Blinken afferma che qualsiasi mossa della Cina per invadere Taiwan avrebbe “serie conseguenze”

WASHINGTON (Reuters) – Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha detto venerdì che qualsiasi mossa della Cina per invadere Taiwan avrebbe “serie conseguenze”, aggiungendo che spera che i leader cinesi riflettano molto attentamente sul “non far precipitare una crisi” in tutto il Paese. Stretto di Taiwan.

Parlando alla prossima conferenza Reuters, Blinken ha affermato che la Cina stava cercando di cambiare lo status quo sull’autogoverno di Taiwan, che Pechino rivendica come suo territorio, e che gli Stati Uniti erano “fortemente impegnati” per assicurarsi che l’isola avesse i mezzi. per difendersi.

“Ma anche in questo caso, spero che i leader cinesi riflettano attentamente su questo e non precipitino una crisi che, penso, potrebbe avere gravi conseguenze per molte persone e per altre che non sono nell’interesse di nessuno, a cominciare dalla Cina”, ha detto Blinken. . .

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Alla domanda se gli Stati Uniti potrebbero impegnarsi a inviare forze militari in caso di invasione, Blinken ha dichiarato: “Siamo stati molto chiari e coerenti, per molti anni, impegnati ad assicurarci che Taiwan avesse i mezzi per difendersi e… Continueremo a mantenere questo impegno”.

Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken parla a una conferenza stampa durante la riunione del Consiglio dei ministri dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) a Stoccolma, Svezia, 2 dicembre 2021. Jonathan Nakstrand/Paul via Reuters

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta cercando di creare più spazio per Taiwan nel sistema internazionale in mezzo a quelli che si dice siano gli sforzi militari e diplomatici coercitivi di Pechino per isolare l’isola governata democraticamente.

Biden ha suscitato scalpore a ottobre quando ha affermato che gli Stati Uniti, obbligati da una legge del 1979 a fornire a Taiwan i mezzi per difendersi, avrebbero difeso Taiwan se avessero attaccato la Cina.

I suoi commenti sembravano discostarsi dalla politica statunitense di “ambiguità strategica” nei confronti di Taiwan riguardo a come Washington avrebbe risposto a un tale scenario. La Casa Bianca ha affermato che Biden non ha indicato un cambiamento nella politica degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan e alcuni analisti hanno respinto i suoi commenti come un lapsus.

READ  จีนยิงทิ้ง2เสือ คาหุบเขา หลุดจากกรงแล้วจับไม่ได้ ทำร้ายคนเลี้ยงดับ - ข่าวสด

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha promesso di difendere l’isola, dicendo che solo il suo popolo può decidere del suo futuro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Alessandra Galloni, David Bronstrom, Michael Martina, Humira Pamuk e Simon Lewis; Montaggio di Jonathan Otis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *