Il vicino dimenticato: riscopri la magia del Parco Nazionale Hwange dello Zimbabwe

Il vicino dimenticato: riscopri la magia del Parco Nazionale Hwange dello Zimbabwe

Un ghepardo insegue la sua preda davanti all'accampamento Lenkosha a Hwange (Andrew Thompson)

Nonostante la sensazione di trovarsi in mezzo al nulla, raggiungere il Parco Nazionale Hwange ora è più facile che mai. Tre compagnie aeree dirette volano ogni giorno dal Sud Africa all'aeroporto di Victoria Falls, il che significa che in poche ore puoi passare da chiamate d'imbarco distorte al suono dei motori a reazione, al ronzio delle eliche fino al rombo del motore diesel. Alla fine della giornata, l'entusiasmo si dissipa con il benvenuto finale di Hwang: un fuoco scoppiettante al tramonto, un gin tonic così freddo da farti male alla mano.

Da decenni Hwange, il parco più grande dello Zimbabwe, è una destinazione imperdibile nel circuito dei safari africani. Era famoso per la sua fauna selvatica, in particolare branchi di enormi elefanti e leoni dalle spalle larghe, portati addirittura dal fiume Kalahari nei suoi bacini poco profondi e nelle saline naturali.

Le famiglie riempiranno le loro auto e faranno il lungo viaggio per vagare tra l'abbondante fauna selvatica e pernottare in diversi affascinanti campeggi rustici gestiti dallo stato. La storia del parco come parco risale alla fine degli anni '20, quando l'allora governo della Rhodesia dichiarò protetta un'area selvaggia scarsamente popolata di 15.000 chilometri quadrati – all'incirca la dimensione dello Swaziland o la metà del Belgio. Nel 1950 ottenne lo status nazionale e divenne uno dei beni di conservazione più preziosi dello Zimbabwe.

I sudafricani devono essere informati se vogliamo creare un futuro prospero. News24 tiene informato il Paese da 25 anni e stiamo per entrare in un nuovo capitolo di giornalismo audace. Partecipa alla nostra prova di abbonamento gratuita per sbloccare questo mondo di storie e notizie pensato per informare, potenziare e ispirare.

READ  I governi africani dovrebbero creare una circolazione senza visti, una moneta unica e un insieme unificato di passaporti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *