Casuale: la Francia vieta termini di gioco come “esport” per preservare la purezza della lingua

Casuale: la Francia vieta termini di gioco come “esport” per preservare la purezza della lingua
Foto: Giochi epici

Nel tentativo di mantenere la purezza della lingua francese, i funzionari in Francia hanno vietato termini di gioco comuni come “pro-gamer” e “Streamer”. D’ora in poi, le comunicazioni ufficiali del governo utilizzeranno termini più tradizionali come “joueur-animateur en direct” invece di “streamer”, che letteralmente si traduce in “host del giocatore dal vivo” e il leggermente più indulgente “joueur professionnel” di “pro- gamer, che, come avrai senza dubbio intuito, si traduce in “giocatore professionista”.

La decisione è stata presa dopo aver consultato il Ministero della Cultura francese, che ha dichiarato all’AFP (“Agence France Presse”) che il settore dei giochi in particolare è attualmente disseminato di termini di gioco specifici che potrebbero fungere da “barriera alla comprensione” da parte di qualsiasi non giocatori.

Il cambiamento è ora vincolante per qualsiasi funzionario pubblico in Francia, anche se a questo punto della stampa francese rimane alquanto improbabile che il cambiamento penetri nella vita quotidiana dei cittadini francesi.

Altri termini interessati dal cambiamento includono “eSports”, che ora è “jeu video de competition”, e “cloud gaming” che ora è “jeu video en nuage”. Tutto sommato, pensiamo che abbia senso; lingua francese lui è Pretty e parole come “eSports” non hanno lo stesso… je ne sais quoi. Ehi, guarda cosa abbiamo fatto!

Cosa prende questa decisione dei funzionari francesi? C’è molto rumore per niente? Fatecelo sapere con un commento.

READ  Android 15 potrebbe migliorare i canali di notifica: ecco come

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *