Boris Johnson affronta un’altra rivelazione dannosa a Natale 2020

Il primo ministro britannico Boris Johnson.

  • Il primo ministro britannico Boris Johnson potrebbe dover affrontare più rabbia per la notizia che un anno fa aveva personalmente violato le regole di blocco del Covid.
  • Il Mirror ha riferito che il primo ministro britannico ha ospitato un breve quiz di Natale dalla sua residenza di Downing Street, quando Londra era sotto un ordine di “non mescolarsi”.
  • Londra all’epoca era soggetta a regolamenti che vietavano la mescolanza sociale delle famiglie con incontri di lavoro a Natale.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, impantanato in una serie di crisi che hanno fatto arrabbiare i parlamentari Tory, potrebbe dover affrontare ulteriore rabbia per un rapporto che ha violato personalmente le regole di blocco di Covid un anno fa.

Il Mirror ha riferito sabato sera che il primo ministro britannico ha ospitato un test di Natale dalla sua residenza di Downing Street nel dicembre dello scorso anno, quando Londra era sotto un ordine “no-mix”.

Il primo ministro è stato ripreso sullo schermo con almeno due dei suoi aiutanti che leggono domande allo staff, che ha partecipato via computer dalle loro scrivanie al decimo posto in squadre di un massimo di sei persone.

Londra all’epoca era soggetta a regolamenti che vietavano la mescolanza sociale tra le famiglie. Sono vietati gli assembramenti di lavoro natalizi.

The Mirror ha riferito che i dipendenti sono stati invitati settimane fa a partecipare a un concorso virtuale per raccogliere fondi per beneficenza.

La popolarità di Johnson è crollata nelle ultime settimane dopo la mancata gestione dell’indagine etica e con il governo che ha proposto nuove dure restrizioni sul “Piano B” per contrastare una nuova ondata di casi Covid e la variante Omicron in rapida diffusione.

READ  Dopo l'Ucraina, questa volta anche un tour in Russia

I laburisti guidati di sei punti dal Partito conservatore di Johnson in un sondaggio condotto da Savanta Comris per il Daily Mail dal 9 al 10 dicembre, di nove punti dal 3 al 5 dicembre.

Il secondo sondaggio, condotto dall’Opinium’s Observer, ha messo il Labour a nove punti e ha mostrato che il 57% degli elettori ritiene che Johnson dovrebbe dimettersi, nove punti in più rispetto a due settimane fa. Il tasso di approvazione di Johnson era al -35%, in calo rispetto al -21% di due settimane fa.

Il Parlamento dovrebbe votare questa settimana sulle ultime restrizioni e Johnson potrebbe affrontare una ribellione di circa 60 parlamentari conservatori, secondo le persone che hanno parlato a condizione di anonimato.

La questione se la serie di polemiche abbia segnato l’inizio della fine per Johnson è ora oggetto di dibattito pubblico, anche sui giornali tory-friendly.

La scorsa settimana, Johnson ha affrontato le accuse secondo cui una festa di Natale tenutasi a Downing Street nel 2020 ha violato le restrizioni di Covid al culmine della pandemia. È trapelato anche un video che mostra i suoi dipendenti che deridono le misure Covid.

Il primo ministro ha finora affermato di non aver partecipato alle riunioni sociali nella sua residenza lo scorso Natale. In Parlamento la scorsa settimana, Johnson ha affermato di aver ricevuto “assicurazioni ripetute” che le regole di Covid-19 non erano state infrante.

Ricevi le più grandi storie di affari via email a te tutti i giorni della settimana.

vai a La prima pagina di Fin24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *