Ambiguità nei termini di utilizzo della licenza Adobe: gli utenti sollevano segnali d'allarme

Ambiguità nei termini di utilizzo della licenza Adobe: gli utenti sollevano segnali d'allarme

Screenshot di un ex abbonato Adobe relativo ai termini di licenzaPiattaforma X ufficiale

Il 6 giugno 2024, Adobe ha rilasciato una dichiarazione chiarificatrice tra le proteste sui social media riguardo ai suoi termini di utilizzo relativi alla licenza dei contenuti degli utenti.

Gli utenti hanno affermato che, accettando i termini aggiornati, accettavano effettivamente di consegnare le proprie creazioni e materiali ad Adobe come parte di una licenza non esclusiva ed esente da royalty. La preoccupazione principale espressa è che Adobe addebita agli utenti una tariffa di abbonamento mensile e quindi accetta i loro contenuti gratuitamente.

Ciò probabilmente solleverà una serie complessa di questioni relative alla proprietà intellettuale che riguardano l’accesso aperto, i diritti degli utenti, la creatività, il consenso e la redditività.

Scott Belsky Adobe

Scott Belsky, direttore strategico e vicepresidente esecutivo del design e dei prodotti emergenti, AdobeSito ufficiale dell'Adobe

Mistero:

I termini aggiornati affermano: 4.2 Licenze per i tuoi contenuti. Esclusivamente allo scopo di gestire o migliorare i Servizi e il Software, ci concedi una licenza non esclusiva, mondiale, esente da royalty e concedibile in sublicenza per utilizzare, riprodurre, visualizzare pubblicamente, distribuire, modificare, creare opere derivate basate su, eseguire pubblicamente e tradurre il contenuto.”

Adobe ha cercato di chiarire cosa significa concedere in licenza il Contenuto dell'autore ai sensi dei presenti Termini. “Per essere chiari, Adobe richiede una licenza limitata per accedere ai contenuti esclusivamente allo scopo di gestire o migliorare i Servizi e il Software e per far rispettare i nostri termini e rispettare la legge, come la protezione da contenuti offensivi.”

Inoltre, per quanto riguarda l'apprendimento automatico, Adobe ha dichiarato: “Quando analizziamo i tuoi contenuti ai fini del miglioramento e dello sviluppo del prodotto, prima aggreghiamo i tuoi contenuti con altri contenuti e quindi utilizziamo il contenuto aggregato per addestrare i nostri algoritmi e quindi migliorare i nostri prodotti e servizi se desideri che Adobe utilizzi i tuoi contenuti per questi scopi, puoi disattivare l'analisi dei contenuti in qualsiasi momento.

READ  Una nuova ricerca rileva che le persone costruiscono il 40% di muscoli in più - BOBROX

Pur riconoscendo gli sforzi di Adobe nel fornire tali chiarimenti, sembra che si crei una costante confusione tra gli utenti leggendo il testo della clausola contraria. Dichiarazione del 6 giugno 2024. In primo luogo, gli utenti e gli abbonati Adobe sono chiaramente preoccupati per l’uso di parole come “non esclusivo” e “esente da royalty” per licenze e altre implicazioni. In secondo luogo, si ha la percezione che la dichiarazione di Adobe non sembri affrontare direttamente il testo della clausola di cui sopra in modo sostanziale. Adobe mantiene la propria posizione secondo cui i contenuti vengono utilizzati principalmente “ai soli fini di funzionamento o miglioramento del software” e per scopi di “analisi”.

domande:

Sarà interessante vedere come andrà a finire e se i termini saranno soggetti a future discussioni legali. Qualche problema:

Proprietà contro licenzaLe presenti Condizioni d'uso riconoscono e consentono i diritti di proprietà degli utenti/creatori e contemporaneamente concedono ad Adobe i diritti di licenza su tale Contenuto dell'utente. Potrebbe essere necessaria una maggiore chiarezza da parte di Adobe sui limiti definitivi della licenza o sulla loro rimozione sui termini effettivi concordati tra le parti.

Validità legale: Bisognerebbe valutare se i chiarimenti di Adobe avranno validità legale, poiché non fanno parte dell'accordo vero e proprio tra Adobe e i suoi clienti.

• Chi ne trae vantaggio? Gli utenti sono preoccupati per l'uso dei propri contenuti e per la protezione dei propri diritti di utilizzo di tali contenuti nonostante queste autorizzazioni di licenza.

• Crescita dell'intelligenza artificiale: Adobe cita come esempio: “In Photoshop, l'apprendimento automatico può essere utilizzato per correggere automaticamente la prospettiva di un'immagine. Con la modalità Liquid in Acrobat, miglioriamo la leggibilità di un PDF, ad esempio, ottimizzando automaticamente le intestazioni e le tabelle dei documenti per aiutarti di più. scorrere e leggere facilmente documenti densi “. Quali diritti manterrà l'utente come risultato di questa condizione di licenza con l'aumento dell'apprendimento automatico e questo può essere limitato?

READ  Viber ha introdotto una nuova utile funzione per creare promemoria

Puoi aspettarti approcci più recenti ai termini di Adobe e ai chiarimenti sulla licenza

Nella risposta di X alle preoccupazioni degli utenti, Scott BelskyOggi, il nostro Chief Strategy Officer e Vicepresidente esecutivo di Design and Emerging Products è intervenuto in difesa dell'azienda, affermando: “Ciò che è diventato chiaro: i moderni termini di servizio devono evolversi nell'attuale clima di preoccupazioni dei clienti per affrontare queste preoccupazioni a testa alta. Ho condiviso questo feedback con il nostro team legale mentre esplorano alcuni nuovi approcci.” Nel frattempo, volevamo affrontare le modifiche apportate e l'incomprensione sul motivo per cui le società cloud richiedono una licenza limitata per ospitare i contenuti delle persone e farlo cose per abilitare le funzionalità, tramite un post sul blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *