Israele diventa un banco di prova per il quarto vaccino, con casi record di coronavirus registrati

Israele ha iniziato a somministrare la terza dose del vaccino contro il coronavirus ad agosto. (un file)

Un anno dopo aver lanciato il programma di vaccino contro il coronavirus più veloce al mondo, Israele si trova ancora una volta un banco di prova globale poiché inizia a fornire massicciamente quarte dosi in mezzo a un aumento della variante omicron.

Sebbene il numero di casi gravi e di decessi sia ancora ben al di sotto del picco dello scorso anno, le infezioni sono aumentate a livelli record e potrebbero minacciare ancora una volta di inondare gli ospedali se il numero di nuovi casi giornalieri raggiungesse i 50.000, ha avvertito il primo ministro israeliano Naftali Bennett. Molte persone appena infette sono state vaccinate almeno due volte.

L’ondata di forze sta investendo Israele, mentre i suoi leader adottano strategie che hanno confuso l’opinione pubblica. Man mano che le file nei siti di test si allungano, i funzionari stanno anche iniziando ad ammettere che potrebbero dover ricorrere a ciò che Bennett ha denunciato con veemenza quando era un deputato dell’opposizione: un altro arresto.

L’esperienza della pandemia di Israele è stata studiata in tutto il mondo a causa delle misure aggressive adottate inizialmente per contenere il virus, della sua mancata riapertura dopo il primo blocco e della sua somministrazione anticipata di vaccini e richiami.

Israele questa settimana ha introdotto una quarta dose per le persone con più di 60 anni, nonostante le preoccupazioni per la mancanza di dati sull’efficacia, nel tentativo di proteggere i più vulnerabili.

Galia Rahaf, membro del gruppo consultivo di esperti del governo, ha affermato che Israele non dovrebbe prendere in considerazione l’espansione dell’ammissibilità fino a quando non avrà più dati sulla diminuzione dell’immunità e ha messo in guardia contro altri paesi che rilasciano una quarta iniezione troppo presto. Israele ha iniziato a somministrare la terza dose ad agosto.

READ  Il dipendente di McDonald's di SA McDonald's è stato condannato a 10 anni di carcere per sputare

“Non sto chiedendo un quarto vaccino nei paesi che sono stati vaccinati con il richiamo due mesi fa, o anche tre mesi fa”, ha affermato Rahav, capo dell’unità di malattie infettive presso lo Sheba Medical Center fuori Tel Aviv. “Ma più di 3 mesi fa, sì.”

Con meno del 70% della popolazione completamente vaccinata, Israele non è più tra i luoghi più vaccinati al mondo, posizionandosi al 67esimo posto in una classifica Bloomberg. Ciò è in parte dovuto al fatto che ha un gran numero di bambini che sono troppo piccoli o che i loro genitori non vogliono che vengano vaccinati, e perché il rispetto è inferiore tra gli arabi e gli ebrei ultra-ortodossi.

Martedì, nuove infezioni hanno battuto il record all’inizio di settembre per nuovi casi, poche settimane dopo l’inizio della campagna di richiamo di Israele che ha superato di numero il mondo. Quel record è stato nuovamente battuto mercoledì, con oltre 16.000 casi positivi registrati.

Circa il 59% dei nuovi contagiati è stato vaccinato con una seconda dose negli ultimi sei mesi o si è ripreso dal virus e ha ricevuto una dose. Un ulteriore 8% è stato vaccinato più di sei mesi fa. Dei 134 malati gravi, 86 non erano affatto vaccinati.

Il test è diventato così diffuso e un laboratorio travolgente che, da venerdì, il governo inizierà a limitare l’accesso a test PCR più accurati per le persone con più di 60 anni e quelle a rischio. I test dell’antigene, anche per uso domestico, riempiranno il vuoto.

I piani per andare avanti con un quarto vaccino hanno affrontato turbolenze il mese scorso a causa della mancanza di dati robusti su Omicron o sull’efficacia di un’altra dose. Tuttavia, dopo che è iniziata una sperimentazione clinica della quarta vaccinazione e il numero di infezioni ha iniziato ad aumentare, il governo ha portato avanti il ​​suo piano.

READ  Quest'anno farà un grande cambiamento? Migliaia di americani scendono nelle strade di Washington durante la March for Life

I dati preliminari indicano che la quarta dose ha fornito un livello molto più elevato di protezione contro l’infezione e una grave morbilità, ha affermato Bennett, e un aumento di cinque volte del numero di anticorpi dopo circa una settimana.

Con il numero di casi in crescita, Israele potrebbe trovarsi in isolamento n. 4, ha avvertito questa settimana lo zar del coronavirus Salman Zarqa, sostenendo il cambiamento delle normative governative in risposta alle mutevoli condizioni e alle nuove informazioni sull’omicron.

Ha messo 1.500 malati gravi come linea rossa.

Ha detto che se gli ospedali fossero sopraffatti da persone in unità di terapia intensiva e macchine cuore-polmoni, “non avremmo scelta e dovremmo andare in blocco”. “Ma non dobbiamo arrivare a quel punto. Possiamo tutti fare sforzi insieme per indossare maschere, vaccinarci e allontanarci dalla folla”.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.