I ministri della Difesa europei avvertono che l’Ucraina è un “conflitto prolungato”

Una giovane ragazza dipinge sul muro di una casa distrutta nel villaggio di Andreyevka nella regione di Kiev il centesimo giorno del conflitto Russia-Ucraina. Sergei Chuzakov/AFP

Una giovane ragazza dipinge sul muro di una casa distrutta nel villaggio di Andreyevka nella regione di Kiev il centesimo giorno del conflitto Russia-Ucraina. Sergei Chuzakov/AFP

Venerdì in una riunione di politica estera a Bratislava, il ministro della Difesa svedese Peter Hultqvist ha affermato che l’Europa deve essere preparata per il supporto continuo e le consegne di armi all’Ucraina. “Vedo questa lotta come una lotta a lungo termine”. Inoltre, Hultqvist spera che il processo di adesione della Svezia alla NATO proceda il più rapidamente possibile.

La seconda giornata del Forum di Bratislava, organizzata dal think tank slovacco GLOBSEC, ha incluso una tavola rotonda su come coordinare le consegne di armi all’Ucraina. Il ministro della Difesa slovacco Jaroslav Nad ha detto alla CGTN che “ci sono piani specifici” per l’opzione del lancio di equipaggiamenti militari, aggiungendo che continuerà a valutarlo durante i colloqui bilaterali.

Leggi di più
Sminamento a Kiev prima dell’estate
Attacco alla torta della Gioconda
castori a londra

Nel frattempo, il club ha criticato la Commissione europea per non aver fornito immediatamente il suo sostegno di 2,1 miliardi di dollari ai membri dell’UE che consegnano armi all’Ucraina. Il problema è il tempismo. Durante la sessione della conferenza, il ministro ha affermato che la Slovacchia riceverà immediatamente solo una percentuale mentre la maggior parte dei fondi sarà resa disponibile dopo il 2027. “Non posso dire agli ucraini che invierò loro solo il 20 per cento delle attrezzature e il resto in 2027.”

READ  Màn thoát tội không tưởng của kẻ cưỡng hiếp, tra tấn bạn gái: Cái chết kinh hoàng

Durante lo stesso dibattito, il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha sottolineato in videoconferenza che sono necessarie armi più pesanti per ottenere la massima efficacia sul campo.

Nonostante la partecipazione e l’unità dell’Occidente, i leader di Austria e Slovacchia hanno concordato sulla necessità della partecipazione di altri partner globali.

“Dobbiamo convincerli e proteggerli”, ha detto il cancelliere austriaco Karl Nehamer a Bratislava quando gli è stato chiesto dei paesi africani e del loro modo di affrontare questo problema.

Il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar ha discusso delle sfide geopolitiche dell’India nella sua sessione su “Alleati nell’Indo-Pacifico”. Tra l’altro, l’Ucraina è una grande preoccupazione in India – ha detto – perché siamo tutti interconnessi.

GIOVEDI’ – Durante l’apertura del Forum di Bratislava, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha chiesto unità e sostegno alla ricostruzione dell’Ucraina e agli sforzi in vista dell’adesione all’Unione europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.