La situazione idrologica è molto soddisfacente: ricarica eccezionale delle falde acquifere

La situazione idrologica è molto soddisfacente: ricarica eccezionale delle falde acquifere

Con l'inizio dell'estate meteorologica (1 giugno – 31 agosto), la situazione idrologica in Francia è molto soddisfacente. L’ultimo punto BRGM indica che al 1 giugno 2024, il 70% della falda freatica era al di sopra della media, mentre l’anno scorso allo stesso tempo il 66% era in deficit.

Le forti piogge del maggio 2024 (il quinto maggio più piovoso dal 1959) hanno continuato a ricaricare le falde acquifere e hanno ritardato l’inizio del periodo di drenaggio. Dobbiamo tornare al 2013 per trovare un mese di maggio così piovoso, che alcuni record di precipitazioni sono stati battuti in alcune città come Strasburgo, Le Mans e Limoges.


Un mese molto piovoso, maggio 2024 © Il canale meteorologico

A causa dell’inverno e della primavera del 2024 molto piovosi, la ricarica delle falde acquifere negli ultimi mesi è stata molto soddisfacente e ha potuto continuare fino a maggio. Al 1 giugno 2024, il 70% del livello dell’acqua era al di sopra della norma mentre solo il 19% del livello dell’acqua era ancora a livello di deficit. Secondo la BRGM, “Solo le falde acquifere altamente inerziali, cioè troppo lunghe per ricaricarsi (Beauce, Sundgau, Bresse e Dombes), o i settori con deficit di ricarica (Rossiglione, Aude e Corsica) hanno registrato livelli sfavorevoli”.


©Saed

Al 1 giugno 2024, il 39% di essi aveva iniziato a diminuire, ma il 23% era stabile e il 38% era ancora in aumento. Con la diminuzione delle precipitazioni all'inizio di giugno, si prevede che lo scarico delle acque sotterranee diventi diffuso. La situazione idrologica molto soddisfacente indica che i livelli rimangono al di sopra della norma durante l'estate. Le restrizioni idriche, a differenza dell’estate scorsa, rimarranno molto limitate. Attualmente, solo la regione dei Pirenei orientali, dove le precipitazioni sono rimaste basse quest’inverno, è interessata da significative restrizioni idriche.

READ  L'onda più malvagia mai registrata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *