Android 12: il vecchio standard di telefonia mobile come gateway: ecco come disattivare in modo permanente le connessioni 2G

Androide

Non solo smartphone e sistemi operativi si sono sviluppati rapidamente, ma anche gli standard mobili hanno fatto passi da gigante negli ultimi tre decenni, con 4G e 5G che svolgono un ruolo particolarmente importante in questo Paese. Ma poiché gli smartphone dovrebbero essere il più possibile compatibili con le versioni precedenti, il 2G è ancora supportato. con Android 12 Puoi disabilitare il supporto per il vecchio standard e probabilmente dovresti.


La sigla G potrebbe essere associata a qualcos’altro a causa della pandemia, ma 2G, 3G, 4G e forse il più famoso 5G sono abbreviazioni degli standard mobili. La stragrande maggioranza degli smartphone supporta ancora il 2G per ottenere la massima compatibilità possibile in tutto il mondo, nonostante sia stato disattivato molto tempo fa in molti paesi. Ma lo standard risale al 1991 e non fornisce in alcun modo la sicurezza e la crittografia degli standard moderni. Pertanto, potrebbe effettivamente diventare un gateway per attaccare.

con Android 12 Hai la possibilità di disattivare il supporto 2G proteggendoti così da un gateway non necessario per gli attacchi. Ciò è necessario perché gli smartphone possono comunque tornare ad altri standard se la ricezione 5G o 4G è scarsa.

In questo modo è possibile disattivare il 2G
Se vuoi disattivarlo, trova la seguente impostazione: Impostazioni -> Rete e Internet -> Scheda SIM, quindi trova la sottovoce Utilizzo 2G, che devi semplicemente disattivare. Può essere chiamato in modo leggermente diverso per ogni smartphone, quindi verifica tu stesso se hai ragione.

READ  Vuoi avere un accesso gratuito in ADSL e passare la fibra? Liberare una soluzione pour vous

» Android 12L: queste le principali novità nell’attuale versione beta del sistema operativo Google (Galleria)

» Android 13: tanti leak sul nuovo sistema operativo Google – tutto quello che si sa finora (Galleria)

[AndroidPolice]

Non perderti altre notizie di Google: iscriviti alla newsletter di GoogleWatchBlog
Iscriviti alla newsletter di GoogleWatchBlog


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.