Atomstroyexport in Russia: l’Egitto avrà la centrale nucleare migliore e più sicura

Reuters Benoit Tessier

centrale nucleare

Grigory Sonin, vicepresidente della società russa Atomstroyexport e direttore del progetto della centrale nucleare di El Dabaa in Egitto, ha confermato che il Cairo avrà la centrale nucleare migliore e più sicura.

In una dichiarazione al canale “Nile News”, “L’Egitto non solo avrà una centrale nucleare, ma avrà anche la migliore e più sicura centrale nucleare dotata delle ultime tecnologie e tecnologie che sta già operando con successo in Russia e all’estero”.

Ha elogiato “la cooperazione russo-egiziana nel campo dell’energia nucleare, che è stata incarnata nel progetto Dabaa, che mira a sostenere e sviluppare l’economia egiziana”, congratulandosi con l’Egitto e il suo popolo in occasione della prima vacanza sull’energia nucleare.

Ha spiegato che “la cooperazione nucleare tra Russia ed Egitto è iniziata nel 2015 con la firma di un accordo di cooperazione per la costruzione di piccoli reattori di ricerca, che ha aperto la strada alla costruzione di una centrale nucleare in Egitto”, esprimendo la sua felicità di partecipare allo sviluppo della prima centrale nucleare in Egitto, la “Centrale Dabaa” nel governatorato di Marsa Matrouh.

Ha aggiunto che l’azienda russa sta lavorando a pieno ritmo con i suoi partner egiziani per realizzare il sogno.

Ha indicato l’inizio dei preparativi per il sito della futura centrale nucleare, nonché la disponibilità del porto marittimo, che presto riceverà attrezzature grandi e pesanti dalla Russia per avviare l’attuazione del progetto di energia nucleare egiziana.

E “Atomstroyexport” rappresenta il ramo di ingegneria della società statale russa “Rosatom” per la ricerca e la costruzione di reattori ed energia atomica, e gode di una posizione di leadership con un portafoglio di prenotazioni che rappresenta la parte del leone nei progetti di energia atomica in tutto il mondo.

READ  Problema di sospensione dello smartphone: il tuo smartphone è sospeso .. Se conosci i motivi .. Facile da risolvere

Fonte: “Eco del Paese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *