Discendente di immigrati croati da Coal Island, New Kids, candidato presidente di sinistra sconfigge Pinochet e i fan di Trump

Il 35enne ex figlio di immigrati croati, ex leader del movimento studentesco e candidato di sinistra, Gabrijela Boric, è diventato il nuovo presidente del Cile.

Vale a dire, nel secondo turno delle elezioni, Borich ha sconfitto l’ala destra di Jose Antonio Casta, un fan dell’ex dittatore cileno Augusto Pinochet e del presidente brasiliano Bolsonaro, nonché dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Vale a dire, Porich ha ricevuto quasi il 70 percento dei voti rispetto a Casta, che ha ricevuto solo il 48 percento.

Durante la campagna elettorale, Borek (35), da candidato di sinistra, ha dichiarato che se avesse vinto avrebbe “seppellito” politicamente ogni traccia del modello neoliberista che ha dominato il paese durante il governo di Augusto Pinochet e oltre. Borek ha promesso ai cittadini di nazionalizzare il sistema sanitario privato, introdurre sussidi e aumentare le tasse sui ricchi.

Fu proprio a causa di questo programma che ottenne la simpatia di un gran numero di cileni.

Alcuni hanno affermato che Borek è in realtà il vero successore del primo presidente di sinistra del Cile, Salvador Allende, che fu brutalmente assassinato in un colpo di stato militare l’11 settembre 1973, quando il generale Augusto Pinochet prese il potere.

READ  بلسان حسن نصر الله.. إيران تطعن الأسد مجدداً

Altrimenti, Borek sarà il capo di stato più giovane del mondo. Inoltre, la vittoria della sinistra nel continente sudamericano, in particolare in Cile, influenzerà probabilmente i paesi vicini dove le regole sono giuste, e questo dipenderà principalmente da quanto manterrà tutte le promesse della gioventù di sinistra. Smantellare il modello neoliberista stabilito dal generale Pinochet con i giovani di Chicago dopo il colpo di stato e l’assassinio di Salvador Allende.

Sii il capo di tutti i cileni

Il presidente cileno uscente Sebastian Pinera ha dichiarato domenica sera che il Paese vive in un “ambiente di eccessiva polarizzazione, confronto e disaccordo” e ha invitato il suo successore a “essere il presidente di tutti i cileni”.

La maggioranza è interessata anche a come la vittoria del candidato di sinistra influenzerà l’economia di questo Paese latinoamericano, che è il più stabile in quella parte del mondo.

Chi è Gabriela Boric?

I suoi antenati provengono dall’isola di Ugljan, che Gabriel ha visitato anche nel 2010. Domagoj Kombura di Ugljan è cugino di Gabriel Borić, candidato alla presidenza del Cile. È vicino alla terza o quarta generazione, dice, da parte della sua bisnonna, il cui cognome era Porich.

Gli antenati di Gabriel si sono trasferiti in Cile più di 120 anni fa. Tre fratelli vivevano nella vecchia casa della famiglia Porich. Due sono andati in Cile, uno è rimasto in Ugliano. La storia della famiglia e della casa in cui nessuno abita da quarant’anni è di grande interesse per il potenziale futuro presidente del Cile.

Ha aggiunto: “Era un po’ introverso. Non sa parlare niente in croato, parla bene l’inglese. Ma era interessato a tutto, che si informava su tutto, un ragazzo assolutamente normale”.

READ  En Équateur, une mutinerie dans une jail fait au moins 29 morts

Gabriel aveva 25 anni quando visitò Ocalan. Nel 2011 è stato molto attivo anche in Cile, dove ha guidato le proteste studentesche. Con un megafono in mano, ha guidato migliaia di studenti per le strade della capitale chiedendo istruzione gratuita per tutti. Dopo due mandati al Congresso, Porich è entrato nella corsa presidenziale e, dopo aver vinto più del sessanta per cento dei voti, è diventato il candidato dell’Alleanza di sinistra.

Kurir.rs/AM

Consegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *