Il presidente del Malawi Shakwera priva il deputato Saulus Chilima dei poteri di innesto

Il vicepresidente del Malawi Saulos Chilima. [Vanguard Africa]

Il presidente del Malawi, Lazarus Chakwera, ha privato il suo vice, Saulus Chilima, dei suoi poteri su uno scandalo di corruzione.

Chakwira, in un discorso televisivo mercoledì, ha annunciato la sua decisione dopo aver ricevuto un rapporto sugli appalti in cui Chilima avrebbe ricevuto denaro dalla corruzione legata all’uomo d’affari britannico Zunith Starr.

I media malawiani hanno affermato che lo scandalo che ha scosso il paese era collegato all’uomo d’affari che avrebbe offerto tangenti a funzionari pubblici in cambio di contratti governativi per un valore di 150 milioni di dollari (17 miliardi di scellini).

Il rapporto ha concluso che cinquantatré (53) dipendenti governativi attuali ed ex hanno ricevuto fondi da Abdul Sattar tra marzo 2021 e ottobre 2021. Ci sono anche circa 31 persone del settore privato, dei media e della società civile che avrebbero ricevuto fondi.

Tra gli ufficiali ci sono alcuni dell’ufficio del presidente e del gabinetto, del servizio di polizia del Malawi, dell’ufficio del vicepresidente, del quartier generale dello stato, della banca di riserva del Malawi, dell’ufficio anticorruzione, della stazione radio del Malawi e di vari ministeri.

Secondo la costituzione del Malawi, Shakwera non può sospendere o rimuovere Chilima dall’incarico perché è un funzionario eletto.

“In quanto tale, il meglio che posso fare al momento, cosa che ho deciso di fare, è trattenere qualsiasi incarico delegato dal suo ufficio mentre attende che l’ufficio sostenga le sue accuse contro di lui e annunci la sua linea di condotta a Chakweira, ha detto.

In quel discorso patriottico, il presidente Shakwera ha anche licenziato il più alto ufficiale di polizia del paese George Kinga, che è stato catturato mentre discuteva di accordi e tangenti con Abdul Sattar.

READ  ما مصير مسلمي الروهينغا بعد إنقلاب ميانمار؟

Abdul Sattar è indagato nel Regno Unito e in Malawi per accuse di corruzione, frode e riciclaggio di denaro.

Secondo il capo dello Stato, ad eccezione del suo vice Chilima, nessun altro membro dei suoi ministri è stato menzionato nell’elenco. Tuttavia, lo è [Chakwera] Ha detto che l’ufficio non ha fornito alcuna informazione su ciò che Chilima e altri funzionari del governo hanno fatto.

Nessuna risposta immediata è arrivata da Chilima, che ha collaborato con Chakwera per vincere le elezioni presidenziali del 2020 su una piattaforma anticorruzione.

Nel 2019, Chilima si è unita a Chakwera per sfidare le elezioni fraudolente di quell’anno, portando a un voto approvato dal tribunale l’anno successivo in cui Chakwera ha sconfitto l’ex leader Peter Mutharika.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.