La lotta alla testa dell’Unione Europea. La disputa interna si trasformò in una lotta generale per il potere.

“Michel ha una sua idea del suo posto in Europa, visto che è stato visto di nuovo il 9 novembre” alla Porta di Brandeburgo a Berlino, dove ha pronunciato il discorso sullo stato dell’Unione. “Ha raccolto gli elementi archetipici del discorso Ue: autonomia strategica, accordi di libero scambio, unità che ci rendono più forti: slogan che molti tra il pubblico devono aver già sentito molte volte” – ha scritto sul settimanale tedesco.

“La parte interessante del discorso è andata perduta quasi quella sera. A pochi metri dall’ex muro di Berlino (> non c’è momento migliore, luogo migliore per parlare del futuro dell’Europa), Michel parla del finanziamento della nuova struttura di frontiera. La struttura sarà costruita sul confine esterno dell’Unione Europea, tra Polonia, Lettonia e Lituania da un lato, e la Bielorussia dall’altro. Michel non parla del muro, ma dell’infrastruttura fisica del confine”

– afferma “Der Spiegel”.

Si rivolge in particolare ad una persona: la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen“Chi” si oppone con veemenza a un progetto del genere. E lo ha detto chiaramente poco prima del discorso di Michelle al vertice dell’UE.

– Appunti settimanali.

All’interno dell’Unione Europea, “Ci sono opinioni divergenti sul fatto che il finanziamento della recinzione di confine da parte di Bruxelles abbia senso. La voce di Von der Leyen è davvero decisiva (…). Se Michel avesse davvero voluto finanziare il muro, non avrebbe dovuto richiederlo pubblicamente a Berlino, né il giorno dopo a Varsavia. Invece, ha dovuto cercare di organizzare la maggior parte degli stati membri dietro le quinte, senza ignorare pubblicamente von der Leyen.Der Spiegel scrive. “Questo non è un ruolo in cui Michel si vede”, aggiunge.

READ  工作时间的历史演变 每周四天工作制引发热议和争论的背后 - BBC News 中文

Il Consiglio europeo, guidato da “Michel”, è l’organo più potente dell’Unione europea. Comprende capi di stato e di governo. Tuttavia, il fatto che il board sia forte non significa che lo sia anche Michele. La sua funzione principale è coordinare le politiche degli Stati membri. Un compito che può essere svolto principalmente quando non viene notato dall’esterno. “

D’altra parte, “Il belga vuole farsi notare. Il suo più grande concorrente (in battaglia) per l’attenzione è dall’altra parte della strada, al tredicesimo piano dell’enorme edificio Berlamont. Ufficialmente Ursula von der Leyen gestisce un solo corpo, ma con circa 32.000 dipendenti che distribuiscono centinaia di miliardi di euro.

È apparsa la discordia

Già in passato “Ciò ha portato a conflitti. Ma Mentre i suoi predecessori lottavano internamente, Michel lo trasformò in una lotta per il potere generaleDer Spiegel conferma.

E il settimanale afferma che “durante una visita congiunta ad Ankara ad aprile, il mondo ha visto due dei massimi rappresentanti dell’Unione europea in lizza per potere e prestigio. L’incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato preparato dal team del protocollo Michel”. Di conseguenza, “il capo del consiglio era accanto a Erdogan. Von der Leyen doveva sedersi sul divano a una certa distanza da lui”. Presto allo scandalo fu dato un nome appropriato: fermate.

Il comportamento di Michel è dannoso per l’Unione Europea perché il conflitto indebolisce la società. È anche dannoso perché l’attuale presidente del consiglio sta ignorando i suoi veri doveri. Molti governi, compreso quello tedesco, non sono contenti di Michel. Si dice che viaggi molto e non gli interessi abbastanza per prepararsi ai vertici Ue”

– Scrive “Der Spiegel”.

READ  Blinken afferma che qualsiasi mossa della Cina per invadere Taiwan avrebbe "serie conseguenze"

“Il suo desiderio di riconoscimento è così grande che persino i suoi colleghi scuotono la testa”, osserva il Weekly. “Il presidente del Consiglio europeo è il presidente del Consiglio europeo, non il presidente dell’Europa”, ha scritto l’ex capo dell’ufficio di Michel, François Roux, in un’analisi che sembra regolare i conti con il suo ex presidente. È chiaro che Michel vuole essere presidente dell’Europa”.

Michel si considera un politico, non un burocrate. Questo fa parte del problema”.

Der Spiegel conferma. “È ancora giovane. Forse era troppo giovane per la posizione, il che limita le sue ambizioni “- aggiunge.

Secondo le persone che conoscono Michel, crede che “von der Leyen non sia allo stesso livello. Lui era il capo del governo (Belgio), lei era solo il ministro della Difesa”. “Le critiche a Michelle aumentano“- dice uno dei diplomatici dell’UE.

Tuttavia, “è probabile che rimanga in carica. Appartiene alla famiglia dei partiti liberali ed è sotto la protezione del Presidente della Francia. Questa è l’essenza dei pacchetti personali creati nell’Unione Europea, tenendo conto della nazionalità, del partito affiliazione e status professionale. Non può essere annullato “- ha scritto” Der Spiegel”.

“Finché Michel fa ciò che vuole Macron, è al sicuro”.

– Un diplomatico valuta e aggiunge: “Lo spettacolo continuerà”.

Fonte: niezalezna.pl, PAP, Der Spiegel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *