Il principe Harry perde l’offerta dell’Alta Corte per pagare le guardie di polizia armate e deve affrontare una fattura legale di 900.000 dollari australiani

Il principe Harry perde l’offerta dell’Alta Corte per pagare le guardie di polizia armate e deve affrontare una fattura legale di 900.000 dollari australiani

Ieri un giudice ha respinto l’offerta del principe Harry di pagare guardie di polizia armate.

Ma il re potrebbe dover mettere le mani in tasca, con la prospettiva di sostenere l’intero costo del caso dell’Alta Corte, che si stima si aggiri intorno ai 900.000 dollari australiani.

La sentenza arriva nel mezzo di un processo dell’alta corte in cui il principe ha citato in giudizio i giornali del Mirror Group per accuse di raccolta illegale di informazioni.

Le protezioni finanziate dai contribuenti di Harry sono state rimosse quando si è dimesso da anziano reale e si è trasferito negli Stati Uniti con la moglie Meghan Markle nel gennaio 2020.

La sua battaglia legale con il Ministero dell’Interno per il diritto alla piena protezione gratuita della polizia quando visita la Gran Bretagna continua.

Se desideri visualizzare questo contenuto, modificalo .

Per saperne di più su come utilizziamo i cookie, vedere Guida ai biscotti.

Ma la scorsa settimana ha pagato le spese legali all’avvocato del re e ad altri tre avvocati per sostenere in tribunale che la sua offerta alternativa di pagare le guardie di polizia dovrebbe essere riconsiderata.

Gli avvocati che rappresentano la polizia e il Ministero dell’Interno hanno affermato che “non ci si aspetta che gli agenti armati si mettano in pericolo” e potenzialmente fermino un proiettile per proteggere un cliente pagante.

L’argomentazione sosteneva che consentire a Harry di “acquistare” la propria protezione della polizia avrebbe creato un sistema a due livelli che solo i ricchi potevano sfruttare.

Un giudice dell’Alta Corte, Sir Martin Chamberlain, ha negato a Prince il permesso di presentare domanda di revisione giudiziaria per negare la sua offerta di pagamento.

READ  Il colonialismo ha plasmato le moderne università africane e spiega come possono diventare veramente africane

Il giudice ha affermato che i tre avvocati che rappresentano il ministro dell’Interno e la polizia metropolitana hanno dimostrato che non c’era nulla di irrazionale nell’idea che consentire una simile esibizione avrebbe creato un precedente “inaccettabile”.

icona della fotocameraLe protezioni finanziate dai contribuenti di Harry sono state rimosse quando si è dimesso da anziano reale e si è trasferito in Nord America con la moglie Meghan Markle nel gennaio 2020. credito: Matt Dunham/AP

Ha escluso l’affermazione di Harry secondo cui avrebbe dovuto essere consultato in merito al rifiuto del permesso di pagare da parte del Comitato esecutivo per la protezione dei monarchi e delle persone pubbliche, noto come RAVEC.

Riferendosi al Principe come ‘principale’ e ‘ricorrente’, Sir Martin ha dichiarato: “Non è chiaro perché una richiesta di equità dovrebbe offrire un’opportunità a un particolare Principale di presentare dichiarazioni formali in merito. In ogni caso, RAVEC ha appreso che il ricorrente ha ritenuto che avrebbe dovuto essere autorizzato a pagare in cambio della sicurezza preventiva del servizio di polizia metropolitana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *