’Oceano Indiano attraverso il Mar Rosso e il Canale di Suez. Grazie alla sua posizione strategica, l’Eritrea offre anche un grande potenziale come hub regionale per i mercati dei vicini Etiopia, Sud Sudan e Sudan, paesi in cui la Cina ha investito molto e mantiene significativi interessi economici. In particolare, il recente memorandum d’intesa con l’Eritrea e altri potenziali investimenti in avanti offre anche a Pechino l’opportunità di segnalare la sua continua volontà di sostenere lo sviluppo di alcune infrastrutture in Africa in un momento in cui sono state sollevate domande su un possibile taglio degli aiuti al continente .

Nel frattempo, per l’Eritrea, la partecipazione attiva all’iniziativa Belt and Road può aiutare a stimolare la crescita sociale ed economica e incoraggiare lo sviluppo generale, in particolare stimolando livelli più elevati di commercio e investimenti. La partecipazione di BRI giocherà anche un ruolo nel migliorare l’industrializzazione del paese e nell’aumentare la sua connettività con il resto del mondo. In precedenza, il ministro degli Esteri eritreo Osman ha anche incoraggiato la cooperazione della Cina negli investimenti che aumentano il valore aggiunto interno e i livelli secondari o terziari di industrializzazione.

Dall’Eritrea, Wang si è diretto in Kenya, dove avrebbe dovuto tenere colloqui con il presidente keniano Uhuru Kenyatta e Rachel Oumamu, segretario di gabinetto per gli affari esteri.

Il Kenya, la più grande economia dell’Africa orientale e centro storico del commercio nell’Oceano Indiano, è un importante partner a lungo termine della Cina. È un paese della BRI dal 2014 e la Cina ha sostenuto lo sviluppo di una serie di importanti progetti infrastrutturali nel paese, tra cui la ferrovia standard Mombasa-Nairobi, il porto di Lamu, il Lake Turkana Power Project e la Nairobi Expressway. C’è stato anche un costante aumento del numero di aziende cinesi che hanno investito in Kenya nel corso degli anni e nel 2021 nel Paese operavano un totale di 107 aziende.

READ  مغادرة القوات الأجنبية والمرتزقة ليبيا أولوية لإنهاء الأزمة

In questo contesto, la visita del Ministro degli Esteri cinese in Kenya dovrebbe rafforzare i rapporti tra i due Paesi, nonché fornire nuovo slancio e rinnovato sostegno nell’affrontare alcune sfide sorte in merito ai progetti nel Paese. Va notato che durante un recente giro di ispezione della Nairobi Expressway, il presidente Kenyatta ha espresso il suo apprezzamento alla Cina, affermando: “La nostra partnership con la Cina è una partnership reciprocamente vantaggiosa, basata su guadagni reciproci, e siamo molto grati al governo cinese E il popolo cinese per il sostegno che continua a fornire non solo al nostro Paese ma al resto dell’Africa”.

Per concludere il suo viaggio in Africa, Wang si dirigerà alle Comore, un piccolo arcipelago nell’Oceano Indiano. La Cina è stato il primo paese a riconoscere e stabilire relazioni diplomatiche formali con la nazione insulare dopo che l’ex colonia francese ha dichiarato la sua indipendenza in 1975. Da allora, hanno mantenuto un rapporto bilaterale positivo. Di conseguenza, la visita di Wang, che è la prima da un po’ di tempo da parte di un ministro degli esteri cinese alle Comore, offrirà ai due paesi un’opportunità vantaggiosa per impegnarsi in questioni di interesse comune, migliorare le relazioni di lunga data e creare più aree di efficacia . cooperazione.

(Se desideri contribuire e avere competenze specifiche, contattaci all’indirizzo [email protected])

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *