Fabregas, Como come sei / Italia / Serie B / SOFOOT.com

Cesc Fabregas è un uomo di gusto. Dopo aver vissuto a Londra, Barcellona e Monaco, lo spagnolo si è trasferito sul Lago di Como per concludere lì la sua carriera calcistica. Ma anche per iniziare ad allenare l’allenatore, nel club di cui diventerà azionista.

Ammettiamolo, la regione di Como non è molto conosciuta per le sue gesta calcistiche. E quando abbiamo saputo che Cesc Fabregas avrebbe messo lì le sue valigie, abbiamo pensato più a una vacanza in riva al lago che ad ambizioni sportive. Tuttavia, il doppio vincitore del Campionato Europeo e il Campione del Mondo 2010 non è venuto a fare turismo in questo luogo di vacanza privilegiato. “Vengo per giocare a calcio, per fare del mio meglio, per vincere le partitedisse il primo monegasco. Lo è sempre stato, e sempre lo sarà, finché non ho appeso le scarpe al chiodo. Questo momento deve ancora arrivare, ho grandi cose da fare e ho molte ambizioni per mettere questo club al suo posto in Serie A”. programma completo.

Ci sono ancora cose da dimostrare

Ambizioso, il discorso dello spagnolo è in realtà un po’ lusinghiero. Centenario, Como 1907 è un club storico solo la sua età, d’oltralpe. Dire di essersi assicurato un posto in Serie A mi sembra un po’ esagerato alla luce delle sue 13 stagioni in Serie A, l’ultima delle quali risale all’esercizio 2002-03. A maggior ragione quando si guarda alle squadre vicine come Inter, Milan, Atalanta o anche al nascente berlusconiano Monza. Certo, la città ha dato i natali ai campioni del mondo Gabriel Oriali (1982) e Gianluca Zambrotta (2006), o Patrick Cutrone, ma è più orientata alle attività marine e montane che alle onde. Quindi cosa può aver attratto Fabregas, i suoi 830 giochi professionali e la sua collezione di titoli?

READ  Sulla strada per il Tour de Romandie - rts.ch

Tutto è iniziato lo scorso maggio, quando lo spagnolo ha annunciato a colonne SoFoot La fine della sua avventura a Monaco: “La mia testa ha bisogno di un nuovo inizio da qualche altra parte. È l’anno peggiore non solo della mia carriera, ma anche della mia vita, perché quando non sono felice nel calcio, non mi sento felice nella mia vita. Ho sofferto molto quest’anno, ed è stata mentalmente dura. Tieniti forte. ” La mente spagnola viene poi avvicinata da diversi suoi ex allenatori, che lo vedono mimetizzarsi bene con lo staff. Un gol che Fabregas non nasconde, ma è molto presto: “Ma quest’anno è stato così brutto che non riesco a finirlo. Non dopo aver costruito questa carriera. Voglio continuare a giocare. Sono grato per la mia carriera, ma non credo che sia finita. Voglio solo divertirmi giocare a calcio e continuare a competere a un certo livello”.

Dopo un’avventura a Monaco costellata da più infortuni che successi (67 partite in due stagioni e mezzo contro 4 gol e 9 assist), l’ex portiere del Wenger vuole dimostrarlo un’ultima volta. E molti sembrano pensarlo. “Ho ricevuto quasi 2.000 chiamate, da agenti, a volte anche da persone che non amano il calcio ma vogliono solo fare soldi. Mi ha rattristato vedere questo lato del calcio. Volevo solo parlare di calcio e non di soldi. Non non mi interessa la parte finanziaria, volevo un progetto, qualcosa che mi piaccia, mi entusiasmi” ha raccontato al giocatore nella sua presentazione al Como.

Un giocatore, collaboratore e allenatore del futuro?

Tra le chiamate, una ha fatto la differenza contro la concorrenza, soprattutto da Las Palmas: la chiamata di Dennis Wise. Il nuovo allenatore del club in cui è arrivato a maggio 2019, l’ex difensore dell’Inghilterra seduce Fabregas: “Parlare con Dennis, da ex uomo del Chelsea, era una leggenda. Volevo solo parlare di calcio, i miei pensieri erano chiari. Dennis mi ha parlato del progetto e mi sono sentito subito coinvolto”. L’ex Barcellona ha inoltre condiviso durante la sua presentazione che non sarà solo un giocatore: “Diventerò azionista e poi mi piacerebbe diventare allenatore. La possibilità di conoscere il calcio italiano è un’altra cosa, ma voglio ribadire che non è questo il motivo per venire a Como”.

READ  "The King" per il secondo anno consecutivo, Lewandowski ha mostrato le spalle a Messi e Salah

In verità, Francesc Fabregas non poteva che essere solo la prima parte di un ambizioso puzzle in riva al lago. Pochi giorni dopo la sua nomina, lui Gazzetta dello sport Così ha confermato che un’altra leggenda dell’Arsenal sarebbe entrata nella proprietà del club: Thierry Henry. Se conferma di essere lì per giocare sopra ogni cosa, Fabregas punta anche a impegnarsi per il Como “Il lungo termine” Anche se il suo contratto dura solo due anni. Dopo una stagione bianconera (non gioca dallo scorso settembre), e frequenti infortuni, lo spagnolo ha ancora qualcosa da portare in campo? Da dove viene per prepararsi al prossimo? “Mi piacerebbe essere un allenatore in Premier League, al 100%. Se riesco a visualizzare un obiettivo tra qualche anno, è sicuramente nella mia testa”.lo spagnolo ha recentemente ammesso a Sky Sport. Ma tutto è a suo tempo, devi andare passo dopo passo. Sono qui per fare bene con Cuomo. È un bel progetto e vediamo dove andremo da lì. »

Fino ad allora, per ora da giocatore Cesc Fabregas proverà a compiere i 13 annie Dall’ultima seconda divisione come candidato alla promozione. In attesa dell’esordio ha già preso appuntamento con uno dei concorrenti, il Parma di Gianluigi Buffon. “Ho già segnato due gol per Buffon in carriera, quindi perché non dargli anche il terzo?” Lo spagnolo ha twittato. La risposta di Gigi: “Sarà un piacere rivederti in campo e sfidarti ancora Cesc. Benvenuto in Italia, eroe! Ti aspetto a braccia aperte. Vediamo se riesci ancora a segnare”. Una domanda che tutti si pongono, in realtà. E nel peggiore dei casi, se ripeterà le sue esibizioni a Monaco, Fabregas potrà sempre fare un giro turistico in riva al lago.

READ  Calendario dei tornei di sport motoristici per la stagione 2021

Scritto da Adrien Hémard-Dohain

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.