Dopo i successi al Giro, Derek Gee deve decidere in che direzione andare

Dopo i successi al Giro, Derek Gee deve decidere in che direzione andare

Il ciclista canadese si sta lentamente riprendendo dal Giro d’Italia, il suo primo Grand Tour e le sue strepitose e fantastiche prestazioni.

Soprattutto mi sento così stanco che non l’avevo mai saputo prima. Il recupero assume molte forme. Dopo una settimana penso di poter girare (per fortuna la domenica è un giorno di gara), ma per recuperare completamente da un giro lungo ci vogliono diverse settimaneha detto a Radio Canada.

Il nativo di Ottawa si ritiene fortunato per essere riuscito a mantenere questo livello di forma nelle tre settimane del Giro.

Derek Gee al termine della corsa nella tappa del Giro

Foto: Israel-Premier Tech

Ha partecipato a sette fughe, per una distanza totale di 1.045 km su un percorso di 3.358 km. Inoltre, è arrivato molto vicino a vincere le tappe. È arrivato secondo quattro volte.

Ammette, non mi aspettavo di essere così competitivo alla fine. Sono fortunato che il mio corpo se la stia aggrappando. Pensavo che sarei crollato la scorsa settimana, ma il team che fa i grandi trucchi ha le risorse per aiutarci, con massaggi e pasti nutrienti. E ovviamente ci sono consigli dei suoi colleghi che hanno molta esperienza di tour. Tutto questo mi ha aiutato molto

È stato durante il Giro che Derek Gee ha imparato a gestire le sue paure. Che tu stia pensando a discese vertiginose o salite interminabili.

Nessuno può dire al primo grande giro: “Sì, posso resistere”. Ho avuto momenti di dubbio, persino ansia. Ma quando sei in modalità corsa, il tuo cervello respinge tutto. L’adrenalina ti permette di dimenticare tutto. Per fortuna, perché non sarà possibile stare in gruppo, spalla a spalla, a 60 km/h.

READ  Gli insulti contro Samuel Umtiti, nuova manifestazione di razzismo radicata nello sport in Italia

Non è stato aiutato dal suo peso di 75 kg (165 libbre), e lo ha riconosciuto soprattutto in montagna.

È ridicolo, spiega con una risata, provare a seguire un corridore di 60 chili nelle Dolomiti. Ho faticato ad attraversare alcune montagne. Penso di essere stato tra i più pesanti, sicuramente nella top 5. Di per sé 75kg non sono molto pesanti, ma nel mondo delle bici professionali i segnali non sono gli stessi.

Come ha detto Hugo Holly a Radio-Canada, Derek G dovrà considerare di perdere peso se vuole lottare per la classifica generale della corsa a tappe.

Dipenderà dalle scelte che farà la squadra. Per le classiche di un giorno, ad esempio in Belgio, ho il peso perfetto. Per vincere una tappa di un Grand Tour, ora so di avere il potenziale per farlo con il peso che ho. Ma se punto a una buona classifica generale, devo essere costante durante le tappe di montagna. Quindi sì, dovrò cambiare la forma del mio corpoAggiunge.

Vuole prendersi il tempo per pensare a cosa vuole ottenere come ciclista.

Prima del Giro non pensavo di avere le gambe per arrivare a tanto. Alcuni corridori puntano alla vittoria di tappa e io ci sono andato molto vicino, ma senza successoMenzionato.

Quindi devo pensare alla direzione in cui voglio portare la mia carriera lungo la strada. Ovviamente, la squadra decide. Ma sì, è molto probabile che mi dia un obiettivo di classificazione generale in futuro. »

Citazione da Derek G, ciclista canadese

Ne parleremo nei prossimi giorni, perché all’inizio del Giro il mio compito era aiutare i compagni. Obiettivi cambiati in tre settimaneEgli ha detto.

Se i suoi risultati al Giro gli fanno ben sperare per la prossima edizione, sa che per distinguersi maggiormente in un Grand Tour dovrà aggiustare le scelte di allenamento.

Dice che è chiaro che posso migliorare. Sono ben lungi dall’essere un corridore completo. La maggior parte di loro si allena in quota per prepararsi alle grandi corse. Non ho potuto farlo, perché mi hanno chiamato all’ultimo minuto. Ho competenze da acquisire, soprattutto sulle piste. Vanno veloci, è incredibile. E se non sai come scendere, stai sprecando un sacco di energia. Ho ancora molto da imparare se voglio avvicinarmi ai migliori.

Un gruppo di quattro ciclisti.

Derek Gee conduce una fuga durante il Giro d’Italia 2023

Foto: Israel-Premier Tech

Dopo aver scoperto le esigenze fisiche e mentali di un Grand Tour, dopo aver dovuto gestire l’attenzione dei media, Derek Gee avrà da oggi una cosa in più da gestire: l’interesse delle squadre in gara, nonostante sia contrattualmente legato alla Israel Premier-Tech squadra fino al 2025.

Fa parte dello sport. Anche se volessi solo guidare la moto e non pensare ad altro, so che ci sono molte cose da gestire, ad esempio la promozione agli sponsor. E sì, anche l’interesse che altre squadre potrebbero mostrare nella tua nicchia. È vero che a volte è difficile concentrarsi quando tutto questo sta accadendo. Ma visto che ho un contratto fino al 2025, la mia casa per ora è qui.

Nessuna squadra mi ha contattato personalmenteinsiste.

Un ciclista seduto per terra ride e tiene nella mano destra una lattina di bibita.

Derek Gee è molto contento della sua prestazione al Giro.

Foto: Israel-Premier Tech

La sua performance farà sicuramente girare la testa. Ne è consapevole e ne è orgoglioso. Ma al di là dei risultati, il suo momento di maggior orgoglio è Derek Gee che dice di averlo provato il giorno prima della finale, durante la cronometro ha concluso 31°.

READ  La splendida Italia affronta la Scozia per la prima vittoria casalinga nel torneo dal 2013

Non ho ottenuto un grande risultato, ma ho già mostrato di cosa ero capace. E dato che era una cronometro, ho potuto indossare una foglia d’acero sulla mia tuta, perché sono il campione canadese in carica. Così ho mostrato la nostra bandiera alle telecamere che seguivano il percorso. Era molto buonolui spiega.

Per quanto riguarda i classici di Bruxelles, non si pongono obiettivi troppo ambiziosi.

Questa gara non è necessariamente per me, quindi il mio compito sarà aiutare un compagno di squadra a vincere. L’obiettivo per me è vedere se mi sono ripreso bene dalle tre settimane di fatica che ho fatto in Italia.ha concluso il Ciclo di Ottawa.

Derek Gee tornerà a casa per competere ai campionati canadesi, dal 23 al 26 giugno, a Edmonton.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *