I dati dell’UNHCR sull’attraversamento del Mediterraneo mostrano un grafico dell’aumento del bilancio delle vittime e delle tragedie in mare

I dati dell’UNHCR sull’attraversamento del Mediterraneo mostrano un grafico dell’aumento del bilancio delle vittime e delle tragedie in mare

Rifugiati e migranti nuotano alla deriva in una barca di legno in attesa di essere salvati vicino all’isola mediterranea italiana di Lampedusa, 28 agosto 2021. © REUTERS / Juan Medina

Mentre il numero segnalato di rifugiati e migranti che attraversano il Mediterraneo verso l’Europa è inferiore rispetto al 2015, i viaggi stanno diventando più letali. Questo è secondo Visualizza nuovi dati Lo ha annunciato oggi l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Dal suo picco nel 2015, quando più di un milione di rifugiati e migranti hanno attraversato il Mediterraneo verso l’Europa, il numero di coloro che effettuano questi viaggi ha visto una tendenza al ribasso, anche prima della pandemia di COVID-19. Nel 2021 sono stati segnalati 123.300 attraversamenti individuali, prima dei 95.800 nel 2020, 123.700 nel 2019 e 141.500 nel 2018.

Nonostante il numero di attraversamenti sia diminuito, il bilancio delle vittime ha registrato un forte aumento. L’anno scorso, nel Mediterraneo e nell’Atlantico nord-occidentale sono stati registrati circa 3.231 morti o dispersi in mare, di cui 1.881 nel 2020, 1.510 nel 2019 e più di 2.277 nel 2018. Un numero maggiore potrebbe essere morto o perso lungo le rotte terrestri attraverso il Sahara e remote aree di confine.

L’UNHCR mette costantemente in guardia sulle esperienze strazianti e sui pericoli affrontati dai rifugiati e dai migranti che compiono questi viaggi. Molti di loro sono individui fuggiti da conflitti, violenze e persecuzioni. La visualizzazione dei dati si concentra in particolare sulla rotta dall’Africa orientale e dal Corno d’Africa al Mediterraneo centrale.

Oltre all’aumento del bilancio delle vittime in mare, l’UNHCR resta preoccupato per la diffusione di morti e abusi lungo le rotte terrestri, più comunemente all’interno e attraverso i paesi di origine e di transito, tra cui Eritrea, Somalia, Gibuti, Etiopia, Sudan e Libia, dove il viene segnalata la stragrande maggioranza dei rischi e degli incidenti.

READ  البرلمان العربي يندد بتصريحات خلوصي آكار "العدائية" ضد الجيش الليبي – إرم نيوز

Durante i loro viaggi, rifugiati e migranti hanno poche opzioni se non affidarsi ai trafficanti per attraversare il deserto del Sahara, esponendoli ad un alto rischio di abusi. Dalla Libia e dalla Tunisia, molti tentano di attraversare il mare, il più delle volte verso l’Italia o Malta.

In molti casi chi sopravvive al viaggio nel deserto e ai tentativi di traversata in mare viene spesso abbandonato dai trafficanti, mentre alcune partenze dalla Libia vengono intercettate e rimandate nel Paese, dove vengono successivamente trattenute. Ogni anno migliaia di persone muoiono o scompaiono in mare senza lasciare traccia.

L’UNHCR ha chiesto maggiori azioni da intraprendere per prevenire le morti e proteggere i rifugiati e i richiedenti asilo che intraprendono questi viaggi, e l’UNHCR ha pubblicato un rapporto di aggiornamento. Strategia di protezione, soluzioni e ricorso al finanziamento all’inizio di aprile.

L’appello chiede maggiore assistenza umanitaria, sostegno e soluzioni per le persone bisognose di protezione internazionale e per i sopravvissuti a gravi violazioni dei diritti umani. Copre circa 25 paesi in tre diverse regioni collegate alle stesse rotte terrestri e marittime utilizzate da migranti, richiedenti asilo e rifugiati. Nel frattempo, l’UNHCR esorta gli Stati a garantire alternative sicure ai pericolosi attraversamenti e ad impegnarsi a promuovere azioni umanitarie, di sviluppo e di pace per affrontare le sfide e le soluzioni della protezione.

L’UNHCR si è unito anche ad altre entità delle Nazioni Unite Sollecitare i paesi ad adottare misure Garantire che i rifugiati e i migranti recuperati vengano sbarcati in mare in luoghi in cui le loro vite e i loro diritti umani sono protetti.

La visualizzazione dei dati dell’UNHCR “No end in Sight” è disponibile qui: https://storymaps.arcgis.com/stories/07502a24ce0646bb9703ce96630b15fa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *